I video di YouTube sulla depressione sono pericolosi e includono stigmatizzanti stereotipi

Depression Painting by Murat Tiryakioglu | Saatchi Art

I tassi di depressione sono triplicati negli Stati Uniti dall’inizio della pandemia COVID-19 e le stime più recenti suggeriscono che questi numeri rimangono elevati rispetto ai tassi pre-pandemici di problemi di salute mentale. Anche prima della pandemia, la depressione era una delle principali fonti di disabilità , colpendo oltre 17 milioni di americani ogni anno. In una società in cui l’educazione alla salute mentale non è insegnata in modo uniforme nelle scuole e dove la maggior parte delle persone depresse non viene curata, questa è una ricetta per il disastro.
Gli psicologi hanno proposto modi per riformare la cura della salute mentale , come aumentare l’accesso alle cure attraverso la telemedicina. Queste azioni sono importanti. Tuttavia, pochi esperti hanno fornito raccomandazioni su come i cittadini comuni possono appiattire la curva della depressione riducendo lo stigma. Per capire meglio perché lo stigma della depressione persiste, i ricercatori hanno esaminato come la depressione viene rappresentata nella sfera pubblica.
In uno studio pubblicato di recente, hanno codificato sistematicamente 327 video di YouTube sulla depressione in base a come presentavano le cause, la prognosi e il trattamento raccomandato della depressione. Speravano di ottenere informazioni su come un canale dei social media presenta le informazioni sulla depressione. Hanno appreso che i messaggi popolari su YouTube possono inconsapevolmente perpetuare lo stigma e idee sbagliate sulla depressione.
Anche se non siamo più nell’era degli istituti psichiatrici e delle lobotomie, lo stigma verso la depressione è vivo e vegeto. In uno studio del 2018 che ha fornito a 1.173 americani una vignetta raffigurante qualcuno con depressione, il 30% lo ha classificato come “violento” e il 20% ha sostenuto l’uso di trattamenti involontari. 🤦‍♂️ Nella vita di tutti i giorni, molte persone depresse sentono affermazioni che “la depressione non è reale” o “le persone depresse sono solo deboli e pigre”. La percezione pubblica, a quanto pare, o esagera o minimizza la gravità della depressione, nessuna delle quali coglie la verità. Lo stigma come questo peggiora la capacità delle persone di affrontare e cercare aiuto per la depressione. In questo contesto organizzazioni di volontariato come Orme Svelate che combattono lo stigma sono sempre più necessarie.
Ad esempio, una revisione di 144 studi ha rilevato che lo stigma riduce notevolmente le possibilità che una persona depressa cerchi un trattamento. Questo è preoccupante, specialmente per coloro che lottano con pensieri suicidi. Lo stigma è l’assassino numero uno di chi soffre di disagi mentali. Hanno scoperto che circa il 50% dei video di YouTube che ci sono presentava la depressione come una condizione biologica, come una “malattia del cervello” o “squilibrio chimico”. Oltre il 40% ha discusso di come circostanze situazionali come perdere un lavoro, subire abusi o altri eventi della vita possano causare depressione. Ma questi messaggi sono veri solo in parte. Nella maggior parte dei casi, la depressione è il risultato di una combinazione di circostanze biologiche, ambientali e psicologiche, anche se solo l’8% dei video mostrava messaggi coerenti con questa comprensione. Questo è chiamato modello biopsicosociale ed è il consenso tra psicologia clinica e psichiatria. Inquadrare la depressione come biologica o situazionale può restringere la propria visione dei potenziali trattamenti, quindi è importante trasmettere informazioni accurate sulla malattia. Ad esempio, gli studi dimostrano che quando alle persone viene detto che la loro depressione è causata da uno squilibrio chimico, è più probabile che preferiscano i trattamenti antidepressivi rispetto ad altri trattamenti. In altre parole, questi messaggi possono portare le persone a ignorare accidentalmente altri trattamenti basati sull’evidenza che potrebbero aiutarli, tra cui la terapia, l’esercizio fisico, i cambiamenti nello stile di vita e il sostegno sociale. La realtà è che molti trattamenti funzionano per la depressione. Tuttavia, potrebbe essere necessario del tempo per coloro che soffrono di depressione per trovare la giusta combinazione di trattamento che funzioni per loro.
Inoltre, mentre molti credono che parlare di origini biologiche diminuisca lo stigma della depressione, una revisione degli studi ha effettivamente scoperto che può avere l’effetto opposto. La storia è questa: quando le persone vedono la depressione come una malattia del cervello, è meno probabile che incolpi qualcuno per avere la depressione. Tuttavia, è anche più probabile che considerino la persona depressa come “diversa”, ” pericolosa ” e “non trattabile”. Gli studi dimostrano che queste convinzioni possono ridurre la disponibilità delle persone a sostenere o provare empatia per chi soffre di depressione.
Ad esempio un messaggio che YouTube lascia passare è: la depressione dura per anni … a volte per tutta la vita
Questo messaggio è una verità parziale, ma la scienza suggerisce un’immagine più complicata. Per alcuni, la depressione può durare anni a seconda delle circostanze della vita e dell’accesso alle cure. Per altri, la depressione può durare solo pochi mesi. Una revisione del 2011 degli studi sulla depressione ha concluso che “la maggior parte delle persone che soffrono di depressione guarirà entro un anno “. Fare questa distinzione è importante perché ci ricorda che la depressione non è permanente; anche se la depressione, per sua natura, può farci sentire come se tutto fosse senza speranza e non migliorerà … o se le cose miglioreranno, inevitabilmente peggioreranno di nuovo.
È importante per tutti noi, in questi tempi di incertezza, isolamento e preoccupazione per i nostri cari, ricordare a noi stessi e l’un l’altro che, con il tempo e gli sforzi diretti per migliorare la nostra salute mentale, possiamo perseverare. Alcuni dei video più irresponsabili suggerivano che la depressione può essere “risolta” con alcuni “semplici cambiamenti sullo stile di vita”. Tali video ricordano i guru dell’auto-aiuto eccessivamente promettenti. Affermazioni rapide come “solo esercizio, ti sentirai meglio” non solo invalidano ma non sono vere. È preoccupante che questi video si mascherino con parole dal suono scientifico. Il video ” 10 cibi da mangiare per combattere la depressione ” mostra come il pubblico possa essere indotto in errore. Con oltre 1 milione di visualizzazioni, il video afferma: “Il cioccolato fondente può aiutare ad aumentare i livelli di serotonina nel corpo” per combattere la depressione. Sfortunatamente per le persone depresse che amano il cioccolato, questa affermazione dal suono scientifico non è accurata. La nostra dieta ovviamente influisce sul nostro umore. Ma è semplicistico dire che mangiare cioccolato cura la depressione. Questi messaggi potrebbero indurre le persone a minimizzare e invalidare la gravità della depressione. Immagina come si sentirebbe una persona depressa sentendo “So che non puoi alzarti dal letto, ma hai provato a mangiare uno Snickers?
La prossima volta che tu o qualcuno che conosci ti sentirai depresso, prendilo sul serio. Sebbene i tempi siano duri e le circostanze possano sembrare disperate, la depressione è curabile e può essere superata.

Daniele Corbo

Bibliografia: The Conversation

Immagine: Depression (Murat Tiryakioglu)

Un commento Aggiungi il tuo

  1. fulvialuna1 ha detto:

    Un argomento delicato.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.