Il sonno irregolare è collegato a cattivo umore e depressione

Risultato immagini per sleep

Un schema di sonno irregolare può aumentare il rischio di depressione di una persona a lungo termine tanto quanto dormire meno ore in generale o rimanere alzati fino a tardi quasi tutte le notti, suggerisce un nuovo studio. Anche quando si tratta solo del loro umore il giorno successivo, le persone il cui tempo di veglia varia di giorno in giorno possono trovarsi di cattivo umore quanto quelle che sono rimaste alzate fino a tardi la sera prima o si sono alzate molto presto quella mattina. Lo studio, condotto da un team del Michigan Medicine, il centro medico accademico dell’Università del Michigan, utilizza i dati delle misurazioni dirette del sonno e dell’umore di oltre 2.100 medici all’inizio della carriera in un anno. È pubblicato su npj Digital Medicine. I tirocinanti, come vengono chiamati nel loro primo anno di tirocinio dopo la facoltà di medicina, hanno tutti sperimentato le lunghe e intense giornate di lavoro e gli orari di lavoro irregolari che caratterizzano questo periodo di formazione medica. Questi fattori, cambiando di giorno in giorno, hanno alterato la loro capacità di avere programmi di sonno regolari. Il nuovo documento si basa sui dati raccolti monitorando il sonno e altre attività dei tirocinanti attraverso dispositivi commerciali indossati ai polsi e chiedendo loro di segnalare il loro stato d’animo quotidiano su un’app per smartphone e di fare test trimestrali per i segni di depressione. Coloro i cui dispositivi mostravano di avere orari di sonno variabili avevano maggiori probabilità di ottenere punteggi più alti nei questionari standardizzati sui sintomi della depressione e di avere valutazioni dell’umore giornaliere inferiori. Coloro che stavano regolarmente alzati fino a tardi, o dormivano meno ore, ottennero anche punteggi più alti sui sintomi della depressione e più bassi sull’umore quotidiano. I risultati si aggiungono a ciò che è già noto sull’associazione tra sonno, umore quotidiano e rischio di depressione a lungo termine. L’avanzata della tecnologia indossabile ci consente di studiare i fattori comportamentali e fisiologici della salute mentale, compreso il sonno, su una scala molto più ampia e più accurata di prima, aprendoci un campo entusiasmante da esplorare. Questi risultati mirano non solo a guidare l’autogestione sulle abitudini del sonno, ma anche a informare le strutture di programmazione istituzionale. Lo studio ha raccolto una media di due settimane di dati prima dell’inizio degli anni di tirocinio dei medici e una media di quasi quattro mesi di monitoraggio durante l’anno di tirocinio. Va notato che i dispositivi indossabili che stimano il sonno vengono ora utilizzati da milioni di persone, inclusi i dispositivi Fitbit utilizzati nello studio, altri tracker di attività e smartwatch. Questi dispositivi, per la prima volta, consentono di registrare il sonno per lunghi periodi di tempo senza sforzi da parte dell’utente. Ci sono ancora domande sull’accuratezza delle previsioni del sonno che i tracker dei consumatori fanno, sebbene il lavoro iniziale suggerisca prestazioni simili ai dispositivi di actigrafia clinici e di ricerca che sono stati approvati dalla FDA. Le nuove scoperte si basano su ciò che il lavoro del team ha già dimostrato sull’alto rischio di depressione tra i nuovi medici e su altri fattori sottostanti che con un rischio maggiore. Questi risultati evidenziano la coerenza del sonno come un fattore sottovalutato da prendere di mira nella depressione e nel benessere. Il lavoro sottolinea anche il potenziale dei dispositivi indossabili nella comprensione di importanti costrutti rilevanti per la salute che in precedenza non potevamo studiare su larga scala. Il team osserva che il gruppo di persone relativamente giovani nello studio – con un’età media di 27 anni e titolari di laurea e laurea in medicina – non è rappresentativo della popolazione più ampia. Tuttavia, poiché tutti loro sperimentano carichi di lavoro e orari simili, sono un buon gruppo in cui testare ipotesi. I ricercatori sperano che altri gruppi studieranno altre popolazioni utilizzando dispositivi e approcci simili, per vedere se i risultati sulla variazione del programma del sonno reggono anche per altri campioni. I genitori di bambini piccoli potrebbero essere un altro gruppo importante da studiare: sarebbe bello se anche i bambini piccoli potessero conoscere e capire questi risultati e svegliare i genitori solo alle 8 del mattino…

Daniele Corbo

Bibliografia: “Day-to-day variability in sleep parameters and depression risk: a prospective cohort study of training physicians” by Srijan Sen et al. npj Digital Medicine

Immagine: sleep in landfill (Antonio mele)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.