Legame tra l’esposizione prenatale agli ftalati e l’elaborazione delle informazioni alterate nei neonati

Baby Girl Painting by Halyna Kuznetsova

È noto che l’esposizione agli ftalati, una classe di sostanze chimiche ampiamente utilizzate negli imballaggi e nei prodotti di consumo, interferisce con la normale funzione e lo sviluppo degli ormoni negli studi sull’uomo e sugli animali. Ora i ricercatori hanno trovato prove che collegano l’esposizione delle donne incinte agli ftalati a esiti cognitivi alterati nei loro bambini. La maggior parte dei risultati ha coinvolto l’elaborazione delle informazioni più lenta tra i neonati con livelli di esposizione agli ftalati più elevati, con i maschi che hanno maggiori probabilità di essere colpiti a seconda della sostanza chimica coinvolta e dell’ordine delle informazioni presentate ai bambini.
Riportato sulla rivista Neurotoxicology, lo studio fa parte dell’Illinois Kids Development Study, che tiene traccia degli effetti delle sostanze chimiche che alterano gli ormoni sullo sviluppo fisico e comportamentale dei bambini dalla nascita alla metà dell’infanzia. Giunta al suo settimo anno, IKIDS ha arruolato centinaia di partecipanti e sta monitorando l’esposizione a sostanze chimiche nelle donne in gravidanza e gli esiti dello sviluppo nei loro figli. IKIDS fa parte di una più ampia iniziativa finanziata dal National Institutes of Health, il programma Environmental Influences on Child Health Outcomes. Sta monitorando l’impatto delle esposizioni chimiche prenatali e dello stress psicosociale materno sulla crescita e lo sviluppo dei bambini nel tempo.
Hanno misurato numerosi esiti alla nascita, compreso il peso alla nascita e l’età gestazionale. Hanno valutato anche la cognizione dei bambini studiando il loro comportamento visivo. Questo consente loro di ottenere misure di memoria di lavoro, attenzione e velocità di elaborazione delle informazioni.
I ricercatori hanno analizzato i metaboliti di tre ftalati comuni nei campioni di urina raccolti regolarmente dalle donne incinte nello studio. I dati sull’esposizione chimica sono stati utilizzati in combinazione con le valutazioni dei neonati delle donne quando i bambini avevano 7,5 mesi di età. I ricercatori hanno utilizzato un metodo consolidato che fornisce informazioni sul ragionamento dei bambini troppo piccoli per esprimersi verbalmente: i bambini in genere guardano più a lungo a immagini o eventi non familiari o inaspettati.
Il team ha utilizzato un eye-tracker a infrarossi per seguire lo sguardo di ogni bambino durante diversi test di laboratorio. Con il bambino seduto sulle ginocchia di un caregiver, i ricercatori hanno prima familiarizzato il bambino con due immagini identiche di un viso. Dopo che il bambino ha imparato a riconoscere il viso, i ricercatori hanno mostrato che lo stesso viso è stato accoppiato con uno sconosciuto. In prove ripetute, la metà dei 244 bambini testati ha visto una serie di volti familiari e l’altra metà ha imparato a riconoscere una serie diversa di volti come familiari.
Analizzando il tempo trascorso a guardare i volti, hanno potuto determinare sia la velocità con cui i bambini hanno elaborato nuove informazioni e valutare la loro capacità di prestare attenzione. La valutazione ha collegato l’esposizione delle donne in gravidanza alla maggior parte degli ftalati valutati con un’elaborazione più lenta delle informazioni nei loro bambini, ma il risultato dipendeva dalla sostanza chimica specifica, dal sesso del bambino e da quale serie di volti il ​​bambino considerava familiari. I neonati maschi, in particolare, tendevano a elaborare le informazioni più lentamente se le loro madri erano state esposte a concentrazioni più elevate di ftalati noti per interferire con gli ormoni androgeni. Anche le caratteristiche specifiche dei volti presentati ai bambini negli studi di familiarizzazione sembravano avere un ruolo nel risultato, hanno riferito i ricercatori. I bambini esposti agli ftalati che avevano familiarizzato per la prima volta con i volti del Set 2 avevano maggiori probabilità di sperimentare una velocità di elaborazione più lenta rispetto a quelli che avevano familiarità con i volti del Set 1.
La scoperta lascia perplessi, ma è probabilmente correlata alle differenze nelle preferenze dei bambini per i volti nei due set. Può anche essere un’indicazione che la familiarizzazione con i volti del Set 2 è un rilevatore più sensibile dei cambiamenti nella velocità di elaborazione relativi all’esposizione agli ftalati. La maggior parte degli studi precedenti sulla relazione tra l’esposizione prenatale agli ftalati e la cognizione si sono concentrati sulla prima e media infanzia. Questo nuovo lavoro suggerisce che alcune di queste associazioni possono essere rilevate molto prima nella vita di un bambino.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Associations of prenatal exposure to phthalates with measures of cognition in 7.5-month-old infants” by Susan Schantz et al. NeuroToxicology

Immagine: Baby Girl (Halyna Kuznetsova)

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. Please read my post

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.