I ricercatori ritengono che la frustrazione sia un fattore di dipendenza

Craving Painting by Wilfred Lim | Saatchi Art

Un team della University of Texas Medical Branch a Galveston (UTMB) incentrato sulla ricerca sulla tossicodipendenza ha aperto la strada a un nuovo modo di studiare la frustrazione come fattore nei disturbi da uso di sostanze. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista medica Psychopharmacology. La ricerca tradizionale sulla dipendenza si è concentrata su tre aspetti dei disturbi da uso di sostanze: desiderio, impulsività o abitudine. Gli scienziati hanno ipotizzato che un quarto fattore, la frustrazione, potrebbe anche portare all’escalation dell’uso di droghe e della dipendenza. Il documento di Psychopharmacology ha osservato che la ricerca sul ruolo della frustrazione e dei disturbi da uso di sostanze è scarsa, ma numerosi studi suggeriscono che le persone con disturbi da uso di sostanze hanno una minore tolleranza alla frustrazione. Gli studi hanno dimostrato che la sensibilità alla frustrazione è correlata alla ricaduta tra quelli con disturbi da uso di sostanze. Gli studi dell’UTMB hanno utilizzato un modello di ratto per concentrarsi sul comportamento correlato alla frustrazione. I ratti possono essere addestrati a premere una leva per cibo o droghe (rinforzi) e la frustrazione è definita come quando un soggetto non è in grado di ottenere un rinforzo, riceve meno rinforzi del previsto o deve lavorare di più per ottenere un rinforzo. Un esempio di comportamento di frustrazione è quando qualcuno non riesce a far cambiare canale alla TV o quando un ascensore impiega troppo tempo per arrivare. Le persone spesso rispondono a entrambe le situazioni premendo ripetutamente il pulsante o tenendo premuto il pulsante più a lungo con ripetuti tentativi. Questa tipica risposta umana alla frustrazione è la stessa nei ratti. Nello studio, i ratti sono stati addestrati a premere una leva per l’erogazione di una compressa di saccarosio o di un’infusione endovenosa di un oppioide sintetico. Se non avessero ottenuto ciò che si aspettavano, avrebbero premuto la leva più frequentemente e per periodi di tempo più lunghi. Quando un topo preme ripetutamente una leva che avrebbe dovuto fornire un cubo di saccarosio al gusto di banana, ma questi non arrivano mai, tengono le leve abbassate più a lungo mentre la frustrazione aumenta. Lo studio ha mostrato che tutti i ratti avrebbero premuto una leva per le infusioni endovenose di fentanil, un oppioide sintetico, ma circa il 10% dei ratti aumenterebbe il loro l’assunzione di fentanil a circa il doppio di quella del ratto medio. Anche se i ratti in aumento assumono enormi quantità di droga, le loro pressioni della barra diventano più lunghe (in alcuni casi fino a 10 minuti), anche se le pressioni lunghe della barra non aumentano la quantità di farmaco somministrato e la conclusione è che questi ratti sensibili, anche se assumono tutto il fentanil che il loro corpo può sopportare, sono frustrati dal fatto che non stanno ancora assumendo abbastanza farmaco per soddisfarli. Lo studio ha ovvie implicazioni per gli studi futuri sul disturbo da uso di oppioidi e aiuterà gli scienziati a capire come la frustrazione, così come il desiderio, l’impulsività e l’abitudine possono portare all’escalation di oppioidi.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Lever-press duration as a measure of frustration in sucrose and drug reinforcement” by Thomas A. Green et al. Psychopharmacology

Immagine: Craving (Wilfred Lim)

6 commenti Aggiungi il tuo

  1. moragnoffke ha detto:

    Fascinating.

    "Mi piace"

    1. Yes, it’s an intriguing topic!

      Piace a 1 persona

  2. Ana de Lacalle ha detto:

    con todo el respeto para los investigadores, pero me da que para llegar a esta conclusión no hace falta demasiada investigación….creo yo, vaya….resulta casi evidente

    "Mi piace"

    1. Lo sé, entiendo tu punto de vista, pero probar algo es diferente a adivinarlo.

      "Mi piace"

      1. Ana de Lacalle ha detto:

        Por supuesto, la cuestión es si lo que se intenta probar no resulta obvio.

        "Mi piace"

      2. En neurociencia no hay axiomas, nada es tautológico.

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.