Diversità cerebrali nel disturbo bipolare

Bipolar Painting by Marta Araujo |

Le cellule cerebrali chiamate astrociti derivate dalle cellule staminali pluripotenti indotte di pazienti con disturbo bipolare offrono un supporto non ottimale per l’attività neuronale. In un articolo apparso il 4 marzo sulla rivista Stem Cell Reports, i ricercatori mostrano che questo malfunzionamento può essere ricondotto a una molecola che promuove l’infiammazione chiamata interleuchina-6 (IL-6), che è secreta dagli astrociti. I risultati evidenziano il ruolo potenziale della segnalazione infiammatoria mediata dagli astrociti nella malattia psichiatrica, sebbene siano necessarie ulteriori indagini. I risultati suggeriscono che l’IL-6 può contribuire ai difetti associati al disturbo bipolare, aprendo nuove strade per l’intervento clinico. Circa l’1-3% degli individui soffre di disturbo bipolare, che è caratterizzato da stati dell’umore ricorrenti che vanno da alta energia ed euforia, nota come mania, a bassa energia e episodi depressivi. Diverse linee di evidenza suggeriscono un legame tra segnalazione infiammatoria squilibrata e disturbo bipolare. Ad esempio, questi pazienti mostrano segni di infiammazione cronica e hanno una maggiore prevalenza di condizioni correlate all’infiammazione come malattie cardiovascolari, diabete e sindrome metabolica. Inoltre, hanno concentrazioni più elevate di citochine proinfiammatorie circolanti come IL-1β e IL-6, in particolare durante gli episodi maniacali. Mentre un’infiammazione lieve può essere utile per molti processi neurali, la sovrapproduzione di IL-6 può peggiorare i sintomi del disturbo bipolare e può essere un importante obiettivo terapeutico. È noto che gli astrociti partecipano alla cascata infiammatoria all’interno del cervello. Queste cellule sono attivate da IL-1β e da altre citochine proinfiammatorie e a loro volta secernono citochine che partecipano al processo di neuroinfiammazione. A causa di una crescente comprensione del ruolo della neuroinfiammazione nei disturbi psichiatrici, si sono chiesti se la segnalazione alterata guidata dall’infiammazione negli astrociti fosse associata al disturbo bipolare. I ricercatori hanno precedentemente sviluppato un metodo per generare rapidamente astrociti reattivi all’infiammazione da cellule staminali pluripotenti indotte dall’uomo (iPSC). Nel nuovo studio, hanno confrontato le firme dell’infiammazione negli astrociti derivati ​​da iPSC generati da sei pazienti con disturbo bipolare e quattro individui sani. La risposta degli astrociti dei pazienti alle citochine pro-infiammatorie ha rivelato un pattern trascrizionale unico, caratterizzato da una maggiore espressione del gene IL-6. Di conseguenza, queste cellule hanno secreto più IL-6, che ha avuto un impatto negativo sull’attività dei neuroni in co-coltura. L’esposizione al terreno di coltura degli astrociti era sufficiente per diminuire l’attività neuronale e questo effetto è stato parzialmente bloccato dall’anticorpo inattivante IL-6. Inoltre, i livelli ematici di IL-6 erano più alti nei pazienti rispetto agli individui sani. Questi risultati suggeriscono che i fattori secreti dagli astrociti svolgono un ruolo nella regolazione dell’attività neuronale e che, nel caso del disturbo bipolare, IL-6 ha almeno in parte mediato gli effetti degli astrociti innescati dall’infiammazione sull’attività neuronale. Andando avanti, i ricercatori intendono studiare ulteriormente l’effetto dell’IL-6 sull’attività neuronale. Nel frattempo, i risultati dovrebbero essere interpretati con cautela. Gli esperimenti potrebbero non imitare le condizioni di infiammazione cronica associate al disturbo bipolare e il sistema di coltura non includeva molti tipi di cellule coinvolti in risposte immunitarie potenzialmente rilevanti. Inoltre, gli astrociti derivati ​​da iPSC sono relativamente immaturi rispetto a quelli nel cervello dei pazienti bipolari e mancano biomarcatori affidabili per individuare l’età di sviluppo esatta. In questo momento, l’estrapolazione diretta dei risultati per i pazienti rimane impegnativa. Nonostante questi limiti, i nostri risultati chiariscono aspetti del ruolo poco studiato degli astrociti nella neuroinfiammazione nei disturbi psichiatrici.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Altered Neuronal Support and Inflammatory Response in Bipolar Disorder Patient-Derived Astrocytes” by Vadodaria et al. Stem Cell Reports

Immagine: Bipolar (Marta Araujo)

Un commento Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.