Stress pandemico e noia legati all’aumento del consumo di sigarette

Just a Moment - portrait of man with cigarette Painting by Tessa Thonett | Saatchi  Art

Lo stress, l’aumento del tempo libero e la sensazione di noia possono aver contribuito a un aumento del numero di sigarette fumate al giorno durante i primi mesi della pandemia COVID-19 da quasi un terzo dei fumatori intervistati in Pennsylvania. I ricercatori del Penn State College of Medicine hanno affermato che la comprensione dei fattori di rischio e lo sviluppo di nuove strategie per smettere di fumare e ridurre i danni possono aiutare i funzionari della sanità pubblica ad affrontare le tendenze nell’uso del tabacco che potrebbero essersi sviluppate a seguito della pandemia.
I fumatori che hanno aumentato il numero di sigarette fumate al giorno potrebbero essere maggiormente a rischio di dipendenza e avere più difficoltà a smettere. I ricercatori hanno chiesto a 291 fumatori informazioni sui loro modelli di consumo di tabacco prima e durante i primi mesi della pandemia, inclusa la frequenza con cui usavano i prodotti del tabacco, i motivi per cui i loro modelli di consumo sono cambiati e se hanno tentato di smettere. Quasi un terzo dei fumatori riferisce di un maggiore utilizzo dovuto a stress, aumento del tempo libero e noia.
Un partecipante ha dichiarato: “Lavorare a casa mi permette di fumare a volontà piuttosto che stare in un ambiente privo di fumo per 8 ore al giorno”. Al contrario, il 10% dei partecipanti ha diminuito il consumo di tabacco e lo ha attribuito a modifiche del programma, a non fumatori come i bambini e a motivi di salute. Quasi un quarto dei partecipanti ha riferito di aver tentato di smettere di fumare durante la pandemia. Un terzo di coloro che hanno tentato di smettere ha dichiarato di averlo fatto per ridurre il rischio di esiti negativi in ​​caso di infezione da COVID-19. Un partecipante ha dichiarato: “Ho smesso non appena ho avuto la febbre e la tosse. Chiaramente, sono consapevole di quanto il fumo sia dannoso per la mia salute; tuttavia, non ho considerato come potrebbe rendermi più vulnerabile al COVID-19 e ai suoi effetti. Ero terrorizzato e ho lasciato immediatamente “.
Alla fine, sette persone sono riuscite a smettere di fumare completamente. Il team di ricerca ha anche chiesto ai partecipanti la loro percezione dei rischi per la salute durante la pandemia. Più di due terzi dei partecipanti ritengono che il rischio di contrarre il COVID-19 sia lo stesso dei consumatori non di tabacco. Tuttavia, più della metà degli intervistati ritiene di essere a maggior rischio di subire gravi complicazioni da COVID-19. I risultati sono stati pubblicati sull’International Journal of Environmental Research and Public Health. Conoscere le ragioni dell’aumento dell’uso del tabacco e le motivazioni di coloro che hanno smesso di fumare con successo può aiutare a identificare come affrontare meglio gli sforzi per smettere di fumare durante la pandemia.
Nuovi metodi come la telemedicina e l’aumento dei messaggi di salute pubblica potrebbero incoraggiare le persone a smettere di fumare in assenza di gruppi di sostegno pubblico o altri interventi di persona.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Tobacco Use Changes and Perceived Health Risks among Current Tobacco Users during the COVID-19 Pandemic” by Jessica M. Yingst et al. International Journal of Environmental Research and Public Health

Immagine: Just a Moment – portrait of man with cigarette (Tessa Thonett)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.