I bambini trascurati riportano danni intergenerazionali

lost childhood Painting by Abkorovits Robert |

Le prime esperienze di vita possono avere un effetto enorme sullo sviluppo del cervello e sulla salute neurobiologica. Una nuova ricerca sta dimostrando che questi effetti possono essere trasmessi alle generazioni successive, riportando che i neonati di madri che avevano sperimentato l’abbandono emotivo infantile mostravano circuiti cerebrali alterati coinvolti nelle risposte di paura e ansia. Lo studio appare in Biological Psychiatry: Cognitive Neuroscience and Neuroimaging, pubblicato da Elsevier. Questi risultati mostrano che il nostro sviluppo cerebrale non è solo modellato da ciò che accade nella nostra vita, ma è anche influenzato da cose che sono successe ai nostri genitori prima ancora che fossimo concepiti. I ricercatori hanno studiato 48 coppie madre-bambino a partire dal primo trimestre di gravidanza. Le madri hanno ricevuto un questionario per valutare i traumi infantili (esperienze di abuso precoce o abbandono). Le madri sono state valutate anche per i livelli attuali di stress prenatale e per l’ansia e la depressione. Un mese dopo la nascita, i bambini sono stati sottoposti a una scansione cerebrale utilizzando la risonanza magnetica funzionale a riposo, una tecnologia non invasiva che potrebbe essere utilizzata mentre i bambini dormivano naturalmente. Questi risultati straordinari sfruttano la nostra capacità di immaginare il cervello e il suo funzionamento molto presto nella vita. I ricercatori si sono concentrati sulle connessioni cerebrali tra l’amigdala, che è centrale per l’elaborazione delle emozioni paurose, e altre due regioni del cervello: la corteccia prefrontale e la corteccia cingolata anteriore. Entrambe le aree svolgono un ruolo chiave nella regolazione delle emozioni. I bambini le cui madri hanno sperimentato l’abbandono emotivo dell’infanzia avevano connessioni funzionali più forti tra l’amigdala e le regioni corticali. Dopo aver controllato i livelli di stress attuali delle madri, i ricercatori hanno scoperto che più abbandono emotivo una madre aveva sperimentato durante la sua infanzia, più fortemente l’amigdala del suo bambino era collegata alle regioni corticali frontali. L’abuso fisico o l’abbandono della madre non erano correlati con la connettività più forte. I risultati suggeriscono che l’abbandono emotivo infantile ha effetti intergenerazionali sulla struttura e la funzione del cervello. Il significato della connessione più forte rimane poco chiaro: la firma neurale che hanno osservato nei neonati di 1 mese di madri emotivamente trascurate può essere un meccanismo che porta a un aumento del rischio di ansia, oppure potrebbe essere un meccanismo compensatorio che promuove la resilienza nel caso in cui il bambino abbia meno caregiver di supporto. In entrambi i casi, l’abbandono emotivo dell’infanzia di una madre sembra lasciare una firma neurale nel suo bambino che può predisporre il bambino a rilevare più prontamente la minaccia nell’ambiente quasi dalla nascita. Questi risultati evidenziano l’importanza del supporto emotivo nelle prime fasi della vita, anche per le generazioni successive. I risultati si aggiungono alla prova delle conseguenze intergenerazionali delle prime avversità della vita, come l’abbandono materno. Studi futuri che seguono i bambini longitudinalmente aiuteranno a comprendere il significato funzionale di questi cambiamenti nella funzione cerebrale in termini di sviluppo emotivo e sociale dei figli di madri che hanno subito l’abbandono precoce.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Maternal childhood adversity associates with frontoamygdala connectivity in neonates” by Cassandra Hendrix et al. Biological Psychiatry: Cognitive Neuroscience and Neuroimaging

Immagine: lost childhood (Abkorovits Robert)

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. centroasociale ha detto:

    Bell’articolo , mi è piaciuto molto , grazie per averlo reso pubblico !

    "Mi piace"

    1. Grazie a te per il tuo commento!

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.