Solo il 2% delle conversazioni termina quando lo desideriamo

The Conversation Painting by Lydia Pepin

Tutti hanno familiarità con la sensazione di essere intrappolati in una conversazione per troppo tempo, che sia oltre il recinto del giardino o vicino alla macchinetta del caffè dell’ufficio. Dall’altra parte dello spettro, abbiamo anche sperimentato conversazioni che sembrano terminare prematuramente, lasciandoci insoddisfatti e forse anche un po’ feriti. Ora, uno studio di Harvard ha scoperto che questa delusione nella conversazione può in effetti essere incredibilmente comune. Coinvolgendo 992 partecipanti che prendevano parte a discussioni a due vie, lo studio ha rilevato che meno del 2% delle conversazioni si è concluso quando entrambi i partner lo desideravano. Questa cifra era notevolmente stabile, indipendentemente dal fatto che le persone stessero parlando con uno sconosciuto o un amante. Gli autori dello studio ritengono che questa discrepanza sia il risultato di un classico “problema di coordinazione”, derivante dal fatto che le persone tendono a nascondere i loro veri desideri, anche quando vogliono che una conversazione finisca, nel tentativo di evitare di essere scortesi. Ma l’esperienza nell’analisi della conversazione aggiungerebbe che concludere le conversazioni in modo elegante è un’abilità sociale elaborata con molte mosse complesse: simile a una piroetta finale in una danza, o al crescendo in un brano musicale. Ciò significa che molte conversazioni vengono superate per amore della gentilezza e della solidarietà sociale, raggiungendo un compromesso che potrebbe non essere adatto a nessuna delle due parti, ma che in modo cruciale, e in modo ammirevole, evita l’offesa. Le conversazioni possono sembrare semplici, ma in realtà sono affari incredibilmente di abilità. Coinvolgono la nostra navigazione tra migliaia di segnali, spesso rispondendo istantaneamente e in modo appropriato al più sottile dei suggerimenti. Facciamo tutto questo automaticamente, spesso senza ricorrere al pensiero cosciente. Eppure lo studio di Harvard suggerisce che il 98% delle nostre conversazioni finisce in modo poco abile: giungere a una conclusione insoddisfacente o troppo presto o troppo tardi. In parte, questo divario di comunicazione è dovuto agli oratori che nascondono i loro desideri l’uno all’altro: il problema della coordinazione. Ma è anche il risultato delle regole che governano il modo in cui parliamo e il modo in cui queste regole ci obbligano a tagliare o estendere le nostre conversazioni. Anche le conversazioni a flusso libero seguono un ordine formale e una serie di regole, secondo l’analisi sistematica della conversazione. Anche se la maggior parte di noi non è a conoscenza di queste regole, tendiamo a seguirle automaticamente, attingendo all’apprendimento acquisito molto presto nella vita. Per capire perché le regole che governano la nostra chiacchierata fanno sì che le nostre conversazioni finiscano troppo presto o troppo tardi, aiuta vedere una conversazione come un’attività cooperativa, un po’ come un ballo. Proprio come i partner nel tango rispondono a piccoli suggerimenti e spunti per dirigere i loro movimenti, le conversazioni comportano anche una lunga serie di micro-aggiustamenti. E proprio come il tango finisce in bellezza, anche le conversazioni tendono a terminare con una serie di mosse che aiutano i partner a raggiungere un punto finale concordato. Quando una persona parla, capisce e si adatta alle reazioni del proprio partner. Espressioni facciali, cambiamenti nello sguardo, linguaggio del corpo e persino un colpo di tosse possono alterare la traiettoria del discorso di un oratore. Questo comportamento reciproco viene appreso presto: i bambini di poche settimane sono partecipanti attivi ai turni, una delle regole fondamentali della conversazione. Queste regole contengono anche una serie di azioni sociali che preparano le conversazioni a colpire in particolari direzioni. Chiedere a qualcuno: “hai già mangiato?” è un esempio di azione sociale ed è utilizzato come preliminare per stabilire una tangente per chiedere a qualcuno di uscire a pranzo. Alcune azioni richiedono anche preliminari ai preliminari, come quando le persone chiedono delicatamente: “Posso farti una domanda?” Solo da questi esempi, è chiaro che gran parte di ciò che diciamo è una formalità che estende naturalmente la durata delle nostre conversazioni. Per terminare una conversazione, viene spesso utilizzata un’azione sociale per evitare di fare un passo falso. Queste azioni sociali sono chiamate “routine di chiusura”, durante le quali i relatori si confermano a vicenda che le conversazioni sono veramente compiute. Dire “comunque” o “va bene” con un certo tono può aiutare a far precipitare una routine di chiusura. Queste routine di chiusura spesso seguono mosse molto specifiche. Per prima cosa richiedono una dichiarazione di pre-chiusura, che annuncia l’intenzione di terminare la conversazione. Questo deve essere accettato da entrambe le parti affinché inizi la fase successiva, che a sua volta potrebbe portare a una conclusione colloquiale familiare e saluti finali. Il problema è che le routine di chiusura tendono a distogliere le conversazioni dal loro punto ideale di conclusione. Un partecipante può iniziare una routine di chiusura troppo presto dopo aver interpretato male un segnale, come quando il suo partner dice “comunque” senza avere l’intenzione di iniziare una routine di chiusura. D’altra parte, una routine di chiusura avviata correttamente può ancora richiedere alcuni minuti per concludere, il che estende le conversazioni oltre quella che uno o più partecipanti possono ritenere la loro durata ideale. La ricerca di Harvard espone un aspetto affascinante del nostro comportamento conversazionale, ma i suoi risultati non dovrebbero portarci a considerare la maggior parte delle nostre conversazioni come trascinamenti interminabili o brutalmente abbreviate. Invece, la scoperta che solo il 2% delle nostre conversazioni finisce quando entrambi i partecipanti lo desiderano è, in un certo senso, motivo di celebrazione. Significa che il restante 98% si sta invece conformando al ritmo della danza conversazionale: cooperando e rispondendo a segnali e suggerimenti fino a quando non possono separarsi, il tutto senza pestarsi troppo pesantemente l’uno sull’altro.

Daniele Corbo

Bibliografia: The Conversation

Immagine: The Conversation (Lydia Pepin)

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    Ha del positivo e del negativo tale scelta di comportamento.

    "Mi piace"

    1. In realtà non c’è una scelta, ma un’incapacità di capire il momento giusto per scegliere di terminare la conversazione

      Piace a 1 persona

  2. silviacavalieri ha detto:

    Forse al telefono è ancora peggio… pensavo comunque che conoscere il carattere dell’interlocutore aiuta a “sentire” quando è giunto il momento di concludere. Poi ci sarebbe la schiettezza; ma in questo campo sembra poco gradita.

    "Mi piace"

    1. È vero, credo anche io che conoscere l’interlocutore possa aiutare. La schiettezza dovrebbe essere maggiormente utilizzata

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.