Perché dimentichiamo cosa siamo andati a fare in una stanza

What's behind that door? Painting by watletje watletjeart

Immagina di guardare un episodio avvincente del tuo programma televisivo preferito. Decidi che la situazione richiede i popcorn, quindi ti alzi e vai in cucina. Ma quando arrivi in ​​cucina ti fermi all’improvviso e pensi con te stesso: Perché sono venuto qui? Perplesso, torni in soggiorno. Non appena ti siedi, ti ricordi che volevi fare i popcorn. Torni in cucina, questa volta con una ritrovata determinazione. Abbiamo tutti vissuto una situazione come questa. Sebbene questi vuoti di memoria possano sembrare del tutto casuali, alcuni ricercatori hanno identificato il colpevole nelle vere e proprie porte. Molti studi hanno studiato come la memoria potrebbe essere influenzata dal passaggio attraverso le porte. Sorprendentemente, questi studi mostrano che le porte causano l’oblio, e questo effetto è così consistente che è diventato noto come “effetto porta”. Quando ci spostiamo da una stanza all’altra, la porta rappresenta il confine tra un contesto (come il soggiorno) e un altro (la cucina). Usiamo i confini per segmentare la nostra esperienza in eventi separati, in modo da poterli ricordare più facilmente in seguito. Questi “confini degli eventi” aiutano anche a definire ciò che potrebbe essere importante in una situazione da ciò che potrebbe essere importante in un’altra. Quindi, quando inizia un nuovo evento, essenzialmente eliminiamo le informazioni dall’evento precedente perché potrebbe non essere più rilevante. In altre parole, il nostro desiderio di popcorn è collegato all’evento in soggiorno (il programma televisivo) e tale connessione viene interrotta una volta arrivati ​​in cucina. Se l’effetto porta è così potente, perché questi vuoti di memoria a casa sono in realtà piuttosto rari? Hanno deciso di esaminare questo effetto più da vicino. Avevano 29 persone che indossavano un visore per realtà virtuale e si muovevano attraverso stanze diverse in un ambiente virtuale 3D. Il compito era quello di memorizzare gli oggetti (una croce gialla, un cono blu e così via) sui tavoli all’interno di ogni stanza e poi passare da un tavolo all’altro. Fondamentalmente, a volte il tavolo accanto era nella stessa stanza e altre volte le persone dovevano spostarsi attraverso una porta scorrevole automatica in un’altra stanza. Con grande sorpresa, hanno scoperto che le porte non avevano alcun effetto sulla memoria. Cioè, le persone dimenticano molto raramente gli oggetti, indipendentemente dal fatto che siano entrati o meno da una porta. Hanno deciso di ripetere l’esperimento, ma questa volta avevano avuto 45 persone che eseguivano un difficile compito di conteggio allo stesso tempo, per aumentare la pressione sul compito. In queste condizioni più difficili, questa volta abbiamo confermato l’effetto doorway. Cioè, passare attraverso le porte ha compromesso la memoria delle persone dei vari oggetti. In particolare, le persone erano più propense a scambiare un oggetto simile per quello che avrebbero dovuto aver memorizzato. In sostanza, l’attività di conteggio sovraccaricava la memoria delle persone, rendendola più suscettibile alle interferenze causate dalla porta. Questa scoperta assomiglia più da vicino all’esperienza quotidiana, in cui molto spesso dimentichiamo ciò che siamo entrati in una stanza per fare quando siamo distratti e pensiamo a qualcos’altro. È colpa della porta?
Perché il risultato è così diverso dal potente effetto doorway riportato da studi precedenti? Credono che sia perché hanno progettato le stanze in modo che siano visivamente identiche. Non ci fu alcun cambiamento nel contesto e non ci fu sorpresa dall’aspetto della stanza successiva. Ciò significa che non è tanto la porta di per sé a causare l’oblio, ma piuttosto il cambiamento dell’ambiente. Immagina di essere in un centro commerciale. Portare l’ascensore dal parcheggio a un livello di vendita al dettaglio dovrebbe portare a dimenticare più che prendere l’ascensore semplicemente per spostarsi tra due livelli di vendita al dettaglio. Quindi come potremmo migliorare la nostra capacità di ricordare cosa stiamo facendo mentre ci spostiamo da una stanza all’altra? Irisultati suggeriscono che più facciamo multitasking, più è probabile che la nostra memoria venga svuotata dalle porte. Possiamo tenere a mente solo una certa quantità di informazioni alla volta. Quando siamo distratti da pensieri su altre cose, la nostra memoria di lavoro può sovraccaricarsi più facilmente. Inoltre, non sono solo le porte. Il nostro cervello si impegna nella “segmentazione degli eventi” in tutti gli aspetti della vita, sia nello spazio fisico che in un senso più astratto. Nella maggior parte dei casi, la nostra tendenza a segmentare le nostre vite in eventi distinti è effettivamente vantaggiosa. La nostra capacità di informazione è limitata, quindi non possiamo ricordare troppe informazioni in una volta sola. Pertanto, è più efficiente per noi solo recuperare le informazioni sulla situazione attuale, piuttosto che ricordare tutte le informazioni da tutto ciò che abbiamo sperimentato di recente. Ma se vogliamo sfuggire all’incanto della porta, la nostra migliore possibilità è mantenere una mente concentrata. Quindi continua a pensare ai popcorn la prossima volta che vuoi mangiare qualcosa mentre guardi il tuo programma TV preferito.

Daniele Corbo

Bibliografia: The Conversation

Immagine: What’s behind that door? (watletje watletjeart)

13 commenti Aggiungi il tuo

  1. Interessante è ben spiegato. Grazie. Buon lavoro.

    "Mi piace"

    1. …e ben spiegato. ( Senza accento. Uffa questi touch-screen!)

      "Mi piace"

      1. Grazie mille!!! Avevo capito, non preoccuparti. Un abbraccio

        Piace a 1 persona

  2. Olga ha detto:

    Grazie,molto interessante!

    "Mi piace"

    1. Grazie a te! Buon pomeriggio

      "Mi piace"

  3. Maria ha detto:

    Che cosa buffa! Proprio stamattina, invece di buttare i calzini sporchi nelle cose da lavare, li stavo per buttare nella spazzatura! Perché avevo i pensieri distratti 😅 oltre ad aver pure attraversato una porta! xD (anche se ho capito che ciò non accade sempre)

    Piace a 1 persona

    1. Eh si, sono la sovrapposizione di pensieri che ci fanno distrarre

      Piace a 2 people

  4. luisa zambrotta ha detto:

    Interessante,,, e consolante! Dimentico perché faccio multitasking 😏😀🙃

    "Mi piace"

    1. Si, sei troppo attiva cerebralmente e il cervello a volte si distrae…

      Piace a 1 persona

      1. luisa zambrotta ha detto:

        Grazieee! Ti abbraccio😘😘😘

        "Mi piace"

      2. Ti abbraccio anche io😘😘😘

        Piace a 1 persona

  5. Antartica ha detto:

    Per me è la prassi, ormai. D’ora in poi nessuna porta mi fregherà più. 😌 😜
    Articolo molto utile. Grazie. 🙂

    Buona serata. 😊

    "Mi piace"

    1. Ahahaha, ci tenevo a mettere in guardia dalle porte! 😉Buona serata a te😊

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.