Le notti prima della luna piena, le persone vanno a letto più tardi e dormono meno

FULL MOON Painting by Marina Gorbachova |

Per secoli, gli esseri umani hanno incolpato la luna per i nostri stati d’animo, incidenti e persino disastri naturali. Ma una nuova ricerca indica che il compagno celeste del nostro pianeta ha un impatto completamente su qualcos’altro: il nostro sonno. In un documento pubblicato il 27 gennaio su Science Advances, degli scienziati dell’Università di Washington, dell’Università Nazionale di Quilmes in Argentina e dell’Università di Yale riferiscono che i cicli del sonno nelle persone oscillano durante il ciclo lunare di 29,5 giorni: nei giorni precedenti a un luna piena, le persone vanno a dormire più tardi la sera e dormono per periodi di tempo più brevi. Il team di ricerca ha osservato queste variazioni sia nell’ora dell’inizio del sonno che nella durata del sonno in contesti urbani e rurali – dalle comunità indigene nel nord dell’Argentina agli studenti universitari di Seattle. Hanno visto le oscillazioni indipendentemente dall’accesso di un individuo all’elettricità, sebbene le variazioni siano meno pronunciate negli individui che vivono in ambienti urbani. L’ubiquità del modello può indicare che i nostri ritmi circadiani naturali sono in qualche modo sincronizzati con – o legati a – le fasi del ciclo lunare. Si Vede una chiara modulazione lunare del sonno, con una diminuzione del sonno e un inizio successivo del sonno nei giorni che precedono la luna piena. E sebbene l’effetto sia più forte nelle comunità senza accesso all’elettricità, l’effetto è presente nelle comunità con elettricità, compresi gli studenti universitari presso l’Università di Washington. Utilizzando i monitor da polso, il team ha monitorato i modelli di sonno tra 98 individui che vivono in tre comunità indigene Toba-Qom nella provincia argentina di Formosa. Le comunità differivano nel loro accesso all’elettricità durante il periodo di studio: una comunità rurale non aveva accesso all’elettricità, una seconda comunità rurale aveva solo un accesso limitato all’elettricità – come una singola fonte di luce artificiale nelle abitazioni – mentre una terza comunità era situata in un contesto urbano e aveva pieno accesso all’elettricità. Per quasi tre quarti dei partecipanti a Toba-Qom, i ricercatori hanno raccolto dati sul sonno per uno o due interi cicli lunari. Studi precedenti del team di de la Iglesia e di altri gruppi di ricerca hanno dimostrato che l’accesso all’elettricità influisce sul sonno, cosa che i ricercatori hanno visto anche nel loro studio: il campione della comunità urbana è andato a letto più tardi e ha dormito meno dei partecipanti rurali con un numero limitato o assente di accesso all’elettricità. Ma i partecipanti allo studio in tutte e tre le comunità hanno anche mostrato le stesse oscillazioni del sonno mentre la luna progrediva nel suo ciclo di 29,5 giorni. A seconda della comunità, la quantità totale di sonno variava durante il ciclo lunare in media da 46 a 58 minuti e l’ora di andare a letto oscillava di circa 30 minuti. Per tutte e tre le comunità, in media, le persone avevano l’ora di andare a letto più tardi e la quantità di sonno più breve nelle notti da tre a cinque giorni prima della luna piena. Quando hanno scoperto questo modello tra i partecipanti a Toba-Qom, il team ha analizzato i dati del monitor del sonno di 464 studenti universitari dell’area di Seattle che erano stati raccolti per uno studio separato. Hanno trovato le stesse oscillazioni. Il team ha confermato che le sere che precedono la luna piena – quando i partecipanti hanno dormito meno e sono andati a letto dopo – hanno più luce naturale disponibile dopo il tramonto: la luna crescente è sempre più luminosa man mano che avanza verso la luna piena e generalmente sorge nel tardo pomeriggio o prima serata, posizionandosi alta nel cielo durante la sera dopo il tramonto. Anche la seconda metà della fase della luna piena e le lune calanti emettono una luce significativa, ma nel mezzo della notte, poiché la luna sorge così tardi la sera in quei punti del ciclo lunare. I ricercatori ipotizzano che i modelli che hanno osservato siano un adattamento innato che ha permesso ai nostri antenati di sfruttare questa fonte naturale di luce serale che si è verificata in un momento specifico durante il ciclo lunare. Se la luna influisce sul nostro sonno è stata una questione controversa tra gli scienziati. Questo studio ha mostrato un modello chiaro in parte perché il team ha utilizzato monitor da polso per raccogliere dati sul sonno, al contrario dei diari del sonno riportati dagli utenti o di altri metodi. Ancora più importante, hanno tracciato gli individui attraverso i cicli lunari, il che ha aiutato a filtrare parte del “rumore” nei dati causato dalle variazioni individuali nei modelli di sonno e dalle principali differenze nei modelli di sonno tra le persone con e senza accesso all’elettricità. Questi effetti lunari possono anche spiegare perché l’accesso all’elettricità provoca cambiamenti così pronunciati nei nostri schemi di sonno. In generale, la luce artificiale disturba i nostri orologi circadiani innati in modi specifici: ci fa andare a dormire più tardi la sera; ci fa dormire di meno. Ma generalmente non usiamo la luce artificiale la mattina, almeno non volentieri. Questi sono gli stessi schemi che sono stati osservati qui con le fasi lunari. In certi periodi del mese, la luna è una significativa fonte di luce la sera, e questo sarebbe stato chiaramente evidente ai nostri antenati migliaia di anni fa. Il team ha anche trovato una seconda oscillazione “semilunare” dei modelli di sonno nelle comunità di Toba-Qom, che sembrava modulare il ritmo lunare principale con un ciclo di 15 giorni attorno alle fasi della luna nuova e piena. Questo effetto semilunare era minore e si notava solo nelle due comunità rurali di Toba-Qom. Studi futuri dovrebbero confermare questo effetto semilunare, che potrebbe suggerire che questi ritmi lunari sono dovuti ad effetti diversi dalla luce, come il massimo “rimorchiatore” gravitazionale della luna sulla Terra alle lune nuove e piene. Indipendentemente da ciò, l’effetto lunare scoperto dal team avrà un impatto sulla ricerca sul sonno che andrà avanti, hanno detto i ricercatori. In generale, ci sono stati molti sospetti sull’idea che le fasi lunari potrebbero influenzare un comportamento come il sonno – anche se in ambienti urbani con elevate quantità di inquinamento luminoso, potresti non sapere quale sia la fase lunare a meno che esci o guardi fuori dalla finestra. La ricerca futura dovrebbe concentrarsi su come agisce attraverso il nostro innato orologio circadiano, oppure su altri segnali che influenzano i tempi del sonno. C’è molto da capire su questo effetto.

Daniele Corbo

Bibliografia:“Moonstruck sleep: Synchronization of human sleep with the moon cycle under field conditions” by Horacio de la Iglesia et al. Science Advances

Immagine: FULL MOON (Marina Gorbachova)

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. fulvialuna1 ha detto:

    Ti do la mia esperienza: quando la luna è nel ciclo prima della luna piena, se non ci sono nuvole è luminosissima, da noi si vede bene, non c’è elettricità, non abbiamo lampioni, solo due lumi vicino al garage, quando è così vado a dormire più tardi, quando c’è luna piena allingo ancora di più, ora, non so se questo è collegato allo studio sopra citato, ma sicuramente alla magia che questo astro emana in quei momenti. Ieri era pazzesco, bellissimo, mi sono imbacuccata(eravamo a 1 grado) e sono uscita per guardare…sembrava un faro nella notte.
    Ela cosa la trovo positiva, l’anima si rasserena.

    "Mi piace"

    1. Grazie della tua condivisione, è meraviglioso quello che fai!

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.