Scoperto il gene “istigatore” associato al morbo di Alzheimer

old woman with blue hat Painting by Dora Ragusa

In un nuovo documento pubblicato su Nature Communications , i ricercatori e i collaboratori della Mayo Clinic riferiscono che il gene che codifica le proteine ​​SERPINA5 può peggiorare i grovigli di proteine ​​tau, che sono caratteristici del morbo di Alzheimer, e far progredire la malattia. Combinando esperienza clinica, campioni di tessuto cerebrale, esperienza in patologia e intelligenza artificiale, il team ha chiarito e convalidato la rilevanza del gene per la malattia di Alzheimer. I ricercatori hanno utilizzato campioni di tessuto da 385 cervelli donati alla Mayo Clinic Brain Bank, che ospita oltre 9.000 campioni di tessuto cerebrale per lo studio dei disturbi neurodegenerativi. I campioni provenivano da persone a cui era stata diagnosticata la malattia di Alzheimer e non avevano malattie coesistenti riscontrate nel cervello. Ciò ha assicurato l’attenzione sulla malattia di Alzheimer, che ha permesso al team di concentrarsi su obiettivi rilevanti per la malattia. Questi campioni sono stati utilizzati per classificare il pattern dei grovigli di proteine ​​associati all’Alzheimer. Quindi il team ha utilizzato la patologia digitale e il sequenziamento dell’RNA per identificare l’espressione genica nei campioni, che misura efficacemente i cambiamenti genetici responsabili dell’istruzione delle proteine.
Sono stati in grado di esaminare un intero spettro di malattie e trovare cambiamenti genetici che possono davvero influenzare l’ippocampo, il centro della memoria del cervello. Ciò significa che potrebbero esserci obiettivi che indicano perché alcune persone hanno una conservazione relativa e alcune persone hanno una relativa esacerbazione dei sintomi di perdita di memoria. Utilizzando un algoritmo di apprendimento automatico, gli autori hanno ridotto i geni di interesse da circa 50.000 a cinque. Il miglior candidato, SERPINA5, è risultato fortemente associato alla progressione del groviglio tau nell’ippocampo e nella corteccia dei campioni. I ricercatori intendono studiare come SERPINA5 interagisce con la proteina tau per sviluppare un inibitore. Gran parte del focus delle terapie è sulle proteine ​​anormali, amiloide e tau, utilizzate per definire biologicamente la malattia di Alzheimer. Ma si spera di fare un passo indietro per guardare a un nuovo partner interagente che potrebbe effettivamente accelerare la tau o spingere l’accumulo di tau oltre il punto di svolta.
Sulla base di una crescente comprensione di come la malattia di Alzheimer possa colpire persone di età diverse o delle differenze osservate tra donne e uomini, il team di studio non ha limitato la propria indagine adattandosi all’età e al sesso. Il team ha recentemente ricevuto una sovvenzione dallo stato della Florida per garantire che i risultati siano ampiamente applicabili a una coorte di malattia di Alzheimer etno-razzialmente diversificata, poiché la necessità di ulteriori ricerche per chiarire la rilevanza dei cambiamenti dell’espressione genica sulla vulnerabilità dell’ippocampo può essere fondamentale per preservare la perdita di memoria nella malattia di Alzheimer. Ma, iniziando con il cervello umano e finendo con esso, i ricercatori sperano che i loro risultati forniscano un livello più profondo di comprensione che aiuti a far avanzare i risultati agli studi clinici più velocemente. Sebbene abbiano prove dirette di SERPINA5 nel contesto della malattia di Alzheimer, SERPINA3 in questa stessa famiglia di geni è stata osservata anche nell’Alzheimer e SERPINA1 nella SLA. Quindi si tratta di consapevolezza collettiva e di prestare attenzione a questo gruppo di proteine .

Daniele Corbo

Bibliografia: “Transcriptomic analysis to identify genes associated with selective hippocampal vulnerability in Alzheimer’s disease” by Melissa Murray et al. Nature Communications

Immagine: old woman with blue hat (Dora Ragusa)

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. fulvialuna1 ha detto:

    Una ricerca importantissima.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.