Bulli, ladri e capi: il costo nascosto degli psicopatici al lavoro

Psychopath Painting by Husnu Konuk |

Dai thriller psicologici alle storie del crimine vero, le persone che si discostano dalle norme sociali possono essere profondamente affascinanti. Gli psicopatici soprattutto. Lavorare con o per uno psicopatico, tuttavia, è meno divertente. La ricerca generalmente concorda che circa l’1% della popolazione è psicopatica. Ciò significa che non riescono a sviluppare la normale gamma di emozioni, mancano di empatia per gli altri e sono più inclini a comportamenti antisociali e disinibiti. Tra i detenuti, la percentuale con tratti psicopatici è stata stimata tra il 15% e il 20%. Ma gli psicopatici sono anche rappresentati in modo sproporzionato nella cultura aziendale. Tra i livelli più alti delle grandi organizzazioni, il tasso di psicopatia è stimato al 3,5%. Alcune stime per gli amministratori delegati vanno molto più in alto. Solo negli ultimi decenni la ricerca sulla psicopatia ha iniziato a riflettere l’enormità del costo sociale ed economico degli psicopatici aziendali non criminali. La ricerca suggerisce che gli psicopatici aziendali costano all’economia miliardi di dollari non solo per frodi e altri crimini, ma per i danni personali e organizzativi che si lasciano alle spalle mentre salgono la scala aziendale. Gli psicopatici in genere mancano di empatia e rimorso. Sono egocentrici, manipolatori, privi di emozioni, ingannevoli, falsi e auto-esaltanti. Ma sono anche coraggiosi e fiduciosi, il che li aiuta a presentarsi come dipendenti potenzialmente pieni di risorse e ad ottenere un impiego. Un classico esempio è “Chainsaw Al” Dunlap, che all’inizio degli anni ’90 era celebrato come uno “streamliner” aziendale dal muso duro ma efficace, che ha cambiato le sorti dell’azienda riducendo il personale. Dunlap è stato identificato come detentore di forti tratti psicopatici. Si è scoperto, tuttavia, che il suo successo aveva più a che fare con la sua disponibilità a commettere frodi che con la sua mancanza di compassione. In realtà, è difficile concepire una situazione in cui un’organizzazione trarrebbe vantaggio dal reclutare qualcuno con tendenze psicopatiche. Una volta in posizione, la loro combinazione di tratti li porterà spesso a impegnarsi in comportamenti non etici e di sfruttamento, ignorando le norme che consentono alle persone di lavorare insieme armoniosamente. Nel suo libro del 2017 A Climate of Fear: Stone Cold Psychopaths at Work, Clive Boddy descrive dei tratti degli psicopatici aziendali:

  • utilizzare ristrutturazioni organizzative per indebolire potenziali minacce
  • costringere i colleghi all’obbedienza
  • diffondere voci per minare i concorrenti
  • implementare “tecniche di gestione delle impressioni verso l’alto” alla competenza del progetto
  • giustificare un comportamento scorretto come “decisioni difficili che dovevano essere prese”.

Essere uno psicopatico non è illegale. L’unico ambito in cui la legge interviene sulla base di una diagnosi psicologica è quando si vede che la malattia mentale mette in pericolo l’incolumità del soggetto o di altri. La psicopatia è un disturbo della personalità, non una malattia mentale. Non esiste alcun rimedio legale per comportamenti psicopatici che non raggiungano il livello di un reato causa di licenziamento, come frode, furto o molestie sessuali. In alcuni casi, potrebbe essere possibile ridurre al minimo il danno che uno psicopatico può fare adottando una linea più dura sugli standard comportamentali. Il bullismo e le molestie sono evidenti segnali di avvertimento di altri comportamenti tossici per la cultura del lavoro. La prima e principale linea di difesa contro gli psicopatici aziendali deve essere la prevenzione. Non esiste un modo infallibile per evitare di reclutare uno psicopatico, ma la chiave per ridurre il rischio è uno scetticismo diligente: controllare le affermazioni di un candidato. Gli psicopatici hanno un vantaggio naturale in qualsiasi processo di reclutamento superficiale a causa della loro minore inibizione nel rivendicare qualifiche, esperienza e competenze che non hanno e per essersi presi il merito di un lavoro che non hanno svolto. Vale quindi la pena verificare le qualifiche dichiarate di un candidato, esaminare tutte le sue affermazioni verbali e scritte e metterle alla prova sulla loro onestà, veridicità e capacità di dare credito dove è dovuto. Potrebbero avere un brillante riferimento da un ex manager, ma per quanto riguarda gli altri colleghi? È più probabile che qualcuno in un ruolo minore rispetto al candidato in esame, rispetto a un ex manager, abbia visto il vero carattere della persona. Porre le domande difficili prima dell’assunzione diventa probabilmente più importante più il ruolo è di alto livello. In una serie di contesti si stanno riconoscendo sempre più le conseguenze di non prendere sul serio i reclami. Fumo non significa necessariamente incendio, ma quando un individuo viene ritenuto responsabile di un incendio, è probabile che ne abbia provocato altri. Lo psicopatico aziendale è un personaggio affascinante ma pericoloso. Mentre si arriva ad apprezzare quanti danni possono fare, non è un personaggio che dovresti voler studiare da vicino.

Daniele Corbo

Bibliografia: The Conversation

Immagine: Psychopath (Husnu Konuk)

12 commenti Aggiungi il tuo

  1. Please read my post

    "Mi piace"

  2. silviacavalieri ha detto:

    Che bel ritrattino! Purtroppo conosco il genere… devastante!

    "Mi piace"

    1. Purtroppo non è una tipologia di persone così rara…

      Piace a 1 persona

      1. silviacavalieri ha detto:

        E prima che venga riconosciuta come tale commette vere stragi

        "Mi piace"

      2. si, è proprio vero, cara Silvia!

        Piace a 1 persona

  3. titti onweb ha detto:

    Ciao Daniele! Che paura 😱 comunque io adoro i thriller psicologici😀

    "Mi piace"

    1. eh, fin quando sono fiction… 😀 Comunque è sempre bello ricevere tuoi commenti!

      Piace a 1 persona

      1. titti onweb ha detto:

        Bene!

        "Mi piace"

  4. A JACOB ha detto:

    L’ha ripubblicato su The Owl Criminology.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.