L’acido grasso può aiutare a combattere la sclerosi multipla

Avocado Painting by Nadine Geller |

Secondo un nuovo studio di Yale, la risposta anormale del sistema immunitario che causa la sclerosi multipla (SM) attaccando e danneggiando il sistema nervoso centrale può essere innescata dalla mancanza di uno specifico acido grasso nel tessuto adiposo. La scoperta suggerisce che il cambiamento nella dieta potrebbe aiutare a curare alcune persone con la malattia autoimmune. Lo studio è stato pubblicato il 19 gennaio su The Journal of Clinical Investigation. Il tessuto adiposo nei pazienti con diagnosi di SM non ha livelli normali di acido oleico, un acido grasso monoinsaturo che si trova ad alti livelli, ad esempio, negli oli da cucina, nelle carni (manzo, pollo e maiale), nel formaggio, nella frutta secca, nei semi di girasole, nelle uova, nella pasta , latte, olive e avocado. Questa mancanza di acidi oleici porta a una perdita dei sensori metabolici che attivano le cellule T, che mediano la risposta del sistema immunitario alle malattie infettive, ha scoperto il team di Yale. Senza gli effetti soppressori di queste cellule T regolatorie, il sistema immunitario può attaccare le cellule del sistema nervoso centrale sane e causare la perdita della vista, dolore, mancanza di coordinazione e altri sintomi debilitanti della SM. Quando i ricercatori hanno introdotto gli acidi oleici nel tessuto adiposo dei pazienti con SM in esperimenti di laboratorio, i livelli delle cellule T regolatorie sono aumentati, hanno scoperto. Sappiamo da tempo che sia la genetica che l’ambiente giocano un ruolo nello sviluppo della SM. Questo documento suggerisce che uno dei fattori ambientali coinvolti è la dieta. Il team ha osservato che l’obesità innesca livelli malsani di infiammazione ed è un noto fattore di rischio per la SM, un’osservazione che lo ha portato a studiare il ruolo della dieta nella SM. Tuttavia, sono necessari ulteriori studi per determinare se una dieta ricca di acido oleico può aiutare alcuni pazienti con SM.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Oleic acid restores suppressive defects in tissue-resident FOXP3 Tregs from patients with multiple sclerosis” by Saige L. Pompura et al. JCI

Immagine: Avocado (Nadine Geller)

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. auacollage ha detto:

    W il burro..che adoro???🤣🤣🤣🤣

    "Mi piace"

    1. 😁Un abbraccio cara Augusta🤗

      Piace a 1 persona

  2. fulvialuna1 ha detto:

    Uno studio davvero importante.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.