Prurito acuto nei pazienti con eczema collegato ad allergeni ambientali

Questa è una vignetta dello studio.  La didascalia descrive al meglio l'immagine

Oltre a un’eruzione cutanea, molti malati di eczema sperimentano anche prurito cronico, ma a volte quel prurito può diventare tortuoso. Peggio ancora, gli antistaminici – il trattamento standard per prurito e allergia – spesso non aiutano. Una nuova ricerca della Washington University School of Medicine di St.Louis indica che gli allergeni nell’ambiente sono spesso la causa di episodi di prurito acuto nei pazienti con eczema e che il prurito spesso non risponde agli antistaminici perché i segnali di prurito vengono trasportati a il cervello lungo un percorso precedentemente non riconosciuto che i farmaci attuali non prendono di mira. Le nuove scoperte, pubblicate il 14 gennaio sulla rivista Cell, indicano un possibile nuovo obiettivo e strategia per aiutare i pazienti con eczema ad affrontare quegli episodi di prurito acuto e grave. Anni fa, pensavamo che prurito e dolore fossero trasportati lungo le stesse linee della “metropolitana” dai nervi al cervello, ma si è scoperto che non lo erano, e queste nuove scoperte mostrano che c’è un altro percorso che sta causando questi episodi di acuta prurito nei pazienti con eczema. Il prurito può essere esasperante. I pazienti possono valutare il loro prurito cronico intorno a un 5 su una scala di 10, ma questo sale a 10 durante le riacutizzazioni del prurito acuto. Ora che sappiamo che quei “razzi” acuti vengono trasmessi in un modo completamente diverso, è possibile indirizzare quel percorso e forse è possibile aiutare quei pazienti. La via tipica del prurito nei pazienti con eczema coinvolge le cellule della pelle che vengono attivate e quindi rilasciano istamina, che può essere inibita con farmaci antistaminici. Ma con questo prurito acuto, un diverso tipo di cellula nel flusso sanguigno trasmette segnali di prurito ai nervi. Quelle cellule producono una quantità eccessiva di un’altra sostanza non istaminica che innesca il prurito; pertanto, gli antistaminici non funzionano in risposta a tali segnali. I ricercatori hanno collegato il prurito acuto nell’eczema a reazioni allergiche trasmesse da una popolazione di cellule completamente diversa. Nei pazienti che sperimentano episodi di prurito acuto, il loro corpo reagisce allo stesso modo delle persone con allergia acuta. Se si riesce a bloccare questo percorso con i farmaci, potrebbe rappresentare una strategia per il trattamento non solo del prurito ma anche di altri problemi, tra cui forse la febbre da fieno e l’asma. Negli ultimi anni, diversi studi clinici hanno testato una strategia che prevede il blocco dell’immunoglobulina E (IgE), una sostanza prodotta dal sistema immunitario in risposta agli allergeni. I pazienti con allergie producono IgE, causando reazioni allergiche, ma il suo ruolo nel prurito non è stato chiaro. Esaminando i dati degli studi clinici sui farmaci volti a trattare il prurito cronico, il team ha trovato un modello in cui i pazienti riportavano episodi di prurito acuto, spesso dopo l’esposizione ad allergeni ambientali. Ha anche scoperto che i pazienti con eczema che producono IgE in risposta agli allergeni nell’ambiente avevano maggiori probabilità di sperimentare quegli episodi di prurito acuto e grave. Gli allergeni ambientali in realtà promuovono questo tipo di prurito. Diciamo che un paziente con eczema va a casa della nonna, dove c’è un gatto, e quella persona impazzisce dal prurito. È probabile che il pelo di gatto stia attivando le IgE e le IgE attivano il prurito. Il team ha portato queste osservazioni in laboratorio, dove il suo team ha realizzato un modello murino di eczema. Studiando gli animali, hanno scoperto che quando i topi producevano IgE, cominciavano a prudere. Ma a differenza dei segnali di prurito standard, in cui le cellule della pelle chiamate mastociti rilasciano istamina, le IgE nei topi con eczema hanno attivato un tipo di globuli bianchi chiamati basofili. Quelle cellule hanno quindi attivato un insieme completamente diverso di cellule nervose rispetto alle cellule che trasportano segnali di prurito che rispondono agli antistaminici. La scoperta che il prurito acuto nell’eczema è legato all’esposizione agli allergeni può aiutarli a evitare cose che li fanno prudere intensamente, inclusi animali, polvere, muffe o determinati alimenti. Nel frattempo, offre anche alle aziende farmaceutiche nuovi bersagli per il trattamento del prurito nei pazienti con eczema, comprese le proteine ​​e le molecole che il team ha identificato lungo questo percorso neuroimmunitario appena identificato.

Daniele Corbo

Bibliografia: “A basophil-neuronal axis promotes itch” by Kim BS et al. Cell

Immagine: L’immagine è attribuita a Madison Mack

Un commento Aggiungi il tuo

  1. Author ha detto:

    Hey Daniele Corbo I’m new to wordpress and your posts are cool! and please do support & follow my website….https://vertigotalks.wordpress.com/

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.