Un nuovo trattamento a base di luce per le malattie neurodegenerative

Movement of light Painting by Ode DROIT

Molto del cervello umano e delle sue complessità continuano a rimanere un mistero. Con il progresso della neurobiologia, la patogenesi di diverse malattie neurodegenerative (ND) è stata scoperta in una certa misura insieme a bersagli molecolari attorno ai quali ruotano le attuali terapie. Tuttavia, mentre gli attuali trattamenti offrono un temporaneo sollievo sintomatico e rallentano il decorso della malattia, non curano completamente la condizione e sono spesso accompagnati da una miriade di effetti collaterali che possono compromettere le normali funzioni quotidiane del paziente.
La stimolazione della luce è stata proposta come una promettente alternativa terapeutica per il trattamento di vari ND come il morbo di Alzheimer (AD), il morbo di Parkinson (PD), i disturbi cognitivi e del sonno. La terapia della luce consiste nell’esposizione controllata alla luce diurna naturale o alla luce artificiale di lunghezze d’onda specifiche. Anche se i neurologi di tutto il mondo hanno iniziato a testarne l’uso nella pratica clinica, resta meno chiaro sui meccanismi alla base del modo in cui la luce influisce sulla funzione neurologica. Pertanto, in un articolo di revisione ora pubblicato sul Chinese Medical Journal, i ricercatori cinesi riassumono in modo esauriente la crescente conoscenza sul meccanismo di azione, efficacia e applicazioni cliniche della terapia della luce (LT) nel trattamento della ND.
Questo lavoro può far progredire la nostra comprensione di nuove terapie emergenti per la ND. Mentre la terapia della luce è stata studiata nei disturbi mentali e del sonno, mancano conoscenze esaurienti sul suo utilizzo nelle malattie neurodegenerative. Hanno quindi cercato di far luce sui potenziali metodi terapeutici e sulle implicazioni della terapia della luce. La nostra funzione corporea è sintonizzata su un ritmo circadiano o diurno e notturno. L’orologio che controlla questo ritmo è alloggiato nella regione dell’ipotalamo del cervello. I geni espressi in questa regione sono fondamentali per mantenere il ritmo circadiano. Pertanto, un malfunzionamento di questi geni può interrompere il ciclo ritmico. Questi difetti sono stati associati a disturbi neurodegenerativi, metabolici e del sonno. Gli stimoli esterni come la luce, l’attività fisica e l’assunzione di cibo possono aiutare a resettare l’orologio e ripristinare i normali ritmi circadiani, alleviando così i sintomi.
Un altro meccanismo mediante il quale l’orologio controlla i ritmi circadiani è attraverso la secrezione dell’ormone della melatonina (MT). È noto che la MT secreta dalla ghiandola pineale nel cervello controlla i modelli di sonno poiché viene secreta in quantità maggiori durante la notte rispetto al giorno. La stimolazione leggera in questo caso sopprime la secrezione di MT durante il giorno e quindi riduce la sonnolenza. È interessante notare che diversi tessuti e organi del corpo possono rispondere in modo diverso alla stimolazione della luce. Inoltre, diverse biomolecole espresse nelle cellule immunitarie circolanti e nelle cellule staminali sono sensibili a specifiche lunghezze d’onda della luce e quindi suscitano risposte diverse promuovendo la secrezione di fattori neurotrofici che possono salvare le funzioni neuronali.
Successivamente, i ricercatori continuano a discutere l’applicazione della stimolazione della luce in specifici disturbi neurodegenerativi. In caso di AD, una demenza progressiva, i disturbi del sonno sono stati associati a una maggiore espressione di biomarcatori che promuovono la progressione della malattia. I pazienti con AD spesso sperimentano confusione, disagio emotivo e iperattività dopo il tramonto e durante la notte. Studi clinici preliminari su modelli murini di AD e su pazienti con AD suggeriscono che la stimolazione della luce aiuta a ripristinare la memoria e la cognizione e riduce il carico della proteina patogena amiloide-β nel cervello. Inoltre, è stato dimostrato che LT migliora la qualità e la durata del sonno nei pazienti con disturbi del sonno, mentre gli ambienti luminosi aiutano a ridurre l’ansia e i comportamenti aggressivi nei pazienti con demenza.
In caso di PD, i pazienti soffrono di disturbi motori, tremori e squilibrio posturale e mostrano anche sintomi non motori come insonnia, depressione e stanchezza che possono collettivamente compromettere la loro qualità di vita. Mentre è stato dimostrato che la LT riduce i sintomi non motori in una certa misura, le prove sui suoi benefici diretti verso la funzione motoria sono tuttavia limitate. L’uso di LT in altri disturbi neurodegenerativi è attualmente in fase preclinica e deve essere ulteriormente perseguito.
Nel complesso, LT offre un’alternativa sicura ed economica per il trattamento della ND. Ulteriori studi e studi clinici su larga scala in questa direzione possono aiutare a stabilire la sua efficacia come potenziale strategia terapeutica. La scatola luminosa o la lampada per terapia della luce aiuteranno a migliorare la qualità del sonno dei pazienti con disturbi del sonno. La stimolazione della luce avrà probabilmente anche effetti terapeutici sulle malattie neurodegenerative e sulla depressione stagionale. Sono necessari ulteriori studi per chiarire la sua efficacia. Questa revisione non solo fa avanzare la nostra comprensione di come funzioni la LT nel ripristino del ritmo circadiano e dei sintomi neurologici associati, ma evidenzia anche le sue applicazioni nella pratica clinica di routine.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Light therapy: a new option for neurodegenerative diseases” by Chun-Feng Liu et al. Chinese Medical Journal

Immagine: Movement of light (Ode DROIT)

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. Olga ha detto:

    interessante!

    "Mi piace"

  2. Por Yla ha detto:

    Che bello!

    "Mi piace"

    1. Sim, é uma descoberta muito importante!

      "Mi piace"

Rispondi a Olga Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.