I bambini con problemi di salute mentale avranno problemi di salute fisica da adulti.

Risultato immagini per kids

Un nuovo paio di studi sul lavoro a lungo termine di un team di ricerca Duke in Nuova Zelanda dimostrano che le difficoltà di salute mentale nei primi anni di vita possono portare a una salute fisica peggiore e all’invecchiamento avanzato nell’età adulta. Ma poiché i problemi di salute mentale raggiungono il picco precocemente nella vita e possono essere identificati, i ricercatori affermano che potrebbero essere utilizzati maggiori investimenti in una pronta assistenza sanitaria mentale per prevenire malattie successive e ridurre i costi sanitari per la società, ma soprattutto sofferenze e dolore successivamente nel corso della vita. Le stesse persone che sperimentano condizioni psichiatriche da giovani continuano a sperimentare malattie fisiche legate all’età eccessiva e malattie neurodegenerative quando sono adulti più anziani. I risultati di un documento apparso il 17 febbraio su JAMA Psychiatry provengono dallo studio Dunedin a lungo termine, che ha testato e monitorato la salute e il benessere di un migliaio di neozelandesi nati nel 1972 e ’73 dalla nascita fino all’età di 45 anni. Nella mezza età, i partecipanti allo studio che avevano una storia di psicopatologia giovanile stavano invecchiando a un ritmo più veloce, avevano un declino nelle funzioni sensoriali, motorie e cognitive e venivano valutati come più vecchi dei loro coetanei. Questo modello si è mantenuto anche dopo che i dati sono stati controllati per fattori di salute come sovrappeso, fumo, farmaci e precedenti malattie fisiche. I loro problemi di salute mentale da giovani includevano principalmente ansia, depressione e abuso di sostanze, ma anche schizofrenia. È possibile identificare le persone a rischio di malattie fisiche molto prima nella vita. Se riesci a migliorare la loro salute mentale durante l’infanzia e l’adolescenza, è possibile che si possa intervenire per migliorare la loro successiva salute fisica e l’invecchiamento. Uno studio correlato dello stesso team apparso in JAMA Network Open a gennaio ha utilizzato un approccio diverso e ha esaminato 30 anni di cartelle cliniche per 2,3 milioni di neozelandesi di età compresa tra 10 e 60 anni dal 1988 al 2018. Ha anche trovato una forte connessione tra prime diagnosi di salute mentale di vita e malattie mediche e neurologiche successive. Quell’analisi ha mostrato che i giovani individui con disturbi mentali avevano maggiori probabilità di sviluppare successive malattie fisiche e di morire prima rispetto alle persone senza disturbi mentali. Le persone con malattie mentali hanno subito più ricoveri per condizioni fisiche, hanno trascorso più tempo in ospedale e hanno accumulato maggiori costi sanitari nei successivi 30 anni. Il nostro sistema sanitario spesso divide il trattamento tra il cervello e il corpo, ma l’integrazione dei due potrebbe giovare alla salute della popolazione. Investire più risorse nel trattamento dei problemi di salute mentale dei giovani è una finestra di opportunità per prevenire future malattie fisiche negli anziani. I giovani con problemi di salute mentale continuano a diventare pazienti medici molto costosi in età avanzata. In un commento del 2019 per JAMA Psychiatry, i ricercatori hanno sostenuto che i fornitori di salute mentale hanno l’opportunità di prevenire successivi problemi di salute e altri costi sociali intervenendo nella vita dei giovani. Il loro lavoro sta dimostrando che i disturbi mentali possono essere previsti in modo affidabile da fattori di rischio infantili come povertà, maltrattamento, basso QI, scarso autocontrollo e problemi di salute mentale familiare. E poiché le popolazioni del mondo sviluppato stanno diventando sempre più dominate dagli anziani, il momento per fare quegli investimenti nella prevenzione è adesso.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Association of History of Psychopathology With Accelerated Aging at Midlife” by Jasmin Wertz, Avshalom Caspi, Antony Ambler, Jonathan Broadbent, Robert J. Hancox, HonaLee Harrington, Renate M. Houts, Joan H. Leung, Richie Poulton, Suzanne C. Purdy, Sandhya Ramrakha, Line Jee Hartmann Rasmussen, Leah S. Richmond-Rakerd, Peter R. Thorne, Graham A. Wilson, Terrie E. Moffitt. JAMA Psychiatry
Longitudinal Associations of Mental Disorders With Physical Diseases and Mortality Among 2.3 Million New Zealand Citizens” by Leah S. Richmond-Rakerd, Stephanie D’Souza, Barry J. Milne, Avshalom Caspi, Terrie E. Moffitt. JAMA Open Network

Immagine: Vijays kids(Dhira Barein)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.