I geni del ritmo circadiano nella regione chiave del cervello sono coinvolti nell’alcolismo

Feeling that alcoholic euphoria Painting by Steve Wiltshire |

I ricercatori hanno identificato un nesso causale tra il binge drinking e i geni dell’orologio circadiano in una regione del cervello precedentemente implicata nel consumo pericoloso di alcol. Il binge drinking è un modello comune e dannoso di consumo di alcol, responsabile di più della metà dei decessi correlati all’alcol. Esistono già prove solide che i geni coinvolti nel controllo del ritmo circadiano – i processi naturali del corpo che seguono un ciclo di luce/buio di 24 ore – sono associati al consumo pericoloso e all’abuso di alcol. Tuttavia, non è noto quali aree del cervello mediano gli effetti dei geni dell’orologio sul bere. Una regione del cervello nota come guscio del nucleo accumbens (NAcSh) è già nota per il suo ruolo nel bere rischioso; la regione fa parte del “sistema di ricompensa” del cervello, rafforzando l’uso di alcol e altre sostanze che creano dipendenza tramite il rilascio di dopamina. Nel nuovo studio, riportato in Alcoholism: Clinical and Experimental Research, gli scienziati hanno studiato se i geni dell’orologio nel NAcSh sono coinvolti nella regolazione del binge drinking. Gli esperimenti sono stati eseguiti su topi allevati in laboratorio secondo rigide linee guida sul benessere degli animali. I topi sono stati esposti all’alcol in una procedura consolidata che imita il binge drinking umano e fornisce uno strumento prezioso per studiarne la neurobiologia sottostante. Il metodo prevede l’accesso quotidiano all’alcol per un periodo limitato durante la fase circadiana buia (attiva), quando i topi consumeranno volontariamente una grande quantità di alcol. In primo luogo, ai topi è stato fornito il 20% di alcol o soluzione di saccarosio (come controllo) per un periodo di 2 ore per 3 giorni consecutivi, con accesso all’acqua in tutti gli altri momenti. Il giorno 4, l’esposizione all’alcool/saccarosio è stata continuata per 4 ore, dopodiché il cervello dei topi è stato esaminato per l’attività del gene dell’orologio nel NAcSh e in una regione del cervello interessata alla regolazione dei ritmi circadiani (nota come nucleo soprachiasmatico; SCN). Un secondo gruppo di topi è stato esposto ad alcol o saccarosio, o acqua, allo stesso modo. Tuttavia, il giorno 4, sono stati trattati con piccoli pezzi di DNA specificamente progettati per bloccare l’attività dei tre principali geni dell’orologio; queste sequenze di DNA, o sequenze non specifiche come controllo, sono state accuratamente infuse nella regione NAcSh del cervello dei topi un’ora prima dell’inizio dell’esposizione all’alcol. Il consumo di liquidi è stato quindi misurato per 4 ore. I ricercatori hanno scoperto che dopo l’esposizione il giorno 4, l’attività del gene dell’orologio nel NAcSh (ma non nel SCN) era maggiore nei topi che si erano “abbuffati” di alcol rispetto a quelli esposti al saccarosio. Inoltre, l’eliminazione dell’attività del gene orologio nel NAcSh ha comportato un consumo di alcol significativamente inferiore il giorno 4, rispetto a quello consumato dopo l’infusione delle sequenze di controllo. Da notare, l’eliminazione dell’attività del gene dell’orologio non ha ridotto l’assunzione di liquidi nei topi esposti a saccarosio o acqua. È sempre più evidente che il consumo di alcol sia negli esseri umani che nei roditori di laboratorio può essere regolato dai geni dell’orologio. La scoperta attuale, che il binge drinking è stato significativamente ridotto dall’abbattimento dell’attività del gene orologio nel NAcSh, suggerisce che esiste una relazione causale tra i geni circadiani nel NAcSh e il binge drinking nei topi di laboratorio. I geni dell’orologio circadiano nel NAcSh possono anche svolgere un ruolo cruciale nel binge drinking negli esseri umani.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Antisense‐Induced Downregulation of Clock Genes in the Shell Region of the Nucleus Accumbens Reduces Binge Drinking in Mice” by Rishi Sharma, Hunter Puckett, Micaela Kemerling, Meet Parikh, Pradeep Sahota, Mahesh Thakkar. Alcoholism: Clinical and Experimental Research

Immagine: Feeling that alcoholic euphoria (Steve Wiltshire)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.