Aumento o perdita di peso indesiderati durante la pandemia? Dai la colpa ai tuoi ormoni dello stress

Eating lunch Painting by Romaniuc Ciprian | Saatchi Art

Se hai avuto un aumento o una perdita di peso indesiderati durante la pandemia, non sei il solo. Secondo un sondaggio dell’American Psychological Association, il 61% degli adulti statunitensi ha riportato variazioni di peso indesiderate dall’inizio della pandemia. I risultati, pubblicati nel marzo 2021, hanno mostrato che durante la pandemia, il 42% degli intervistati ha guadagnato peso indesiderato – 13 Kg in media – e quasi il 10% di quelle persone ha guadagnato più di 23 Kg. Il rovescio della medaglia, quasi il 18% degli americani ha affermato di aver sperimentato una perdita di peso indesiderata, in media una perdita di 14 Kg. Un altro studio, pubblicato il 22 marzo 2021, ha valutato il cambiamento di peso in 269 persone da febbraio a giugno 2020. I ricercatori hanno scoperto, in media, che le persone guadagnavano costantemente 1 Kg al mese.
Un altro sondaggio condotto dall’American Psychological Association nel gennaio 2021 ha rilevato che circa l’84% degli adulti statunitensi ha sperimentato almeno un’emozione associata a stress prolungato nelle due settimane precedenti. I risultati sui cambiamenti di peso indesiderati hanno senso in un mondo stressante, specialmente nel contesto della risposta allo stress del corpo, meglio conosciuta come risposta di lotta o fuga. La risposta di lotta o fuga è una reazione innata che si è evoluta come meccanismo di sopravvivenza. Consente agli esseri umani di reagire rapidamente allo stress acuto, come un predatore, o di adattarsi allo stress cronico, come una carenza di cibo. Di fronte allo stress, il corpo vuole mantenere il cervello vigile. Riduce i livelli di alcuni ormoni e sostanze chimiche cerebrali per abbassare i comportamenti che non aiutano in una situazione urgente e aumenta altri ormoni che lo faranno.
Quando è sotto stress, il corpo abbassa i livelli di neurotrasmettitori come la serotonina, la dopamina e la melatonina . La serotonina regola le emozioni, l’appetito e la digestione. Quindi, bassi livelli di serotonina aumentano l’ansia e possono cambiare le abitudini alimentari di una persona. La dopamina, un altro neurotrasmettitore del benessere, regola la motivazione orientata agli obiettivi. La diminuzione dei livelli di dopamina può tradursi in una minore motivazione a fare esercizio, mantenere uno stile di vita sano o svolgere attività quotidiane. Quando le persone sono sotto stress, producono anche meno melatonina, l’ormone del sonno , che porta a disturbi del sonno. L’adrenalina e la norepinefrina mediano i cambiamenti fisiologici associati allo stress e sono elevati in situazioni di stress. Questi cambiamenti biochimici possono causare sbalzi d’umore, influire sulle abitudini alimentari di una persona, ridurre la motivazione orientata agli obiettivi e interrompere il ritmo circadiano di una persona. Nel complesso, lo stress può far perdere l’equilibrio alle tue abitudini alimentari e alla motivazione a fare esercizio o a mangiare sano, e quest’anno è stato sicuramente un anno stressante per tutti.
In entrambi gli studi, le persone hanno auto-riferito il proprio peso e i ricercatori non hanno raccolto alcuna informazione sull’attività fisica. Ma si può presumere con cautela che la maggior parte delle variazioni di peso siano dovute all’aumento o alla perdita di grasso corporeo. Allora perché le persone hanno guadagnato o perso peso nell’ultimo anno? E cosa spiega le drammatiche differenze?
Molte persone trovano conforto nel cibo ipercalorico. Questo perché il cioccolato e altri dolci possono renderti felice  aumentando i livelli di serotonina a breve termine. Tuttavia, il sangue cancella lo zucchero in eccesso molto rapidamente, quindi la spinta mentale è estremamente breve, portando le persone a mangiare di più. Mangiare per trovare conforto può essere una risposta naturale allo stress, ma se combinato con una minore motivazione all’esercizio fisico e al consumo di alimenti a basso contenuto di nutrienti e ricchi di calorie, lo stress può provocare un aumento di peso indesiderato.
E la perdita di peso? In poche parole, il cervello è collegato all’intestino attraverso un  sistema di comunicazione a due vie chiamato nervo vago . Quando sei stressato, il tuo corpo inibisce i segnali che viaggiano attraverso il nervo vago e rallenta il processo digestivo. Quando ciò accade, le persone sperimentano la pienezza. La pandemia ha lasciato molte persone confinate nelle loro case, annoiate e con cibo in abbondanza e poco per distrarle. Quando si aggiunge il fattore di stress a questo scenario, si ha una situazione perfetta per i cambiamenti di peso indesiderati. Lo stress farà sempre parte della vita, ma ci sono cose che puoi fare, come  praticare un dialogo interiore positivo , che possono aiutare a scongiurare la risposta allo stress e alcune delle sue conseguenze indesiderate.

Daniele Corbo

Bibliografia: The Conversation

Immagine: Eating lunch (Romaniuc Ciprian)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.