La dipendenza dai social media è collegata al cyberbullismo

THE DARK SIDE OF TECHNOLOGY Painting by Jocelyn Doerr |

Poiché le piattaforme di social media come Instagram, Snapchat, TikTok e altre continuano a crescere in popolarità, gli adolescenti trascorrono più tempo online navigando in un mondo virtuale complesso. Una nuova ricerca suggerisce che questo aumento delle ore trascorse online potrebbe essere associato a comportamenti di cyberbullismo.
Secondo uno studio dell’Università della Georgia, punteggi più alti di dipendenza dai social media, più ore trascorse online e l’essere maschio hanno predetto in modo significativo la perpetrazione di cyberbullismo negli adolescenti. Ci sono alcune persone che si dedicano al cyberbullismo online a causa dell’anonimato e del fatto che non ci sono ritorsioni. Ci sono questi adolescenti che sono ancora nel bel mezzo dello sviluppo cognitivo, ma hanno a disposizione una tecnologia che ha un pubblico mondiale e quindi ci aspettiamo che facciano buone scelte. Il cyberbullismo può assumere molte forme, inclusi attacchi personali, molestie o comportamenti discriminatori, diffusione di informazioni diffamatorie, travisamento online, diffusione di informazioni private, esclusione sociale e cyberstalking.
Lo studio ha esaminato adolescenti di età compresa tra i 13 ei 19 anni. Delle 428 persone intervistate, 214 (50%) si sono identificate come donne, 210 (49,1%) come maschi e quattro (0,9%) come altro. Quando gli adolescenti sono online, si adattano a un diverso insieme di norme sociali rispetto a quando interagiscono di persona con i loro coetanei. Spesso sono più aggressivi o critici sui social media a causa dell’anonimato che hanno online e della loro capacità di evitare ritorsioni. Inoltre, i cyberbulli possono provare meno rimorso o empatia quando si impegnano in questi comportamenti perché non possono vedere l’impatto diretto delle loro azioni. L’autore non ha la possibilità di vedere quanto sia dannoso il proprio bullismo e di imparare dai propri errori e fare qualcosa di diverso. È una situazione spaventosa perché non hanno le conseguenze naturali che hanno con il bullismo dal vivo. Gli adolescenti che sono dipendenti dai social media hanno maggiori probabilità di partecipare al cyberbullismo, così come quelli che trascorrono più tempo online.
I partecipanti allo studio hanno riferito di aver trascorso in media più di sette ore online al giorno e la media massima riportata di ore trascorse online in un giorno è stata di oltre 12 ore. La dipendenza dai social media è quando le persone lo desiderano quando non ci sono, e continuano a utilizzarli nonostante le conseguenze negative. Alcune conseguenze negative potrebbero essere che sono stanchi durante il giorno perché scorrono tutta la notte, hanno conflitti con i loro genitori, stanno ottenendo voti bassi a scuola o sono impegnati in azioni online che in seguito dispiace, ma continuano a utilizzare i social media. I siti di social networking sono progettati per dare alle persone un colpo di dopamina e alcune persone cercano compulsivamente quel colpo.
Si sta alimentando in quel comportamento di dipendenza e potrebbero utilizzare il cyberbullismo come un modo per ottenere “Like, condivisioni, commenti e retweet”. Questo è il filo conduttore che vedi nelle dipendenze comportamentali: le persone iniziano a fare affidamento su un comportamento gratificante come un modo per farle sentire meglio quando provano emozioni negative. E quindi, l’articolo sulla dipendenza dai social media sia davvero interessante per mostrare che c’è un altro fattore in gioco qui oltre al numero di ore trascorse online.
Lo studio ha anche scoperto che i maschi adolescenti hanno maggiori probabilità di partecipare al cyberbullismo rispetto alle femmine, in linea con studi precedenti che mostrano che i comportamenti aggressivi tendono ad essere più guidati dai maschi. Ulteriori ricerche sul processo di socializzazione degli uomini possono aiutare a determinare cosa li porta a impegnarsi in più comportamenti di cyberbullismo.
I consulenti devono iniziare a valutare gli adolescenti per la dipendenza dai social media se sono coinvolti nel cyberbullismo e fornire piani di trattamento per ridefinire il loro rapporto con la tecnologia. Questi interventi possono includere aiutare gli adolescenti a esaminare come definiscono la loro autostima e limitare la quantità di tempo che trascorrono sulle piattaforme dei social media. Ci sono alcune valutazioni forti e affidabili per la dipendenza dai social media per gli adolescenti che hanno buone proprietà psicometriche. Quando i medici vedono il cyberbullismo accadere, hanno davvero bisogno di esplorare la relazione dell’individuo con i social media e affrontare la dipendenza dai social media, non solo il cyberbullismo.
Spesso, i consulenti scolastici non sono a conoscenza del cyberbullismo fino a quando non si è verificato un incidente. Per affrontare questo problema, i ricercatori consigliano alle scuole di iniziare a istruire gli studenti prima sul cyberbullismo e sulla dipendenza dai social media come metodo preventivo invece di aspettare di riparare il danno. Che si tratti di una campagna di sensibilizzazione o di un gruppo di sostegno, le scuole possono aiutare gli studenti a parlare di cyberbullismo per dare loro la possibilità di comprendere le conseguenze delle loro azioni e prepararli a potenziali rischi.
Abbiamo bisogno che scuole e consulenti scolastici svolgano questo lavoro preventivo precocemente e istruiscano gli studenti sul rischio di dipendenza con alcuni di questi comportamenti gratificanti come i giochi e i social media. Dobbiamo insegnare loro i segni premonitori della dipendenza comportamentale, cosa fare se iniziano a sentire come se stessero perdendo il controllo sui loro comportamenti e aiutarli a trovare altri modi per gestire le loro emozioni, piuttosto che rivolgersi a questi comportamenti. Ci sono molti programmi che si stanno già muovendo in questa direzione, ma ce ne sia bisogno di più. I consulenti possono aiutare a ridurre il rischio di alcuni di questi comportamenti di dipendenza in giovane età insegnando e fornendo ai bambini capacità di regolazione emotiva e altri modi per affrontare i loro sentimenti. A pensarci, gli adolescenti non solo stanno cercando di capire chi sono nella vita reale, ma stanno anche cercando di capire chi vogliono essere online.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Understanding Adolescent Cyberbullies: Exploring Social Media Addiction and Psychological Factors” by Amanda Giordano et al. Journal of Child and Adolescent Counseling

Immagine: THE DARK SIDE OF TECHNOLOGY (Jocelyn Doerr)

5 commenti Aggiungi il tuo

  1. Olga ha detto:

    Ne sono convinta,post interessante!

    "Mi piace"

    1. Grazie mille! Buona serata

      "Mi piace"

  2. svivipuntoit ha detto:

    Da quando sono madre è una delle cose che mi spaventa di più, Sono combattuta da un lato per la consapevolezza di non poter crescere un figlio fuori dal suo tempo, quindi non proibire, dall’altro lato sapere che esistono queste realtà e cercare di istruirlo il più possibile sia a difendersi che a evitare certi comportamenti.

    "Mi piace"

    1. Mi rendo conto che la cosa ti spaventi e sicuramente è impossibile isolare i ragazzi dalla tecnologia, soprattutto in questi tempi di DAD. Sicuramente va bene istruire, ma l’arma più potente che hai è dare amore e sicurezza che poi in lui si trasformano in forza e capacità di gestire situazioni emotivamente delicate e capacità di chiedere aiuto.

      Piace a 1 persona

      1. svivipuntoit ha detto:

        Grazie!

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.