Egoista o altruista? Forse lo siamo entrambi

Selfish Paintings For Sale

Cercare di essere il migliore, pensando solo a se stessi, è stato importante nel cammino di sopravvivenza della specie umana. Ma l’interesse personale non è l’unico tratto che ha aiutato le persone a vincere nell’evoluzione. Gruppi di individui che erano predisposti a cooperare, prendersi cura l’uno dell’altro e sostenere norme sociali di equità tendevano a sopravvivere ed espandersi rispetto ad altri gruppi, permettendo così a queste motivazioni prosociali di proliferare. Così oggi, la preoccupazione per se stessi e la preoccupazione per gli altri contribuiscono entrambe al nostro senso di equità. Insieme facilitano la cooperazione tra individui non imparentati, qualcosa di onnipresente tra le persone ma raro in natura.
Una domanda fondamentale è come le persone bilanciano queste due motivazioni quando prendono decisioni. I bambini sono sensibili all’equità sin dalla tenera età. Ad esempio, se dai a due fratelli un numero diverso di biscotti, quello che ne riceve meno probabilmente farà un attacco all’altro. I bambini molto piccoli, tra i 3 ei 6 anni di età, sono molto sensibili alle preoccupazioni sull’uguaglianza. Dividere le risorse è “equo” se tutti ricevono la stessa quantità. A 6 anni, i bambini getteranno via le risorse invece di assegnarle in modo diseguale. Man mano che crescono, i bambini sviluppano la capacità di pensare alle menti degli altri e di prendersi cura delle norme sociali. Presto iniziano a comprendere il principio di “equità”: una distribuzione “equa” può essere diseguale se tiene conto dei bisogni, degli sforzi o dei meriti delle persone. Ad esempio, un fratello che fa più faccende potrebbe avere diritto a più biscotti.
Questo spostamento verso l’equità sembra essere universale negli esseri umani e segue modelli simili in tutte le culture. È interessante notare che ci vogliono diversi anni di sviluppo prima che il comportamento dei bambini raggiunga la loro comprensione dell’equità, ad esempio scegliendo di condividere le risorse in modo più equo piuttosto che dare la priorità ai propri guadagni.
Per indagare su come il cervello in via di sviluppo dei bambini guida la loro comprensione dell’equità, i ricercatori hanno invitato bambini di età compresa tra i 4 e gli 8 anni nel laboratorio. Hanno dato loro quattro caramelle da dividere tra altre due persone. Dopo aver deciso quante (se ce ne erano) da condividere, hanno misurato la loro attività cerebrale utilizzando l’elettroencefalografia non invasiva mentre guardavano un adulto dividere 10 premi – come caramelle, monete o adesivi – tra altre due persone. Le distribuzioni avrebbero potuto essere eque (5: 5), leggermente ingiuste (7: 3) o molto ingiuste (10: 0). All’inizio, l’attività cerebrale dei bambini sembrava la stessa sia che stessero osservando una distribuzione leggermente ingiusta o molto ingiusta delle leccornie. Dopo 400 millisecondi, l’attività elettrica cerebrale per i bambini che hanno visto la divisione 7: 3 leggermente ingiusta è cambiata per assomigliare alla risposta cerebrale dei bambini che hanno visto la divisione 5: 5 completamente equa.
L’interpretazione è che i giovani cervelli usassero quel breve lasso di tempo per considerare il motivo per cui un adulto avrebbe potuto distribuire le leccornie in un modo leggermente ingiusto e poi ha deciso che poteva effettivamente essere giusto. Inoltre, i bambini i cui modelli di attività cerebrale erano i più diversi quando vedevano distribuzioni equa e ingiusta erano i più propensi ad aver usato il merito e il bisogno quando originariamente dividevano le loro caramelle, prima di guardare gli adulti. Quindi le registrazioni EEG indicano che anche i bambini di 4 anni si aspettano che le distribuzioni siano perfettamente uguali, il che ha senso data la loro naturale preferenza per l’uguaglianza. Quando i bambini, soprattutto dopo i 5 anni, guardano un adulto fare una distribuzione completamente ingiusta, lavorano per cercare di capire perché potrebbe essere così.
Nella tua vita quotidiana adulta, affronti decisioni che influenzano non solo te stesso, ma anche le altre persone intorno a te. Aiuti uno sconosciuto a raccogliere la borsa rovesciata e perdi il tuo autobus? Prendi la fetta di torta grande e lasci quella piccola per il collega che verrà dopo? In termini più generali, come fanno le persone a bilanciare l’interesse personale con l’equità per gli altri quando queste motivazioni sono in conflitto? Per rispondere a questa domanda, hanno invitato i partecipanti a fare un gioco economico. In ogni round, un proponente anonimo divideva 12 $ tra sé, il partecipante e un altro giocatore. Il partecipante avrebbe potuto decidere di accettare la distribuzione, consentendo a tutti e tre i giocatori di tenere i soldi, o rifiutare la distribuzione, il che avrebbe significato che nessuno avrebbe ottenuto nulla. Mentre i partecipanti hanno preso la loro decisione, hanno misurato la loro attività neurale utilizzando EEG e fMRI. La risonanza magnetica funzionale rivela le aree attive del cervello mappando il flusso sanguigno. Il proponente era in realtà un computer che permetteva di manipolare l’equità delle offerte.
Hanno scoperto che sia l’equità per se stessi che per gli altri erano importanti per le decisioni dei partecipanti, ma le persone erano più disposte a tollerare offerte che erano ingiuste nei confronti degli altri se loro stesse ricevevano un’offerta ingiusta. Il progetto ha anche permesso di vedere se le stesse regioni del cervello sono sensibili all’interesse personale e alla preoccupazione per gli altri. Un concetto popolare nelle scienze cognitive è che siamo in grado di capire le altre persone perché usiamo le stesse parti del nostro cervello per capire il nostro sé. L’idea è che il cervello attivi e gestisce queste rappresentazioni condivise a seconda del compito da svolgere. Ma in questi studi, hanno scoperto che piuttosto che aree cerebrali condivise, reti cerebrali distinte erano coinvolte nel pensare all’equità per sé e per gli altri. Hanno anche utilizzato l’apprendimento automatico per verificare se, guardando i segnali cerebrali, potevano prevedere quale tipo di offerta aveva ricevuto un partecipante. Poterono decodificare in modo affidabile un segnale in più reti cerebrali che corrispondeva all’equità per me stesso, ovvero “ho ricevuto almeno un terzo dei $ 12?” E questa focalizzazione sull’interesse personale ha dominato le prime fasi del processo decisionale. Nel complesso, questi risultati suggeriscono che le persone danno la priorità ai propri guadagni prima e solo successivamente integrano il modo in cui le loro opzioni influenzano le altre persone. Quindi, mentre le persone si preoccupano degli altri, il comportamento egoistico è vivo e vegeto, anche nei giochi di economia comportamentale. Una volta che le persone ottengono la loro giusta quota, sono disposte a essere corrette con gli altri. È più probabile che tu aiuti lo sconosciuto con la sua borsa se sai che ci sarà un altro autobus dopo 10 minuti, anziché un’ora. I ricercatori sono interessati a ciò che accade quando una persona deve prendere decisioni che coinvolgono altre persone, come delegare responsabilità tra i membri del team, o quando un individuo ha un potere limitato di influenzare personalmente il modo in cui le risorse sono suddivise, come nella spesa pubblica. Un’implicazione di questo lavoro è che quando le persone vogliono raggiungere un compromesso, può essere importante assicurarsi che nessuno si senta sfruttato.

Daniele Corbo

Bibliografia: The Conversation

Immagine: Every Man for Himself (Alan Fears)

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. Please read my post

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.