I bambini preferiscono parlare da bambini

Lullaby Jonny Andvik | Mother and child painting, Art, Painting

Può essere difficile resistere a cadere in un tono esagerato e cantilenante quando parli con un bambino carino. E questo con una buona ragione. Secondo uno studio condotto dal Language Acquisition Lab della UCLA e da altri 16 laboratori in tutto il mondo, i bambini presteranno più attenzione al modo di parlare da bambino (baby talk) rispetto al linguaggio normale, indipendentemente dalle lingue che sono abituati a sentire.
Lo studio ha scoperto che i bambini che sono stati esposti a due lingue avevano un interesse maggiore per il discorso diretto dal bambino – cioè un discorso da bambino che parlava un adulto – rispetto al discorso diretto dagli adulti. La ricerca ha già dimostrato che i bambini monolingue preferiscono il baby talk. Alcuni genitori temono che insegnare due lingue possa significare che un bambino non imparerà a parlare in tempo, ma il nuovo studio mostra che i bambini bilingue sono evolutivamente sulla buona strada. Lo studio peer-reviewed, pubblicato ieri da Advances in Methods and Practices in Psychological Science, ha rilevato che i bambini bilingue si sono interessati al baby talk alla stessa età di quelli che imparano una lingua. Fondamentale per i genitori, hanno scoperto che lo sviluppo dell’apprendimento e dell’attenzione è simile nei bambini, sia che stiano imparando una o due lingue. Naturalmente, imparare una lingua prima ti aiuta ad impararla meglio, quindi il bilinguismo è vantaggioso per tutti.
Nello studio, che si è svolto in 17 laboratori in quattro continenti, i ricercatori hanno osservato 333 bambini bilingue e 384 bambini monolingue, di età compresa tra 6 e 9 mesi e 12-15 mesi. Il laboratorio dell’UCLA è stato l’unico a fornire dati sui bambini bilingue cresciuti ascoltando sia l’inglese che lo spagnolo. I ricercatori dell’UCLA, hanno osservato bambini di età compresa tra 12 e 15 mesi. Ogni bambino si sedeva sulle ginocchia di un genitore mentre le registrazioni di una madre di lingua inglese, usando il discorso diretto dal bambino o il discorso diretto dagli adulti, venivano riprodotte dagli altoparlanti a sinistra o a destra. Il monitoraggio del computer ha misurato per quanto tempo ogni bambino ha guardato nella direzione di ciascun suono. Più a lungo guardavano, più forte era la loro preferenza.
I bambini tendono a prestare maggiore attenzione ai suoni esagerati del discorso diretto dai bambini. L’interesse dei bambini per il baby talk in inglese è stato ottimizzato. I genitori bilingue hanno indicato la percentuale di tempo in cui l’inglese è stato parlato a casa rispetto allo spagnolo. A più inglese erano stati esposti i bambini bilingui, più forte era la loro preferenza per il linguaggio diretto dai bambini rispetto al discorso diretto dagli adulti. Tuttavia, anche i bambini senza esposizione all’inglese preferivano il discorso da bambino al discorso degli adulti.
Il baby talk si trova nella maggior parte delle lingue e culture, ma l’inglese ha una delle forme più esagerate. Baby talk ha un ritmo di parola più lento in tutte le lingue, con un tono più variabile, ed è più animato e felice. Varia principalmente in base a quanto è esagerato.
Lo studio ha coinvolto laboratori negli Stati Uniti, Canada, Europa, Australia e Singapore. La portata globale dello studio ha rafforzato i risultati. Quando fai una ricerca linguistica, vuoi sapere che i risultati non sono solo una stranezza della lingua che stai studiando. Secondo lo studio, i bambini di età compresa tra 6 e 9 mesi che hanno avuto madri con livelli di istruzione più elevati preferivano parlare del bambino più dei bambini le cui madri avevano meno istruzione. Si sospetta che forse le madri con livelli di istruzione superiore parlassero di più ai bambini e usassero più spesso il linguaggio diretto ai bambini. Questo studio è uno dei primi pubblicati dal ManyBabies Consortium, un gruppo di ricercatori multi-lab.
L’insolita collaborazione internazionale e multilingue crei un modello per studi futuri che includono una simile ampiezza di lingue e culture. Sarà possibile davvero fare progressi nella comprensione del bilinguismo, e in particolare la variabilità del bilinguismo, grazie al loro accesso a tutte queste diverse comunità. Mentre la ricerca continua, i genitori possono chiacchierare con i loro bambini in una o due lingue e stare tranquilli sapendo che non causeranno alcuna confusione.

Daniele Corbo

Bibliografia: The full, open-access research paper is available at PsyArXiv

Immagine: Lullaby (Jonny Andvik)

8 commenti Aggiungi il tuo

  1. Please read my post

    "Mi piace"

  2. svivipuntoit ha detto:

    Molto interessante!

    "Mi piace"

  3. myrelar ha detto:

    Wonderful!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.