La depressione, l’ansia e la solitudine raggiungono il picco negli studenti universitari

Risultato immagini per young

Un sondaggio condotto da un ricercatore della Boston University su quasi 33.000 studenti universitari in tutto il paese rivela che la prevalenza di depressione e ansia nei giovani continua ad aumentare, raggiungendo ora i suoi livelli più alti, un segno dei crescenti fattori di stress dovuti alla pandemia di coronavirus e ai disordini politici e razzismo e disuguaglianza sistemici. La metà degli studenti nell’autunno 2020 è risultata positiva allo screening per la depressione e/o l’ansia. Il sondaggio rivela inoltre che l’83% degli studenti ha affermato che la propria salute mentale ha avuto un impatto negativo sul proprio rendimento scolastico nell’ultimo mese e che due terzi degli studenti universitari stanno lottando con la solitudine e si sentono isolati, un’alta prevalenza di tutti i tempi che riflette il pedaggio della pandemia e dell’allontanamento sociale necessario per controllarla. I risultati del sondaggio sottolineano la necessità per il personale docente universitario e la facoltà di mettere in atto meccanismi in grado di soddisfare le esigenze di salute mentale degli studenti. I docenti devono essere flessibili con le scadenze e ricordare agli studenti che il loro talento non è dimostrato solo dalla loro capacità di ottenere un voto eccellente durante un semestre impegnativo. I docenti possono proteggere la salute mentale degli studenti facendo in modo che i compiti in classe siano dovuti alle 17:00, piuttosto che a mezzanotte o alle 9:00, orari che possono incoraggiare gli studenti ad andare a letto più tardi e perdere sonno prezioso per rispettare tali scadenze. Soprattutto in ambienti di classe più piccoli, dove l’assenza di uno studente può essere più evidente che in lezioni più grandi, i docenti che notano che qualcuno manca alle lezioni dovrebbero contattare direttamente lo studente per chiedere come sta andando. Anche nelle classi più grandi, dove il raggio d’azione 1: 1 è più difficile, i docenti possono inviare e-mail a tutta la classe rafforzando l’idea che si preoccupano dei loro studenti non solo come discenti ma come persone e facendo circolare informazioni sulle risorse del campus per la salute mentale e il benessere. E, cosa cruciale, i professori devono tenere a mente che il peso della salute mentale non è lo stesso in tutti i dati demografici degli studenti. Gli studenti di colore e gli studenti a basso reddito hanno maggiori probabilità di essere in lutto per la perdita di una persona cara a causa di COVID. Hanno anche maggiori probabilità di affrontare uno stress finanziario. Tutti questi fattori possono avere un impatto negativo sulla salute mentale e sul rendimento scolastico in “modi profondi”. A un livello più alto all’interno di college e università, gli amministratori dovrebbero concentrarsi sulla fornitura agli studenti di servizi di salute mentale che enfatizzano la prevenzione, il coping e la resilienza. I dati dell’indagine dell’autunno 2020 hanno rivelato un significativo “divario terapeutico”, il che significa che molti studenti che risultano positivi allo screening per depressione o ansia non ricevono servizi di salute mentale. Spesso gli studenti cercheranno aiuto solo quando si trovano in una crisi di salute mentale, che richiedono risorse più urgenti. Ma come possiamo creare sistemi per promuovere il benessere prima che raggiungano quel punto? Tutti gli studenti dovrebbero ricevere un’educazione sulla salute mentale, idealmente come parte del curriculum richiesto. È anche importante notare, dice, che le crescenti sfide per la salute mentale non sono uniche per l’ambiente universitario, invece, i risultati del sondaggio sono coerenti con una tendenza più ampia di declino della salute mentale negli adolescenti e nei giovani adulti. La salute mentale sta peggiorando e per di più ora stiamo raccogliendo più dati su queste tendenze che mai. Sappiamo che lo stigma della salute mentale forse sta diminuendo e questo è uno dei motivi principali per cui è possibile raccogliere dati migliori. Le persone sono più aperte, hanno più dialogo al riguardo ed è possibile identificare meglio che le persone stanno lottando. Il peggioramento della salute mentale potrebbe essere dovuto a una confluenza di fattori: la pandemia, l’impatto dei social media e il cambiamento dei valori sociali che stanno diventando più motivati ​​estrinsecamente (una carriera di successo, fare più soldi, ottenere più follower e like), piuttosto che intrinsecamente motivato (essere un buon membro della comunità). Il peso schiacciante delle pressioni finanziarie storiche è un peso aggiuntivo. Il debito studentesco è così stressante. Sei più predisposto a provare ansia più debiti hai. E la ricerca indica che il suicidio è direttamente collegato al benessere finanziario. Con oltre 22 milioni di giovani iscritti in college e università statunitensi e con i tradizionali anni di vita del college che coincidono con l’età di insorgenza di malattie mentali a vita, l’istruzione superiore è un ambiente cruciale in cui la prevenzione e il trattamento possono fare una differenza. Un potenziale punto luminoso del sondaggio è stato che lo stigma sulla salute mentale continua a svanire. I risultati rivelano che il 94% degli studenti afferma che non giudicherebbe qualcuno per aver cercato aiuto per la salute mentale, il che, è un indicatore correlato anche alla probabilità che quegli studenti cerchino aiuto da soli durante una crisi personale (sebbene, paradossalmente, quasi la metà degli studenti afferma di percepire che altri potrebbero pensare più male di loro se cercassero aiuto). Siamo più duri con noi stessi e più critici con noi stessi di quanto non lo siamo con le altre persone – lo chiamiamo stigma percepito rispetto a quello personale. Gli studenti devono rendersi conto che i colleghi non li stanno giudicando.

Daniele Corbo

Bibliografia: Boston University

Immagine: Young Man (Kolesnik Ekaterina)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.