La messaggistica positiva svolge un ruolo chiave nell’aumento della conformità alla maschera COVID-19

Face Mask Painting by claudia barbu

Molte organizzazioni stanno cercando modi efficaci per comunicare l’importanza di indossare la maschera, soprattutto perché i nuovi ceppi di coronavirus altamente trasmissibili minacciano di causare un’ondata di infezioni. Gli esperti dell’Università della Carolina del Nord a Chapel Hill suggeriscono che i messaggi positivi sono fondamentali per sostenere lo sforzo. I loro risultati, descritti in uno studio pubblicato a dicembre sull’International Journal of Environmental Research and Public Health, forniscono agli esperti di salute pubblica, ai leader e ai comunicatori informazioni critiche per creare messaggi che potrebbero potenzialmente aumentare l’utilizzo della maschera durante la pandemia. Con l’evoluzione della scienza durante la pandemia, è diventato chiaro che indossare maschere sarebbe stato un passaggio fondamentale. Ma non c’è molto là fuori per la messaggistica basata sull’evidenza, soprattutto non per ciò che potrebbe motivare le persone a indossare coperture per il viso. I ricercatori hanno condotto sei focus group virtuali con i residenti nella Carolina del Nord per ottenere una migliore comprensione di quando e perché utilizzano le coperture per il viso, nonché potenziali approfondimenti per la messaggistica che potrebbero migliorare i tassi di utilizzo. I sei focus group hanno visto partecipanti di molti dati demografici, incluso Latinx (di lingua inglese e spagnola); Nero, indigeno e popolo di colore (BIPOC); bianco e che vive in una zona rurale; e giovani adulti di età compresa tra 18 e 25 anni. I partecipanti al focus group hanno riferito di aver indossato frequentemente coperture per il viso quando in ambienti pubblici e interni – inclusi negozi di alimentari, strutture sanitarie e servizi religiosi – ma non li indossavano quando erano all’aperto e in grado di praticare le distanze fisiche. I partecipanti hanno anche riferito di aver rinunciato alle maschere mentre erano a casa da soli o con i membri della famiglia, così come in ambienti interni d’ufficio con i colleghi. I partecipanti allo studio erano principalmente motivati ​​a indossare maschere per proteggere e rispettare la sicurezza degli altri membri della comunità, in particolare i familiari che sono a maggior rischio di complicazioni da infezione. I focus group credevano comunemente che le maschere fossero efficaci e che indossarne una fosse una questione di responsabilità personale. Anche l’autorità dei mandati delle maschere e dell’orientamento sulla salute pubblica ha svolto un ruolo motivante. Al contrario, i partecipanti non hanno utilizzato le maschere in situazioni in cui non sentivano che il loro uso fosse necessario, ad esempio in presenza di familiari e amici o colleghi fidati. Lo studio ha riportato che queste interazioni non erano percepite come avvenute in pubblico. Queste percezioni sono problematiche, poiché le infezioni a grappolo tra familiari, amici e colleghi rimangono un modello comune per la trasmissione di COVID-19. Le sfide sociali impedivano ad alcuni di indossare maschere o di chiedere ad altri di indossarle per paura di offendere. Alcuni hanno citato barriere relative a sfide fisiche e bassa percezione di suscettibilità. Oltre alla confusione sul fatto che le maschere proteggessero chi le indossava o solo gli altri intorno a loro, alcuni partecipanti erano confusi dalla guida all’inizio della pandemia che richiedeva che le maschere fossero riservate solo al personale sanitario. E sebbene poco frequenti, i miti e le teorie del complotto che circondano i rivestimenti per il viso hanno causato preoccupazione. Anche le questioni relative all’identità, come l’affiliazione politica o la percezione che le maschere fossero “poco cool”, “non maschili” o una violazione dei diritti individuali, crearono sfide. Secondo lo studio, anche i partecipanti che indossavano costantemente coperture per il viso non gradivano che fosse detto loro cosa fare. Nella discussione di potenziali strategie di comunicazione con i focus group, i messaggi concisi e positivi sullo stare insieme e l’unità erano più allettanti dei messaggi di paura o istruttività. Le storie che hanno trasmesso gli effetti personali di COVID-19 sono state particolarmente impattanti, come i racconti degli operatori sanitari o di coloro che avevano perso una persona cara a causa del virus. Poiché i casi di COVID-19 continuano ad aumentare nella Carolina del Nord e negli Stati Uniti, c’è un urgente bisogno di messaggi efficaci per incoraggiare l’uso di coperture per il viso. Tra le raccomandazioni c’è la necessità di messaggistica sulla salute pubblica per normalizzare l’uso delle maschere negli ambienti sociali. Stiamo assistendo a un aumento dei casi di COVID-19 da interazioni interne senza mascherina con la famiglia e gli amici durante le vacanze e questo potrebbe continuare durante i mesi invernali. Dopo i focus group, il team di studio ha lanciato un sondaggio più ampio per chiedere a più persone nella Carolina del Nord cosa potrebbe aiutarli a motivarli a indossare una maschera facciale. Le intuizioni di questo sondaggio erano simili a quelle acquisite nello studio: i residenti vogliono proteggere gli altri e se stessi e vogliono messaggi positivi per incoraggiarli a farlo. Siamo lieti di vedere le nostre intuizioni incorporate nella campagna “Qualunque sia la tua ragione” che il Dipartimento della salute e dei servizi umani della Carolina del Nord ha lanciato in tutto lo stato per incoraggiare tutti a ‘mettersi dietro la maschera’.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Motivations and Barriers for the Use of Face Coverings during the COVID-19 Pandemic: Messaging Insights from Focus Groups” by Allison Lazard et al. International Journal of Environmental Research and Public Health

Immagine: Face Mask (claudia barbu)

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. Anonimo ha detto:

    Estremamente interessante ed utile. Grazie

    "Mi piace"

  2. Anonimo ha detto:

    Sono. Dina. È partito commento con email errato.☺️

    "Mi piace"

    1. Ah ok.. Grazie Dina, sei sempre gentile. Un abbraccio ☺️

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.