Minor rischio di lesioni cerebrali per i neonati a rischio le cui madri hanno consumato succo di melograno

Pomegranate Painting by Daria Chaika |

La restrizione della crescita intrauterina (IUGR) è comune e preoccupante, ma esistono poche opzioni terapeutiche per le donne incinte che ricevono questa diagnosi. L’IUGR è una condizione in cui un bambino nell’utero ha una grandezza piccola per la sua età gestazionale, spesso a causa di problemi con la placenta, con conseguente trasferimento compromesso o insufficiente di ossigeno e sostanze nutritive al feto in crescita. Il cervello fetale in via di sviluppo è particolarmente vulnerabile a questi effetti. Un bambino su 10 viene diagnosticato con IUGR e i neonati con IUGR sono a maggior rischio di morte e compromissione dello sviluppo neurologico. Recenti ricerche sul succo di melograno ricco di polifenoli hanno suggerito che può aiutare a proteggere il cervello dalle lesioni. In uno studio clinico esplorativo, randomizzato e controllato, supportato da finanziamenti filantropici e da un dono di POM Wonderful, il più grande coltivatore e produttore di melagrane fresche e succo di melograno negli Stati Uniti, gli investigatori del Brigham and Women’s Hospital hanno arruolato madri incinte i cui bambini sono stati diagnosticati con IUGR. Il team ha trovato prove che bere succo di melograno ogni giorno può ridurre il rischio di lesioni cerebrali nei neonati IUGR, specialmente durante il terzo trimestre quando il cervello del neonato può essere particolarmente vulnerabile. I risultati sono pubblicati in Scientific Reports. Ci sono fattori dietetici che possono influenzare la neuroprotezione, specialmente in contesti ad alto rischio come durante il travaglio e il parto. Sono rimasti incuriositi dai risultati della ricerca preclinica che suggeriscono che i polifenoli, che si trovano ad alte concentrazioni nel succo di melograno, potrebbero essere altamente protettivi. Questo studio clinico fornisce le prove più promettenti fino ad oggi che i polifenoli possono fornire protezione dal rischio di lesioni cerebrali nei neonati IUGR. Sebbene esplorativi, i risultati sono promettenti e suggeriscono che essere in grado di intervenire prima della nascita può aiutare a proteggere il cervello del neonato dagli effetti devastanti delle lesioni cerebrali. I polifenoli fanno parte di una classe di antiossidanti presenti in determinati cibi e bevande, tra cui mandorle, frutti di bosco, vino rosso e tè. Il succo di melograno è una fonte particolarmente ricca di queste molecole. È noto che i polifenoli attraversano la barriera emato-encefalica e studi su modelli animali hanno dimostrato effetti protettivi contro le malattie neurodegenerative. Per la loro sperimentazione clinica, i ricercatori hanno reclutato 99 madri incinte al Brigham. I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a consumare 8 once di succo di melograno o una bevanda priva di polifenoli abbinata per colore, gusto e conteggio delle calorie. I partecipanti hanno bevuto il succo quotidianamente dal momento dell’iscrizione fino alla consegna. Il team ha eseguito misurazioni della risonanza magnetica fetale su circa la metà dei partecipanti prima che le madri iniziassero il regime del succo e non ha trovato prove di lesioni cerebrali fetali in quel momento. Dopo il parto, le misurazioni della risonanza magnetica neonatale hanno mostrato che i bambini le cui madri consumavano succo di melograno avevano meno probabilità di avere lesioni cerebrali rispetto a quelli randomizzati al placebo. I neonati avevano un minor rischio di lesioni corticali della materia grigia e della sostanza bianca. Il team non ha inoltre trovato prove di costrizione duttale, un potenziale problema di sicurezza. Data la natura esplorativa dello studio e le sue dimensioni limitate, gli autori avvertono che sono necessari studi controllati più ampi. Il team prevede inoltre di continuare a studiare i bambini arruolati nel loro studio nei prossimi 2-3 anni per valutare l’esito dello sviluppo neurologico dei bambini. Questi studi di follow-up sullo sviluppo neurologico sono in corso e incoraggiamo altri ricercatori che studiano popolazioni di neonati ad alto rischio a considerare l’influenza dei polifenoli per la neuroprotezione. Il sogno è che un giorno si potrà offrire alle donne un modo per aiutare a proteggere il cervello del loro bambino da potenziali lesioni. Nel frattempo, i ricercatori continueranno a seguire i partecipanti per fornire ulteriori informazioni sulle potenziali implicazioni cliniche del succo di melograno prenatale.

Daniele Corbo

Bibliografia: “A randomized controlled trial investigating the impact of maternal dietary supplementation with pomegranate juice on brain injury in infants with IUGR” by Madeline M. Ross, Sara Cherkerzian, Nicole D. Mikulis, Daria Turner, Julian Robinson, Terrie E. Inder & Lillian G. Matthews. Scientific Reports

Immagine: Pomegranate (Daria Chaika)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.