Cosa succede nel tuo cervello quando ti “perdi” nella narrativa

The Act of Reading Painting by Samir Rakhmanov |

Se ti consideri tra coloro che si perdono nelle vite dei personaggi di fantasia, gli scienziati ora hanno un’idea migliore di come ciò avvenga. I ricercatori hanno scoperto che più le persone immerse tendono a “diventare” un personaggio di fantasia, più usano la stessa parte del cervello per pensare al personaggio così come pensano a se stesse. Quando pensano a un personaggio immaginario preferito, in una parte del cervello sembra simile a quando pensano a se stessi. Lo studio, pubblicato di recente online sulla rivista Social Cognitive and Affective Neuroscience, ha coinvolto la scansione del cervello di 19 fan autodescritti della serie HBO “Game of Thrones” mentre pensavano a se stessi, a nove dei loro amici e a nove personaggi della serie. (I personaggi erano Bronn, Catelyn Stark, Cersei Lannister, Davos Seaworth, Jaime Lannister, Jon Snow, Petyr Baelish, Sandor Clegane e Ygritte.) I partecipanti hanno riferito a quale personaggio di “Game of Thrones” si sentivano più vicini e apprezzati di più. “Game of Thrones” era una serie drammatica fantasy della durata di otto stagioni e riguardante conflitti politici e militari tra famiglie dominanti in due continenti immaginari. Era l’ideale per questo studio perché ha attratto una base di fan devoti e il grande cast ha presentato una varietà di personaggi a cui le persone potrebbero affezionarsi. Uno dei risultati chiave ha coinvolto i partecipanti allo studio che hanno ottenuto il punteggio più alto in quella che viene chiamata “trait identification”. In un questionario che hanno completato come parte dello studio, questi partecipanti erano decisamente d’accordo con affermazioni come “Sono davvero coinvolto nei sentimenti dei personaggi di un romanzo”. Le persone che sono ad alto livello di identificazione dei tratti non solo vengono assorbite in una storia, ma sono anche davvero assorbite da un personaggio particolare. Riferiscono di abbinare i pensieri del personaggio, stanno pensando a cosa sta pensando il personaggio, stanno provando ciò che sta provando il personaggio. Stanno occupando il ruolo di quel personaggio. Per lo studio, i cervelli dei partecipanti sono stati scansionati in una macchina fMRI mentre valutavano se stessi, gli amici e i personaggi di “Game of Thrones”. Una fMRI misura indirettamente l’attività in varie parti del cervello attraverso piccoli cambiamenti nel flusso sanguigno. I ricercatori erano particolarmente interessati a ciò che stava accadendo in una parte del cervello chiamata corteccia prefrontale mediale ventrale (vMPFC), che mostra una maggiore attività quando le persone pensano a se stesse e, in misura minore, quando pensano agli amici intimi. Il processo è stato semplice. Durante la fMRI, ai partecipanti sono stati mostrati una serie di nomi: a volte se stessi, a volte uno dei loro nove amici e altre volte uno dei nove personaggi di “Game of Thrones”. Ogni nome appariva sopra un tratto, come solitario, triste, degno di fiducia o intelligente. I partecipanti hanno semplicemente detto “sì” o “no” al fatto che il tratto descriva la persona mentre i ricercatori hanno misurato simultaneamente l’attività nella porzione vMPFC del loro cervello. Come previsto, il vMPFC era più attivo quando le persone stavano valutando se stesse, meno attivo quando valutavano gli amici e meno attivo quando valutavano i personaggi di “Game of Thrones”. Ma per coloro che erano ad alto livello di identificazione dei tratti, il vMPFC era più attivo quando pensavano ai personaggi di fantasia rispetto ai partecipanti che si identificavano meno con i personaggi. Quell’area del cervello era particolarmente attiva quando hanno valutato il personaggio a cui si sentivano più vicini e apprezzato di più. I risultati aiutano a spiegare come la narrativa possa avere un impatto così grande su alcune persone. Per alcune persone, la finzione è un’opportunità per assumere nuove identità, per vedere i mondi attraverso gli occhi degli altri e tornare da quelle esperienze cambiate. Quello che studi precedenti hanno scoperto è che quando le persone vivono le storie come se fossero uno dei personaggi, viene stabilita una connessione con quel personaggio, e il personaggio si intreccia con il sé. In questo studio vedono le prove di ciò nel loro cervello.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Becoming the King in the North: identification with fictional characters is associated with greater self–other neural overlap” by Timothy W Broom, Robert S Chavez, Dylan D Wagner. Social Cognitive and Affective Neuroscience

Immagine: The Act of Reading (Samir Rakhmanov)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.