Un gran numero di sopravvissuti a COVID-19 sperimenterà complicazioni cognitive

Colazione Da Tiffany // Covid-19 Painting by Ooboov Ka Pi |

Una revisione della ricerca condotta dall’Università di Oxford Brookes ha rilevato che un’ampia percentuale di sopravvissuti a COVID-19 sarà affetta da complicazioni neuropsichiatriche e cognitive. Gli psicologi dell’Università di Oxford Brookes e uno psichiatra dell’Oxford Health NHS Foundation Trust, hanno valutato i documenti di ricerca pubblicati al fine di comprendere meglio i possibili effetti dell’infezione da SARS-COV-2 sul cervello e la misura in cui le persone possono aspettarsi di sperimentare problemi di salute mentale a breve o a lungo termine. I pazienti hanno sperimentato una serie di problemi psichiatrici. Lo studio ha rilevato che a breve termine è stata segnalata un’ampia gamma di problemi neuropsichiatrici. In uno studio esaminato, il 95% dei pazienti COVID-19 clinicamente stabili presentava disturbo post-traumatico da stress(PTSD) e altri studi hanno rilevato che il 17-42% * dei pazienti ha manifestato disturbi affettivi, come la depressione. I principali problemi cognitivi a breve termine sono risultati essere l’attenzione ridotta (segnalata dal 45% dei pazienti) e la memoria compromessa (tra il 13-28% dei pazienti). A lungo termine, i problemi neuropsichiatrici erano principalmente disturbi affettivi e affaticamento, nonché ridotta attenzione (segnalata dal 44% dei pazienti) e memoria (segnalata tra il 28-50% dei pazienti). I disturbi della salute mentale potrebbero avere un impatto significativo sul NHS. Comprendere le conseguenze neuropsichiatriche e cognitive del COVID-19 è importante poiché milioni di persone sono state colpite dal virus e molti casi non vengono rilevati. Queste condizioni influenzano la capacità delle persone di lavorare in modo efficace, guidare, gestire le finanze, prendere decisioni informate e partecipare alle attività familiari quotidiane. Se anche solo una piccola parte dei pazienti sperimentasse complicazioni neuropsichiatriche, l’impatto sui servizi sanitari pubblici potrebbe essere significativo. Gli accademici affermano che è probabile che ci sia un aumento dei pazienti con problemi psichiatrici e cognitivi che erano altrimenti sani prima dell’infezione da COVID-19. Una valutazione cognitiva dettagliata e un monitoraggio affidabile dei pazienti dovrebbero essere presi in considerazione al fine di rilevare nuovi casi neurologici. Ciò consentirà anche agli operatori sanitari di pianificare un’assistenza sanitaria e risorse adeguate e migliorare la qualità della vita di molti sopravvissuti al COVID-19. Tuttavia, questi sono risultati emergenti e impareremo molto di più man mano che la ricerca sul campo progredisce. Stiamo già assistendo a un impatto del COVID -19 sulla salute mentale. I pazienti si presentano con la sindrome long COVID che include affaticamento, problemi cognitivi e una serie di problemi psichiatrici. Si stima che questi problemi siano sperimentati da 1 persona su 5 che ha avuto COVID. La gestione di tali pazienti in cliniche a lunga durata dovrebbe coinvolgere un team multidisciplinare che includa psichiatri. NHS England ha stabilito un piano di recupero che include la creazione di cliniche per long covid.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Neuropsychiatric and Cognitive Sequelae of COVID-19” by Sanjay Kumar et al. Frontiers in Psychology

Immagine: Colazione Da Tiffany // Covid-19 (Ooboov Ka Pi)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.