Il trattamento dell’apnea notturna può ridurre il rischio di demenza

Sleeping? Painting by Gabriele Cuccu |

Un nuovo studio rileva che gli anziani che hanno ricevuto terapia di pressione positiva delle vie aeree prescritta per l’apnea ostruttiva del sonno (OSA) potrebbero avere meno probabilità di sviluppare il morbo di Alzheimer e altri tipi di demenza.
I ricercatori dei Centri per i disturbi del sonno della Michigan Medicine hanno analizzato le richieste di Medicare di oltre 50.000 beneficiari di Medicare di età pari o superiore a 65 anni a cui era stata diagnosticata l’OSA. In questo studio rappresentativo a livello nazionale, hanno esaminato se le persone che hanno utilizzato la terapia con pressione positiva delle vie aeree avevano meno probabilità di ricevere una nuova diagnosi di demenza o lieve deterioramento cognitivo nei successivi 3 anni, rispetto alle persone che non hanno utilizzato la pressione positiva delle vie aeree. Hanno trovato un’associazione significativa tra l’uso della pressione positiva delle vie aeree e il minor rischio di Alzheimer e altri tipi di demenza in tre anni, suggerendo che la pressione positiva delle vie aeree può essere protettiva contro il rischio di demenza nelle persone con OSA.
I risultati sottolineano l’impatto del sonno sulla funzione cognitiva. Se esiste un percorso causale tra il trattamento dell’OSA e il rischio di demenza, come suggeriscono questi risultati, la diagnosi e il trattamento efficace dell’OSA potrebbero svolgere un ruolo chiave nella salute cognitiva degli anziani.
L’apnea ostruttiva del sonno è una condizione in cui le vie aeree superiori collassano ripetutamente durante la notte, impedendo la normale respirazione durante il sonno. L’OSA è associata a una varietà di altre condizioni neurologiche e cardiovascolari e molti anziani sono ad alto rischio di OSA. La prevalenza della demenza nei paesi industrializzati è circa del 8% negli ultrasessantacinquenni e sale ad oltre il 20% dopo gli ottanta anni. Secondo alcune proiezioni, i casi di demenza potrebbero triplicarsi nei prossimi 30 anni nei paesi occidentali. La demenza è in crescente aumento nella popolazione generale ed è stata definita secondo il Rapporto OMS e ADI una priorità mondiale di salute pubblica: “nel 2010 35,6 milioni di persone risultavano affette da demenza con stima di aumento del doppio nel 2030, il triplo nel 2050, con ogni anno 7,7 milioni di nuovi casi (1 ogni 4 secondi) e una sopravvivenza media dopo la diagnosi di 4-8-anni.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Obstructive Sleep Apnea Treatment and Dementia Risk in Older Adults” by G L Dunietz et al. Sleep

Immagine: Sleeping? (Gabriele Cuccu)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.