La dipendenza dal lavoro può essere dannosa per la salute mentale

Risultato immagini per office saatchi art

Come cultura, siamo giunti a valorizzare la  crescita e la produttività , rendendo il lavoro retribuito non solo una necessità, ma una preoccupazione centrale nella vita delle persone. Tuttavia, questo atteggiamento nei confronti del lavoro ci sta danneggiando più che aiutando, con la ricerca che mostra che il maniaco del lavoro (noto anche come dipendenza dal lavoro) è un problema crescente nel  mondo industrializzato . E secondo i risultati di un recente studio, la dipendenza dal lavoro è collegata a  una salute mentale peggiore . La dipendenza dal lavoro è una  condizione clinica  caratterizzata da un interesse ossessivo e compulsivo per il lavoro. Le persone di solito lavorano più di quanto è richiesto, dal posto di lavoro o per necessità finanziarie. Altre caratteristiche includono la preoccupazione per le proprie prestazioni sul lavoro, il pensiero rigido e il perfezionismo, che spesso viene  proiettato sugli altri. Le persone con dipendenza dal lavoro sono spinte a lavorare in modo eccessivo, nonostante gli  impatti negativi che  ciò ha sulla loro salute e benessere personali e sulle loro relazioni. Le persone a rischio di sviluppare una dipendenza dal lavoro spesso hanno una bassa autostima, hanno dubbi sulle proprie prestazioni sul lavoro o hanno tratti di personalità ossessivo-compulsivi. Numerosi studi hanno dimostrato l’impatto negativo della dipendenza dal lavoro sulla salute mentale. Ma un  recente studio  sui lavoratori in Francia ha esaminato il motivo per cui la dipendenza dal lavoro accade per comprendere meglio l’impatto che ha sulla salute mentale e fisica. I ricercatori hanno esaminato un totale di 187 lavoratori di una gamma di occupazioni e dati demografici diversi, a cui è stato chiesto di rispondere a quattro diversi questionari. Hanno scoperto che le elevate richieste di lavoro e le persone che hanno lavorato in ruoli ad alta pressione, ad esempio i manager con maggiori responsabilità, erano i fattori più significativi che contribuiscono al rischio di dipendenza dal lavoro. Dove questo era accompagnato da un orario di lavoro più lungo del necessario e da un approccio ossessivo al lavoro, c’era un rischio ancora maggiore di sviluppare una dipendenza dal lavoro. Le donne hanno anche dimostrato di essere più predisposte a sviluppare la dipendenza dal lavoro rispetto agli uomini. Sebbene non sia del tutto chiaro il motivo per cui le donne avevano maggiori probabilità di sviluppare dipendenza dal lavoro,  altre ricerche  hanno avuto risultati simili. I lavoratori con depressione avevano il doppio delle probabilità di sviluppare una dipendenza dal lavoro rispetto a quelli senza problemi di salute mentale. Anche la scarsa qualità del sonno, alti livelli di stress e bassi livelli di benessere generale sono stati identificati come fattori di rischio elevato. Sebbene la dimensione del campione di questo studio fosse piccola, ricerche precedenti hanno anche dimostrato che la dipendenza dal lavoro è associata a depressione, stress, disturbi del sonno e  salute mentale inferiore . Sono  stati segnalati anche burnout  e  stanchezza. La dipendenza dal lavoro è più comune nei paesi industrializzati in cui le  prestazioni lavorative  sono una misura del successo. Ciò suggerisce che  le idee neoliberiste  sul lavoro sono influenti nell’aumentare il rischio di dipendenza dal lavoro. Queste idee esercitano pressioni sull’intensificazione dei carichi di lavoro e delle prestazioni sul lavoro al fine di promuovere la crescita economica. Si concentrano anche sull’aumento delle responsabilità di una persona sul lavoro. Dati i danni della dipendenza dal lavoro, saranno necessari cambiamenti radicali sia nei luoghi di lavoro che nella società. Come  ho affermato in precedenza, ciò richiederebbe alla società di smettere di vedere il lavoro come uno strumento fondamentale per la performance e la crescita, e invece attribuire maggiore valore e importanza alla salute e al benessere del lavoratore, sia individualmente che collettivamente. Il sostegno e il cambiamento possono effettivamente avvenire sul posto di lavoro stesso, motivo per cui è importante che i datori di lavoro riconoscano e affrontino le richieste di lavoro in modo positivo. Ad esempio, uno studio ha scoperto che aumentare la sicurezza del lavoro e le  opportunità di sviluppo  riducono il rischio di dipendenza dal lavoro. Altri studi  hanno suggerito che gli interventi di conciliazione vita-lavoro potrebbero ridurre il rischio o la dipendenza dal lavoro. Ad esempio, se i luoghi di lavoro riducono attivamente l’orario di lavoro per dare ai dipendenti la possibilità di trascorrere più tempo con la loro famiglia, ciò può effettivamente portare a migliori prestazioni lavorative. Inoltre, un minor numero di ore di lavoro può anche ridurre i conflitti familiari per i lavoratori, poiché i dipendenti sono in grado di impegnarsi in tempo con la famiglia in modo più significativo. È stato inoltre dimostrato che la promozione dell’equilibrio tra lavoro e vita privata aumenta  la salute fisica e psicologica e la resilienza personale dei lavoratori. Bilanciare il tempo e l’energia utilizzati nel lavoro e nella vita personale aiuta le persone a sentirsi meglio, migliorando di conseguenza sia la salute mentale che fisica. Tutto ciò suggerisce che i luoghi di lavoro dovrebbero sviluppare iniziative di conciliazione vita-lavoro, fornire opportunità per lo sviluppo della carriera e aumentare la sicurezza del lavoro per prevenire la dipendenza dal lavoro. Questi cambiamenti possono anche ridurre lo stress e l’assenteismo migliorando le prestazioni. Ma non tutti i luoghi di lavoro dispongono di questo tipo di strategie e possono essere difficili da implementare a causa dell’attenzione della nostra cultura alle prestazioni e alla crescita economica. Se sei preoccupato di avere o stai sviluppando una dipendenza dal lavoro, affronta il problema ora, se possibile. Cerca supporto sul lavoro parlando con manager e colleghi, se puoi, chiedi un feedback sulle prestazioni o persino vedi se c’è un modo in cui puoi lavorare per ridurre parte del tuo orario di lavoro. Anche parlare con i servizi di salute mentale e benessere può aiutare. Se non hai supporto sul posto di lavoro, prova a parlare con amici e familiari e chiedi il loro aiuto per riorientare il tuo tempo, ad esempio chiedendoti di ricordarti di fare delle pause dal lavoro. Ovviamente, un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata aiuterà, ma questa può essere una cosa molto difficile da fare in quanto richiede l’adeguamento dei modelli quotidiani e il cambiamento di come pensi e ti senti. Ma se riesci a bilanciare il lavoro con altre attività, come vedere la famiglia e gli amici, fare esercizio o goderti degli hobby, la tua  salute mentale e il tuo benessere  miglioreranno.

Daniele Corbo

Bibliografia: The Conversation

Immagine: Office in cafe – Limited Edition of 10 (Maryna Lidahovska)

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. Complimenti molto interessante

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.