Perché i nostri cervelli perdono opportunità per migliorare attraverso la sottrazione

This shows a tower made out of lego blocks

Se, come si suol dire, meno è meglio, perché noi umani esageriamo così tanto? In un nuovo articolo sulla copertina di Nature, i ricercatori dell’Università della Virginia spiegano perché le persone raramente guardano una situazione, un oggetto o un’idea che deve essere migliorata – in tutti i tipi di contesti – e pensano di rimuovere qualcosa come soluzione. Invece, aggiungiamo quasi sempre qualche elemento, che aiuti o meno. I risultati del team suggeriscono una ragione fondamentale per cui le persone lottano con programmi travolgenti, che le istituzioni si impantanano nella proliferazione della burocrazia e, di particolare interesse per i ricercatori, che l’umanità sta esaurendo le risorse del pianeta. Succede nella progettazione ingegneristica, ma succede anche nella scrittura, nella cucina e in tutto il resto – pensa solo al tuo lavoro e lo vedrai. La prima cosa che ci viene in mente è cosa possiamo aggiungere per renderlo migliore. Questo articolo mostra che lo facciamo a nostro discapito, anche quando l’unica risposta giusta è sottrarre. Anche con incentivi finanziari, non pensiamo ancora di portare via. Ricercatori della Batten School of Leadership and Public Policy hanno collaborato a una serie di studi osservazionali ed esperimenti per studiare il fenomeno. Quando si prendono in considerazione due ampie possibilità sul motivo per cui le persone vengono sistematicamente predefinite per l’addizione – o generano idee per entrambe le possibilità e scartano in modo sproporzionato soluzioni sottrattive o trascurano del tutto le idee sottrattive – i ricercatori si sono concentrati su quest’ultima.
Le idee additive vengono in mente rapidamente e facilmente, ma le idee sottrattive richiedono uno sforzo cognitivo. Poiché le persone spesso si muovono velocemente e lavorano con le prime idee che vengono in mente, finiscono per accettare soluzioni additive senza considerare affatto la sottrazione. I ricercatori pensano che potrebbe esserci un effetto auto-rinforzante. Più spesso le persone si affidano a strategie additive, più diventano accessibili cognitivamente. Nel tempo, l’abitudine di cercare idee additive potrebbe diventare sempre più forte e, a lungo termine, finiamo per perdere molte opportunità per migliorare il mondo per sottrazione. L’autore principale dello studio ha un libro che offre una visione più ampia dell’argomento,  Subtract: The Untapped Science of Less , che esce una settimana dopo l’articolo su Nature. Sebbene la tempistica sia una coincidenza, sia l’articolo che il libro sono prodotti dell’ambiente di ricerca interdisciplinare e collaborativo presso UVA. È una scoperta incredibilmente interessante e questa ricerca ha enormi implicazioni in tutti i contesti, ma soprattutto nell’ingegneria per migliorare il modo in cui viene progettata la tecnologia a beneficio dell’umanità.

Daniele Corbo

Bibliografia: “People systematically overlook subtractive changes” by Gabrielle S. Adams, Benjamin A. Converse, Andrew H. Hales & Leidy E. Klotz. Nature

Immagine: The image is credited to University of Virginia

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. gianni ha detto:

    Non so se sia a beneficio dell’umanità oppure un sofisticatissimo artificio mediatico e commerciale, fatto stà che l’argomento è uno dei fondamenti della vita umana moderna, pensandoci bene ognuno di noi ha applicato e sperimentato, e lo sta facendo tuttora, sia l’addizione, più spesso, che la sottrazione.
    Tra i tanti benefici della meditazione, nel nostro piccolo certamente possiamo capire i contesti e i motivi per applicarne uno o l’altro a seconda dei casi. Perché non è una regola fissa e infallibile, inoltre richiede una conoscenza approfondita degli ambiti di applicazione dove si può togliere qualcosa migliorandolo senza snaturarlo mentre può essere molto più facile ma inutile o dannoso e fonte di spreco aggiungere qualcosa.
    Articolo interessantissimo magari da spacchettare e condire con qualche esempio pratico ma si sa lo spazio e il tempo sono tiranni.
    Per esempio nella cucina dove la addizione regna mediaticamente e commercialmente, soprattutto nei cibi pronti, la continua aggiunta di additivi e la mescolanza di sapori dove invece la semplicità sarebbe migliore fonte di alimentazione e salute, però è una questione di gusti e i venditori usando mezzi leciti e illeciti favoriscono l’aggiunta e la fidelizzazione ( o dipendenza ) a seconda dei punti di vista gettando ponti verso i il futuro.
    Al contrario nella comunicazione io ho passato un paio di decenni a limare e condensare il modo con cui comunicare le informazioni a clienti e fornitori, perchè il tempo è denaro……….in alcuni campi della comunicazione però si è tolto troppo e ci siamo messi a comunicare per slogan, concetti che più diminuiti non si può, ma che in realtà non comunicano niente di comprensibile, solo idoli sparsi non verificabili.
    Per cui lei troverà senz’altro i miei commenti molto lunghi e forse prolissi ma sono arrivato alla conclusione, nel tempo, che se per dire una cosa mi servono 100 parole…..90 non bastano.
    Cordialmente.

    "Mi piace"

    1. Non tocchi il tasto della cucina…sono assolutamente d’accordo con lei! Allo stesso modo non prediligo gli slogan, né tantomeno i 140 caratteri di twitter (che infatti non ho mai usato). Ogni discorso merita il tempo, l’attenzione e i caratteri necessari ed i suoi commenti meritano di essere letti fino alla fine!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.