Come la sculacciata può influire sullo sviluppo del cervello nei bambini

The Spanking Painting by Melissa Glaze

La sculacciata può influenzare lo sviluppo del cervello di un bambino in modi simili a forme più gravi di violenza, secondo un nuovo studio condotto dai ricercatori di Harvard.
La ricerca, pubblicata venerdì scorso sulla rivista Child Development, si basa su studi esistenti che mostrano un’attività intensificata in alcune regioni del cervello dei bambini che subiscono abusi in risposta a segnali di minaccia. Il gruppo ha scoperto che i bambini che erano stati sculacciati avevano una maggiore risposta neurale in più regioni della corteccia prefrontale (PFC), comprese le regioni che fanno parte della rete di salienza. Queste aree del cervello rispondono a segnali nell’ambiente che tendono ad essere consequenziali, come una minaccia, e possono influenzare il processo decisionale e l’elaborazione delle situazioni.
Sappiamo che i bambini le cui famiglie usano punizioni corporali hanno maggiori probabilità di sviluppare ansia, depressione, problemi di comportamento e altri problemi di salute mentale, ma molte persone non pensano alla sculacciata come una forma di violenza. In questo studio, volevano esaminare se ci fosse un impatto della sculacciata a livello neurobiologico, in termini di come si sta sviluppando il cervello. Secondo gli autori dello studio, le punizioni corporali sono state collegate allo sviluppo di problemi di salute mentale, ansia, depressione, problemi comportamentali e disturbi da uso di sostanze. E studi recenti mostrano che circa la metà dei genitori negli studi statunitensi ha riferito di aver sculacciato i propri figli nell’ultimo anno e un terzo nell’ultima settimana.
Tuttavia, la relazione tra sculacciata e attività cerebrale non era stata studiata in precedenza.
I ricercatori hanno analizzato i dati di un ampio studio sui bambini tra i di età compresa tra 3 e 11 anni. Si sono concentrati su 147 bambini di età compresa tra 10 e 11 anni che erano stati sculacciati, esclusi i bambini che avevano anche subito forme di violenza più gravi. Ogni bambino giaceva in una macchina per la risonanza magnetica e osservava lo schermo di un computer sul quale venivano visualizzate immagini diverse di attori che facevano facce “paurose” e “neutre”. Uno scanner ha catturato l’attività cerebrale del bambino in risposta a ogni tipo di viso e quelle immagini sono state analizzate per determinare se i volti hanno innescato diversi modelli di attività cerebrale nei bambini che sono stati sculacciati rispetto a quelli che non lo erano.
In media, nell’intero campione, i volti paurosi hanno suscitato una maggiore attivazione rispetto ai volti neutri in molte regioni del cervello e i bambini che sono stati sculacciati hanno dimostrato una maggiore attivazione in più regioni del PFC rispetto ai volti neutri rispetto ai bambini che non sono mai stati sculacciati. Non c’erano regioni del cervello in cui l’attivazione di volti paurosi rispetto a volti neutri differiva tra i bambini che subivano abusi e i bambini che venivano sculacciati.
I risultati sono in linea con ricerche simili condotte su bambini che hanno subito violenze gravi, suggerendo che anche se potremmo non concettualizzare la punizione corporale come una forma di violenza, in termini di come risponde il cervello di un bambino, non è poi così diverso dall’abuso. È più una differenza di grado che di tipo. I ricercatori hanno affermato che lo studio è un primo passo verso un’ulteriore analisi interdisciplinare dei potenziali effetti della sculacciata sullo sviluppo del cervello dei bambini e sulle esperienze vissute. Questi risultati erano in linea con le previsioni di altre prospettive sulle potenziali conseguenze delle punizioni corporali. Identificando alcuni percorsi neurali che spiegano le conseguenze delle punizioni corporali nel cervello, è possibile ulteriormente suggerire che questo tipo di punizione potrebbe essere dannoso per i bambini e abbiamo più strade per esplorarlo.
Tuttavia, hanno notato che i loro risultati non sono applicabili alla vita individuale di ogni bambino. È importante considerare che le punizioni corporali non hanno un impatto su tutti i bambini allo stesso modo, e i bambini possono essere resistenti se esposti a potenziali avversità. Ma il messaggio importante è che le punizioni corporali sono un rischio che può aumentare i potenziali problemi per lo sviluppo dei bambini e, seguendo un principio di precauzione, i genitori e i responsabili politici dovrebbero lavorare per cercare di ridurne la prevalenza. In definitiva, bisogna essere fiduciosi che questa scoperta possa incoraggiare le famiglie a non utilizzare questa strategia e che possa aprire gli occhi delle persone sulle potenziali conseguenze negative delle punizioni corporali in modi a cui non avevano pensato prima.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Corporal Punishment and Elevated Neural Response to Threat in Children” by Katie A. McLaughlin et al. Child Development

Immagine: The Spanking (Melissa Glaze)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.