Cattivo o carino? Questi tratti potrebbero creare o rompere le amicizie di un bambino

Risultato immagini per friends

Non tutte le amicizie sono uguali. Alcuni amici vanno d’accordo; altri lottano per evitare il conflitto. La saggezza convenzionale sostiene che il tenore di un’amicizia con qualcuno che è gentile è diverso da quello con qualcuno che è cattivo, in modo tale che il primo scoraggia le interazioni negative mentre il secondo le aggrava. Sebbene sia logico presumere che i bambini cattivi abbiano amicizie caratterizzate da crescenti conflitti e che i bambini che sono gentili riferiscano poco dello stesso, questi presupposti non sono stati ancora testati nelle amicizie dei bambini del mondo reale. I ricercatori del Charles E. Schmidt College of Science della Florida Atlantic University sono i primi a condurre uno studio longitudinale per esaminare fino a che punto l’essere “gentile” (comportamento prosociale) ed essere “meschino” (comportamento relazionalmente aggressivo) modella i cambiamenti nelle percezioni degli amici di la loro relazione. Utilizzando un quadro longitudinale, i ricercatori hanno esaminato nel tempo le associazioni tra attributi individuali e percezioni della qualità delle relazioni in 120 amicizie tra persone dello stesso sesso tra bambini di quarta, quinta e sesta classe. I ricercatori hanno esaminato se i comportamenti gentili e meschini di un amico anticipano i cambiamenti nelle percezioni dell’altro della negatività relazionale (espressioni di rabbia, conflitto e fastidio) per un periodo da uno a tre mesi. Essere meschino è stato definito come le segnalazioni dei compagni di classe di aggressione relazionale, compreso l’uso intenzionale di esclusione e pettegolezzi per danneggiare gli altri. Essere gentili è stato definito come rapporti di compagni di classe sul comportamento prosociale, compreso il fornire assistenza e trattare gli altri in modo equo. I risultati dello studio sono stati pubblicati nel Journal of Research on Adolescence. I risultati confermano l’ipotesi diffusa che i tratti comportamentali di un bambino guidino le esperienze di amicizia dell’altro bambino. I bambini con amici cattivi hanno descritto aumenti della negatività relazionale nel tempo, mentre i bambini con amici carini hanno riferito che la negatività relazionale è diminuita. Forse non sorprende che l’aggressività relazionale preveda una maggiore negatività. Essere meschini è antitetico alle aspettative su come dovrebbero comportarsi gli amici ed è probabilmente visto come una violazione della fiducia. Nessuno vuole essere trattato male da un amico. Meno ovvio è la scoperta che il comportamento gentile e le previsioni di un amico diminuiscono nella percezione dell’altro della negatività nella relazione. I comportamenti prosociali attenuano i sentimenti feriti, soddisfano i bisogni di sostegno e aumentano le ricompense della compagnia, il che dovrebbe inibire le espressioni di negatività. I bambini prosociali possono anche essere esperti nella risoluzione dei conflitti, il che può aiutarli a disinnescare i problemi prima che scoppino in conflitto. Questi risultati sono importanti perché le difficoltà di amicizia minacciano l’adattamento socio-emotivo nei bambini così come la loro capacità di mantenere le amicizie. Si sa da tempo che le interazioni negative con gli amici contribuiscono ai successivi aumenti del disagio psicologico e delle difficoltà a scuola. Gli amici che non vanno d’accordo diventano presto ex amici. I bambini che non riescono a mantenere gli amici riferiscono un aumento della depressione e della vittimizzazione. Al contrario, i comportamenti prosociali sono legati alla capacità di fare nuove amicizie e mantenere quelle vecchie. In parole povere, le tendenze comportamentali che minacciano le amicizie minacciano il benessere. Le tendenze comportamentali che proteggono le amicizie promuovono l’adattamento del bambino. I ricercatori si sono concentrati sulla fine degli anni delle scuole elementari e medie, un periodo in cui i bambini trascorrono sempre più tempo con gli amici e in cui la vicinanza e il significato delle amicizie crescono in modo proporzionale. Hanno studiato amicizie reciproche stabili: entrambi i bambini si sono nominati amici in entrambi i momenti. Entrambi gli amici hanno valutato la negatività all’interno dell’amicizia in ogni momento. I compagni di classe hanno valutato ogni bambino in termini di comportamento prosociale e comportamento relazionalmente aggressivo.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Being nice and being mean: Friend characteristics foreshadow changes in perceptions of relationship negativity” by Olivia Valdes, Lauren Shawcross, Brett Laursen. Journal of Research on Adolescence

Immagine: True Friendship (Ibibo Briggs)

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    Purtroppo ciò che accade nel periodo dell’infanzia finisce per restarci addosso anche da adulti. Ma come fare per evitare esperienze del genere? I genitori, o gli educatori non sempre sono all’altezza del compito.

    "Mi piace"

    1. Hai perfettamente ragione. La società dovrebbe essere struttura in modo tale che gli educatori fossero più preparati ed i genitori più aiutati nel loro ruolo.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.