Il disturbo post traumatico da stress è correlato alla nutrizione

Risultato immagini per PTSD

Uno studio sui fattori associati al Disturbo Post-Traumatico da Stress (PTSD) ha portato a una serie di nuovi risultati che collegano la nutrizione alle esperienze di PTSD. Notevole tra loro è la scoperta che i canadesi, di età compresa tra 45 e 85 anni, avevano meno probabilità di manifestare PTSD se consumavano una media di due o tre fonti di fibre al giorno. È possibile che livelli ottimali di fibra alimentare abbiano un qualche tipo di effetto protettivo correlato alla salute mentale. Ciò potrebbe essere dovuto alla rete di comunicazione che collega l’intestino e il cervello tramite acidi grassi a catena corta (SCFA), che sono sottoprodotti metabolici della fermentazione batterica prodotta dai microbi nell’intestino umano. Prodotto dalla fermentazione della fibra nel colon, le molecole SCFA possono comunicare con le cellule e possono influenzare la funzione cerebrale. Altri fattori correlati alla dieta trovati per essere associati a una maggiore probabilità di PTSD includevano il consumo quotidiano di pasticcini, legumi e noci o cioccolato. Questa scoperta che un aumento dell’assunzione di legumi e noci era associata a maggiori probabilità di PTSD è stata inaspettata. Tuttavia, le misure per questi nel set di dati Canadian Longitudinal Study on Aging includevano fonti come il burro di arachidi e potrebbero aver incluso anche variazioni meno salutari come noci salate o candite. Il team dello studio ha analizzato i dati del basale Canadian Longitudinal Study on Aging, che includeva 27.211 partecipanti di età compresa tra 45 e 85 anni, di cui 1.323 con disturbo post-traumatico da stress. Lo studio ha anche trovato relazioni tra PTSD e fattori come povertà, sesso, età, storia dell’immigrazione, etnia, stato civile e salute fisica. La povertà era fortemente associata al disturbo da stress post-traumatico, con un intervistato su sette il cui reddito familiare era inferiore a $ 20.000 all’anno che soffriva del disturbo. Sfortunatamente, non si sa se i sintomi del disturbo post-traumatico da stress abbiano minato la capacità di un individuo di lavorare, il che ha portato alla povertà o se lo stress associato alla povertà abbia esacerbato i sintomi di disturbo post-traumatico da stress negli intervistati. Le donne avevano quasi il doppio della prevalenza di PTSD rispetto agli uomini (6,9% contro 3,9%). E coloro che erano vedovi o divorziati avevano il doppio delle probabilità di soffrire del disturbo rispetto a coloro che erano sposati o conviventi (8,8% contro 4,4%). Quando si è arrivati all’età, la prevalenza di PTSD era più alta per i soggetti di età compresa tra 45 e 54 anni (6,4%) e più bassa per quelli di età pari o superiore a 75 anni (3,1%). Ciò supporta la ricerca precedente, che ha scoperto che il PTSD tende ad essere più comune tra gli uomini nei primi 40 anni e le donne nei primi 50. La prevalenza del disturbo da stress post-traumatico era più alta tra gli individui che avevano almeno due condizioni di salute, che stavano vivendo dolore cronico o che avevano una storia di fumo. Ciò è coerente con i risultati di altri studi, che hanno rilevato un aumento dei rischi di condizioni cardiovascolari, metaboliche e muscolo-scheletriche tra gli individui con PTSD. Questi collegamenti possono essere dovuti ad alterazioni dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene (asse HPA), infiammazione del sistema nervoso simpatico o comportamenti di salute che aumentano il rischio di cattiva salute fisica. La prevalenza del disturbo post-traumatico da stress tra gli immigrati di etnie di minoranza (7,5%) era più del doppio di quella degli immigrati bianchi (3,6%) e circa il 50% superiore rispetto ai bianchi nati in Canada (5,6%). I risultati sottolineano l’importanza di considerare l’etnia e lo status di immigrazione separatamente. Gli immigrati delle minoranze in Canada provengono in gran parte dall’Asia meridionale, dalla Cina e dal Medio Oriente, dove gruppi di individui hanno vissuto conflitti politici e /o sconvolgimenti negli ultimi 60 anni. Gli immigrati provenienti da queste regioni hanno anche maggiori probabilità di aver subito incidenti traumatici come disastri naturali e conflitti armati, e di conseguenza potrebbero essere maggiormente a rischio di PTSD. In quanto tale, potrebbe esserci un maggiore bisogno di risorse per la salute mentale per gli immigrati minoritari.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Post-traumatic stress disorder (PTSD) in mid-age and older adults differs by immigrant status and ethnicity, nutrition, and other determinants of health in the Canadian Longitudinal Study on Aging (CLSA)” by Karen Davison et al. Social Psychiatry and Psychiatric Epidemiology

Immagine: PTSD (Stephen Schirle)

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. moragnoffke ha detto:

    Food for thought 👍

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.