I lavori preferiti di serial killer e psicopatici

Serial-Killer Paintings

Il sorprendente arresto dell’inafferrabile Golden State Killer, alias East Area Rapist / Original Night Stalker / Diamond Knot Killer / Visalia Ransacker in quella che è stata probabilmente la costellazione più irritante e inquietante di casi freddi interconnessi nella storia americana, ha sollevato più domande che risposte. Una domanda è come un ladro seriale, uno stupratore e un assassino possano operare simultaneamente in così tante giurisdizioni e, proprio come nel caso di Paul Bernardo in Canada, far sì che le forze dell’ordine ignorino in modo miope i collegamenti tra i suoi crimini in diverse città. Un’altra domanda è, ovviamente, come un agente di polizia come Joseph DeAngelo, l’accusato Golden State Killer, possa essere capace di una brutalità così sadica per gran parte della sua breve e travagliata carriera nelle forze dell’ordine. Domande simili sono state sollevate in passato su altri criminali seriali, assassini i cui lavori innocui e persino virtuosi sembravano smentire gli orrori che hanno commesso nascondendosi dietro una patina di rispettabilità. Ciò include il famigerato colonnello canadese Russell Williams (che una volta ha pilotato un aereo VIP i cui passeggeri includevano la regina Elisabetta) al proprietario di un negozio di computer meno noto e prominente uomo d’affari di Nashville Tom Steeples, che ha ucciso tre persone per il brivido prima di suicidarsi mentre era sotto custodia della polizia. Ma in realtà, le occupazioni e gli omicidi seriali sono spesso collegati, e alcuni lavori specifici a tempo pieno e part-time sono stranamente sovrarappresentati tra i serial killer. Tanto è vero, infatti, che negli ultimi 50 anni sono emersi alcuni modelli dominanti. Come dettagliato nel recente libro,  Murder in Plain English ,  queste stesse occupazioni sono comunemente suddivise in quattro categorie basate su abilità, formazione e turnover. Alcuni di loro potrebbero sorprenderti, altri no.

Ripartizione del lavoro da serial killer
  • Le 3 principali professioni di serial killer qualificate: 1. Macchinista / assemblatore di aeromobili; 2. Calzolaio / addetto alle riparazioni; 3. Tappezziere di automobili
  • Principali 3 professioni di serial killer semi-specializzato: 1. operaio forestale / arboricoltore; 2. Autista di camion; 3. Responsabile del magazzino
  • Principali 3 professioni di serial killer non qualificate: 1. Operaio generale (traslocatore, paesaggista, et. Al.); 2. Portiere dell’hotel; 3. Addetto alla stazione di servizio
  • Le 3 principali occupazioni di serial killer professionali / governative: 1. Polizia / funzionario della sicurezza; 2. Personale militare; 3. Funzionario religioso

Ovviamente, non tutti quelli che occupano questi lavori sono un serial killer, né è probabile che lo diventino.
Ma c’è qualcosa in questi lavori che attrae intrinsecamente i delinquenti, o che altrimenti coltiva gli impulsi dei serial killer in attesa e li fa essere curiosamente sovrarappresentati tra questa rara tipologia di assassini.
DeAngelo, il presunto Golden State Killer, ad esempio, in realtà ha tenuto tre di questi lavori nel corso della sua vita: ufficiale di polizia (è stato licenziato nel 1979 per taccheggio), personale militare (era precedentemente nella marina americana) e, marginalmente, camionista.

Un’epoca passata

Uno sguardo più attento a queste occupazioni rivela un’epoca passata in termini di posti di lavoro disponibili – occupazioni che, sebbene una volta comuni e accessibili agli assassini negli anni ’60, ’70 e ’80 – sono ora in gran parte obsolete. Il mercato del lavoro sta cambiando; con ciò, così è il nesso inquietante ma legittimo tra omicidio e lavoro.
Il passaggio a un’economia basata sui servizi, guidata dalla tecnologia e tipicamente contrattuale, quello che viene spesso chiamato  lavoro precario, insieme alla scomparsa di percorsi di carriera un tempo tradizionali, avrà ovviamente effetti profondi non solo sui posti di lavoro ricoperti dai delinquenti, ma anche sul modo in cui acquisiscono le loro vittime.
Come discusso nel libro,  Monster City , c’è stata un’impennata precipitosa di omicidi in serie a Nashville con l’ascesa della “nuova” scena musicale country negli anni ’80 e ’90, dando agli aspiranti assassini l’accesso a nuove vittime.
I serial killer una volta usavano il loro impiego per perseguitare e acquisire specifiche vittime o tipi di vittime (vengono subito in mente Dennis Rader, Roger Kibbe e Bruce Mendenhall). Ma una  nuova ricerca  suggerisce che le attività ricreative come la musica, comprese le interazioni online, potrebbero essere la nuova strada attraverso la quale i serial killer attirino le loro vittime.
Il risultato è che probabilmente vedremo, tornando ancora una volta al presunto serial killer di Toronto Bruce McArthur, sfocate categorie occupazionali-ricreative che coinvolgono sia dimensioni online che offline: un nuovo paradigma che ci costringerà a modificare l’elenco dei lavori più comuni tra serial killer.
L’avvertenza, ovviamente, è che una singola occupazione determinante è in continuo mutamento. Ad esempio, “occupazione” potrebbe denotare una vocazione primaria, una professione part-time o anche solo un hobby o un passatempo retribuito?

Passatempi oltre che professioni?

Potrebbe includere anche un passatempo non pagato con il quale una persona si caratterizza?
Un rapido esame dei principali “influencer” e “open networker” di LinkedIn, ad esempio, suggerisce che molte persone elencano effettivamente le loro passioni o passatempi e non i loro lavori retribuiti come occupazione principale.
Nel caso di McArthur, vediamo che, sebbene sia conforme alla categoria del “lavoratore generale”, come paesaggista e non solo come tagliaerba, nonché come proprietario della sua azienda, non si adatta nemmeno a una chiara definizione professionale.
Eppure, come già si sa dalla morbosa fossa comune recuperata dalla casa di un cliente a Mallory Crescent a Toronto, l’occupazione dell’accusato è stata centrale per i suoi presunti reati e per il modo in cui, secondo quanto riferito, ha eliminato le vittime – era parte integrante del suo apparente modus operandi.
Così, mentre molti assassini usano il loro lavoro come pretesto per acquisire vittime vulnerabili, ottenere informazioni o coltivare fantasie violente per ragioni che ancora non comprendiamo appieno (“Milwaukee Cannibal” Jeffrey Dahmer una volta ha ammesso che il suo lavoro come macchinista di una fabbrica di cioccolato ha risvegliato un omicidio e impulsi necrofili che aveva altrimenti soppresso), nel caso di McArthur, l’occupazione era il back-end dei suoi presunti crimini, non l’ispirazione per loro.

E gli psicopatici?

Mentre si inizia a ridisegnare la mappa dell’omicidio seriale e dei percorsi di carriera, potrebbe anche essere utile guardare l’indice altrimenti più noto delle occupazioni sovrarappresentate tra gli psicopatici. Sebbene non tutti gli psicopatici siano serial killer, la psicopatia – o per lo meno, il possesso di tratti psicopatici – è un denominatore comune tra serial killer, molestatori sessuali e criminali più violenti. Dai un’occhiata alle 10 migliori occupazioni secondo uno psicologo dell’Università di Oxford:

  1. CEO o dirigente d’azienda
  2. Avvocato
  3. Personalità dei media
  4. Venditore
  5. Chirurgo
  6. Giornalista o conduttore di notizie
  7. Poliziotto
  8. Funzionario religioso
  9. Chef
  10. Impiegati vari (militari, consiglio comunale, correzioni, ecc.)

Sovrapponendo le due liste, possiamo vedere che anche in un’economia in continua evoluzione, è probabile che certi lavori piacciano sempre a quelle persone che in seguito saremo sbalorditi nell’apprendere che abbiano portato avanti quel tipo di lavoro pur essendo dei mostri in mezzo a noi.

Daniele Corbo

Bibliografia: The Conversation

Immagine: serial killer (Galina Khafizova)

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. luisa zambrotta ha detto:

    😮😯😮

    "Mi piace"

      1. luisa zambrotta ha detto:

        🙏💜🙏

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.