L’esercizio aumenta il flusso sanguigno al cervello

run 1 Painting by Pierre Richir

Non sono solo le gambe e il cuore che si allenano quando si cammina a passo svelto: l’esercizio influisce anche sul cervello. Un nuovo studio condotto dai ricercatori dell’UT Southwestern ha ampliato un precedente loro lavoro di cui abbiamo già parlato, mostrando che quando gli anziani con lieve perdita di memoria hanno seguito un programma di esercizi per un anno, il flusso sanguigno al cervello è aumentato.
I risultati sono stati pubblicati online ieri sul Journal of Alzheimer’s Disease. Questo fa parte di un crescente corpo di prove che collega l’esercizio con la salute del cervello. Hanno dimostrato per la prima volta in uno studio randomizzato su questi anziani che l’esercizio fa scorrere più sangue al cervello. Fino a un quinto delle persone di età pari o superiore a 65 anni ha un certo livello di lieve deterioramento cognitivo (MCI) – lievi modifiche al cervello che influenzano la memoria, il processo decisionale o le capacità di ragionamento. In molti casi, l’MCI progredisce verso la demenza, inclusa la malattia di Alzheimer.
Gli scienziati hanno precedentemente dimostrato che livelli di flusso sanguigno al cervello inferiori al normale e vasi sanguigni più rigidi che portano al cervello sono associati a MCI e demenza. Gli studi hanno anche suggerito che un regolare esercizio aerobico può aiutare a migliorare la cognizione e la memoria negli anziani sani. Tuttavia, gli scienziati non hanno stabilito se esiste un collegamento diretto tra esercizio fisico, vasi sanguigni più rigidi e flusso sanguigno cerebrale. C’è ancora molto che non si sa sugli effetti dell’esercizio fisico sul declino cognitivo più tardi nella vita. È probabile che l’MCI e la demenza siano influenzati da una complessa interazione di molti fattori e si pensa che, almeno per alcune persone, l’esercizio fisico sia uno di questi fattori.
Nello studio, i ricercatori hanno seguito 70 uomini e donne di età compresa tra 55 e 80 anni a cui era stato diagnosticato un MCI. I partecipanti sono stati sottoposti a esami cognitivi, test di fitness e scansioni di risonanza magnetica cerebrale (MRI). Quindi sono stati assegnati in modo casuale a seguire un programma di esercizi aerobici moderati o un programma di stretching per un anno. Il programma di esercizi prevedeva da tre a cinque sessioni di esercizio a settimana, ciascuna con 30-40 minuti di esercizio moderato, come una camminata veloce. In entrambi i programmi, i fisiologi dell’esercizio fisico hanno supervisionato i partecipanti per le prime 4-6 settimane, quindi i pazienti hanno registrato i loro esercizi e indossato un cardiofrequenzimetro durante l’esercizio. Quarantotto partecipanti allo studio – 29 nel gruppo di stretching e 19 nel gruppo di esercizi aerobici – hanno completato l’intero anno di allenamento e sono tornati per i test di follow-up. Tra questi, coloro che hanno eseguito esercizi aerobici hanno mostrato una diminuzione della rigidità dei vasi sanguigni del collo e un aumento del flusso sanguigno complessivo al cervello. Più il loro consumo di ossigeno (un indicatore della capacità aerobica) è aumentato, maggiori sono le modifiche alla rigidità dei vasi sanguigni e al flusso sanguigno cerebrale. Non sono stati riscontrati cambiamenti in queste misurazioni tra le persone che hanno seguito il programma di stretching.
Sebbene lo studio non abbia riscontrato cambiamenti significativi nella memoria o in altre funzioni cognitive, i ricercatori affermano che ciò potrebbe essere dovuto alle dimensioni ridotte o alla breve durata del processo. Le modifiche al flusso sanguigno potrebbero precedere le modifiche alla cognizione. Stanno già conducendo uno studio più ampio di due anni, “Risk Reduction for Alzheimer’s Disease” (rrAD), che indaga ulteriormente sul legame tra esercizio fisico e declino cognitivo.
È probabile che alcune persone traggano maggiori benefici dall’esercizio fisico rispetto ad altre. Ma con la dimensione del campione in questo studio, è stato difficile analizzare sottogruppi di persone per trarre queste conclusioni. Tuttavia, i dati sono importanti per aiutare a spiegare gli effetti dell’esercizio sul cervello e perché può essere utile. Avere risultati fisiologici come questo può essere utile anche per i medici quando parlano ai loro pazienti dei benefici dell’esercizio. Ora sappiamo, sulla base di uno studio randomizzato e controllato, che l’esercizio fisico può aumentare il flusso sanguigno al cervello, il che è una buona cosa.

Daniele Corbo

Bibliografia: The study will appear in Journal of Alzheimer’s Disease

Immagine: run 1 (Pierre Richir)

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. silviadeangelis40d ha detto:

    L’ha ripubblicato su Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava.

    "Mi piace"

  2. cheriewhite ha detto:

    Such beautiful art! Keep up the great work!

    "Mi piace"

      1. cheriewhite ha detto:

        You’re very welcome, Daniele

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.