La felicità è davvero gratis

Risultato immagini per happiness

La crescita economica è spesso prescritta come un modo sicuro per aumentare il benessere delle persone nei paesi a basso reddito, ma uno studio condotto dalla McGill University e dall’Istituto di scienze e tecnologie ambientali presso l’Universitat Autònoma de Barcelona (ICTA-UAB) suggerisce che ci possono essere buone ragioni per mettere in dubbio questa ipotesi. I ricercatori si sono proposti di scoprire come le persone valutano il loro benessere soggettivo nelle società in cui il denaro gioca un ruolo minimo e che di solito non sono inclusi nei sondaggi sulla felicità globale. Hanno scoperto che la maggior parte delle persone ha riportato livelli di felicità notevolmente elevati. Ciò era particolarmente vero nelle comunità con i livelli di monetizzazione più bassi, dove i cittadini hanno riportato un grado di felicità paragonabile a quello riscontrato nei paesi scandinavi che tipicamente sono i più alti al mondo. I risultati suggeriscono che è possibile raggiungere livelli elevati di benessere soggettivo con una monetizzazione minima, sfidando la percezione che la crescita economica aumenterà automaticamente la soddisfazione di vita tra le popolazioni a basso reddito. Per esplorare in che modo la monetizzazione influisce sul senso di benessere delle persone, i ricercatori hanno trascorso del tempo in diverse piccole comunità di pescatori, con diversi gradi di monetizzazione, nelle Isole Salomone e in Bangladesh, due paesi a bassissimo reddito. Per alcuni mesi, con l’aiuto di traduttori locali, hanno intervistato più volte i cittadini delle aree rurali e urbane. Le interviste, che si sono svolte sia di persona che tramite telefonate in momenti inaspettati, sono state pensate per ottenere informazioni su ciò che costituiva la felicità per i soggetti di studio, nonché per avere un senso dei loro stati d’animo passeggeri, del loro stile di vita, delle attività di pesca, della famiglia reddito e livello di integrazione del mercato. In tutto, i ricercatori hanno intervistato 678 persone, di età compresa tra la metà dei vent’anni e l’inizio dei cinquanta, con un’età media di circa 37 anni. Quasi l’85% dei partecipanti allo studio era di sesso maschile. Il numero sproporzionato di uomini nello studio era dovuto al fatto che le norme culturali in Bangladesh rendevano difficile intervistare le donne. Nelle Isole Salomone, le risposte alle domande dello studio di uomini e donne non erano significativamente differenti. Tuttavia, ciò non è necessariamente applicabile alla situazione in Bangladesh, poiché le realtà sociali e gli stili di vita di uomini e donne sono molto diversi. Ulteriori ricerche dovranno valutare se le norme sociali legate al genere abbiano un impatto sull’associazione trovata in questo studio. I ricercatori hanno scoperto che nelle comunità in cui il denaro era più utilizzato, come nel Bangladesh urbano, i residenti riportavano livelli di felicità inferiori. Questo studio suggerisce possibili modi per raggiungere la felicità che non sono correlati a redditi elevati e ricchezza materiale . Questo è importante, perché se vengono replicati questi risultati altrove e vengono individuati i fattori che contribuiscono al benessere soggettivo, potrebbe aiutare ad aggirare alcuni dei costi ambientali associati al raggiungimento del benessere sociale nelle nazioni meno sviluppate. In siti meno monetizzati, hanno scoperto che le persone hanno segnalato che una percentuale maggiore di tempo trascorso con la famiglia e il contatto con la natura è responsabile di renderli felici. Ma con l’aumento della monetizzazione, hanno scoperto che i fattori sociali ed economici comunemente riconosciuti nei paesi industrializzati hanno giocato un ruolo più importante. Nel complesso, i risultati suggeriscono che la monetizzazione, soprattutto nelle sue fasi iniziali, può effettivamente essere dannosa per la felicità. È interessante notare che, mentre altre ricerche hanno scoperto che la tecnologia e l’accesso alle informazioni provenienti da culture lontane con stili di vita diversi possono influenzare il senso del proprio benessere delle persone offrendo standard a cui le persone confrontano la propria vita, questo non sembrava essere il caso in queste comunità. Questo lavoro si aggiunge alla crescente consapevolezza che i supporti importanti per la felicità non sono in linea di principio legati alla produzione economica. Quando le persone si sentono a proprio agio, sicure e libere di godersi la vita all’interno di una forte comunità, sono felici, indipendentemente dal fatto che stiano guadagnando o meno.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Happy without money: Minimally monetized societies can exhibit high subjective well-being” by Sara Miñarro et al. PLOS ONE

Immagine: Happiness (Plop Maria)

6 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    Spesso ascolto dire: “Si stava meglio quando si stava peggio”

    "Mi piace"

  2. silviacavalieri ha detto:

    Se penso alla mia vita, devo dire che il periodo più felice. è coinciso con quello più povero. È vero, parlo dell’infanzia, che forse è un periodo di per sé più felice. Però è anche vero che quella vita modesta lasciava ai miei genitori tanto tempo per la famiglia, tanti spazi vuoti da riempire di tenerezza e ritmi di vita lenti, dove tutto, in un certo modo, era certezza. E, in aggiunta, molto mare e molte passeggiate estive in un paesino fantastico di montagna. Niente televisione, niente ipermercati domenicali, niente gare modaiole fra le mamme, solo quattro chiacchiere alla buona sul pianerottolo, con noi bambini che ci fermavamo ad ascoltare. Niente tempo pieno, anzi molto tempo gradevolmente vuoto, passato in casa, a giocare.

    "Mi piace"

    1. Non credo fosse dovuto al fatto che fosse l’infanzia. Nel tuo racconto c’erano tutti gli ingredienti della felicità

      Piace a 1 persona

  3. silviacavalieri ha detto:

    Lo credo anch’io e mi ritengo molto fortunata!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.