Come prendono forma i nostri ricordi?

Risultato immagini per memory

Il tuo cervello valuta costantemente quali aspetti delle tue esperienze ricordare per dopo, ignorare o dimenticare. I ricercatori di Dartmouth hanno sviluppato un nuovo approccio per studiare questi aspetti della memoria, creando un programma per computer che trasforma sequenze di eventi da un video in forme geometriche uniche. Queste forme possono quindi essere paragonate alle forme di come le persone hanno raccontato gli eventi. Lo studio fornisce nuove informazioni su come le esperienze vengono affidate alla memoria e raccontate agli altri. I risultati sono stati pubblicati su Nature Human Behaviour e si basavano su come le persone ricordavano l’esperienza di guardare un episodio di Sherlock, un programma televisivo della BBC. Quando rappresentiamo esperienze e ricordi come forme, possiamo utilizzare gli strumenti forniti dal campo della geometria per esplorare come ricordiamo le nostre esperienze e per testare le teorie su come pensiamo, apprendiamo, ricordiamo e comunichiamo. Quando si sperimenta qualcosa, la sua forma è come un’impronta digitale che riflette il suo significato unico e il modo in cui ricordi o concettualizzi quell’esperienza può essere trasformato in un’altra forma. Possiamo pensare ai nostri ricordi come versioni distorte delle nostre esperienze originali. Attraverso la nostra ricerca, volevamo scoprire quando e dove si verificano queste distorsioni (cioè cosa fanno le persone nel modo giusto e cosa sbagliano) ed esaminare quanto siano accurati i nostri ricordi delle esperienze. Il team di ricerca di Dartmouth ha esaminato un set di dati pubblico contenente registrazioni cerebrali di 17 persone che avevano visto l’episodio di Sherlock e poi hanno descritto cosa era successo con le loro stesse parole. Il set di dati conteneva anche annotazioni dettagliate scena per scena dell’episodio. Il team ha eseguito quelle annotazioni attraverso il proprio programma per computer per identificare 32 argomenti o temi unici che erano presenti in ogni momento dell’episodio. Attraverso la modellazione al computer, i ricercatori hanno quindi creato un “modello tematico” dell’episodio, che comprendeva 32 dimensioni per riflettere ogni argomento tematico. Diversi momenti dell’episodio che riflettevano temi simili sono stati assegnati a luoghi vicini nello spazio a 32 dimensioni. Quando questi risultati vengono visualizzati in 2D, emerge una rappresentazione simile a punti di connessione degli eventi successivi. La forma di quella rappresentazione riflette come il contenuto tematico dell’episodio cambia nel tempo e come sono correlati i diversi momenti. I ricercatori hanno utilizzato un processo analogo per ottenere le forme di come ciascuno dei 17 partecipanti ha raccontato gli eventi dell’episodio. Quando le forme geometriche che rappresentano l’episodio di Sherlock sono state confrontate con le forme che rappresentano il racconto di un partecipante, i ricercatori sono stati in grado di identificare quali aspetti dell’episodio le persone tendevano a ricordare accuratamente, dimenticare o distorcere. La struttura spaziale grossolana della forma dell’episodio riflette i principali punti della trama e agisce come un’impalcatura di un edificio. La forma del racconto di ogni partecipante riproduceva questa impalcatura a scala grossolana, indicando che ogni partecipante ricordava accuratamente i punti principali della trama. La forma dell’episodio comprende anche una struttura in scala più fine, analoga agli abbellimenti e alle decorazioni architettoniche, che riflettevano specifici dettagli concettuali di basso livello. Alcuni partecipanti hanno raccontato accuratamente molti di quei dettagli di basso livello, mentre altri hanno raccontato solo i punti della trama di alto livello. Una delle scoperte più interessanti è stata che, mentre le persone guardavano l’episodio, i ricercatori potevano usare i loro schemi di attività cerebrale per prevedere le forme distorte che i loro ricordi avrebbero assunto quando lo avrebbero raccontato in seguito. Questo suggerisce che alcuni dei dettagli sulle nostre esperienze in corso vengono distorti nel nostro cervello dal momento in cui vengono memorizzati come nuovi ricordi. Anche quando due persone sperimentano lo stesso evento fisico, le loro esperienze soggettive di quell’evento iniziano a divergere dal momento in cui il loro cervello inizia a dare un senso a ciò che è accaduto e distillare quell’evento in ricordi. Il team di ricerca prevede di applicare il proprio approccio ad altri domini, inclusi la salute e l’istruzione, poiché i metodi di modellazione delle forme dei ricordi potrebbero essere utilizzati per fornire un modo più sfumato di valutare se un paziente capirà o ricorderà ciò che il medico sta dicendo o se uno studente comprende concetti specifici in una lezione del corso.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Geometric models reveal behavioural and neural signatures of transforming experiences into memories” by Andrew C. Heusser, Paxton C. Fitzpatrick & Jeremy R. Manning. Nature Human Behavior

Immagine: Memory (Easam Darawshi)

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. luisa zambrotta ha detto:

    Davvero interessante: l’avevo già letto, ma tu l’hai spiegato perfettamente
    Grazie 😘😘😘

    "Mi piace"

    1. Grazie a te, cara Luisa. Abbracci forti😘😘😘

      Piace a 1 persona

      1. luisa zambrotta ha detto:

        Buon pomeriggio! 🌼🌼🌼🌼🌼

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.