Le scansioni MRI definiscono e rilevano in modo più preciso alcune anomalie fetali

Pregnant Painting by Fiona Byrne |

La scansione MRI può definire e rilevare più precisamente malformazioni della testa, del collo, del torace, dell’addome e della colonna vertebrale nei bambini non ancora nati, rileva un ampio studio multidisciplinare condotto dal King’s College di Londra con l’Evelina London Children’s Hospital, il Great Ormond Street Hospital e l’UCL. Nello studio, pubblicato ieri su Lancet Child and Adolescent Health , il team di ricercatori e medici dimostra i modi in cui la scansione MRI può mostrare le malformazioni in grande dettaglio, compreso il loro effetto sulle strutture circostanti. È importante sottolineare che la risonanza magnetica è una procedura molto sicura per le donne incinte e i loro bambini. Dicono che il lavoro è inestimabile sia per i medici che si prendono cura dei bambini prima che nascano sia per i team che pianificano la cura del bambino dopo il parto. La ricerca recente si è concentrata sulla correzione del movimento fetale nella risonanza magnetica cerebrale fetale e, più recentemente, sull’imaging del cuore fetale. Tuttavia, vi è una crescente domanda di valutare l’intero feto con la risonanza magnetica e la ricerca del King’s College London School of Biomedical Engineering & Imaging Sciences presso l’Evelina London Children’s Hospital, ha recentemente potuto sviluppare una pipeline post-acquisizione per correggere il movimento e ricostruire il volume immagini dell’intero corpo fetale. L’ecografia rimane il gold standard per lo screening fetale e in effetti è complementare a questi approcci MRI ottimizzati per la valutazione delle anomalie del corpo fetale. Fino ad ora, l’ecografia è stata la modalità di scelta per diagnosticare queste anomalie. Tuttavia, a volte la capacità degli ultrasuoni di definire l’anatomia più dettagliata è limitata. La risonanza magnetica offre il potenziale per definire più precisamente le malformazioni che potrebbero aiutare i medici nella pianificazione della cura e nella consulenza ai genitori. La risonanza magnetica è comunemente utilizzata nella classificazione delle anomalie cerebrali fetali. Sebbene il suo utilizzo nelle anomalie del corpo fetale sia meno ampiamente adottato, i progressi hanno portato alla convalida del suo ruolo nell’indagine prenatale di diverse condizioni tra cui l’indagine sui feti con spina bifida: l’imaging del cervello fetale insieme al midollo spinale è un importante fattore nella valutazione di quali pazienti potrebbero trarre beneficio dalla chirurgia fetale. Per le masse del collo fetale, la risonanza magnetica offre un chiaro vantaggio rispetto agli ultrasuoni convenzionali per valutare l’estensione del tumore e fornire una visualizzazione 3D della relazione del tumore con le vie aeree. La risonanza magnetica può anche essere migliore degli ultrasuoni per distinguere tra tessuto polmonare normale e anormale e per fare altre diagnosi come l’ernia diaframmatica, in particolare nella tarda gestazione, quando farlo con gli ultrasuoni è difficile. Nuovi approcci all’imaging del corpo fetale con la risonanza magnetica consentono sia la correzione del movimento delle immagini fetali che la ricostruzione del volume degli organi e dei difetti del corpo. I ricercatori dicono che questo migliora la visualizzazione e quindi il rilevamento e la caratterizzazione delle anomalie. Il progetto ha riunito chirurghi, specialisti in medicina fetale, radiologi e fisici per rivedere l’uso della risonanza magnetica per indagare sulle condizioni del nascituro; questo approccio è già stato integrato nella pratica clinica presso Evelina London, che fa parte del Guy’s and St Thomas ‘NHS Foundation Trust. È inoltre possibile visualizzare video e immagini. Il lavoro in corso si concentra su un processo completamente automatizzato adatto per la traduzione clinica e una più ampia diffusione nella pratica clinica.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Fetal body MRI and its application to fetal and neonatal treatment: an illustrative review” by Mary Rutherford et al. Lancet Child and Adolescent Health

Immagine: Pregnant (Fiona Byrne)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.