Le lesioni cerebrali traumatiche possono aumentare il rischio di ictus fino a cinque anni

Beautiful mind Painting by Miri Baruch |

Secondo una nuova revisione sistematica guidata da un team dell’Università di Birmingham, il rischio di ictus per i pazienti con lesioni cerebrali traumatiche è al massimo nei quattro mesi successivi alla lesione e rimane significativo fino a cinque anni dopo il trauma. La lesione cerebrale traumatica (TBI) è un problema di salute globale che colpisce oltre 60 milioni di persone all’anno in tutto il mondo. Le incidenze di trauma cranico sono in aumento a causa di una serie di fattori tra cui maggiori cadute negli anziani, conflitti militari, infortuni sportivi e incidenti stradali. Tuttavia, i progressi nella terapia intensiva e nell’imaging hanno portato a una riduzione della mortalità correlata al trauma cranico.
Precedenti studi hanno associato il trauma cranico con un rischio a lungo termine di malattie neurologiche tra cui demenza, morbo di Parkinson ed epilessia, e il trauma cranico è stato proposto come fattore di rischio indipendente per l’ictus. Quest’ultima recensione, che riunisce 18 studi di quattro paesi e pubblicata ad aprile sull’International Journal of Stroke , è la prima del suo genere a indagare sul rischio di ictus post-infortunio.
Finanziata dal National Institute for Health Research’s Surgical Reconstruction and Microbiology Research Center con sede presso University Hospitals Birmingham NHS Foundation Trust, la revisione ha mostrato che i pazienti con trauma cranico hanno un rischio maggiore di ictus dell’86% rispetto ai pazienti che non hanno subito un trauma cranico. Il rischio di ictus può essere al massimo nei primi quattro mesi dopo l’infortunio, ma rimane significativo fino a cinque anni, ha rilevato la revisione. Significativamente, i risultati suggeriscono che il trauma cranico è un fattore di rischio per l’ictus indipendentemente dalla gravità o dal sottotipo della lesione. Ciò è particolarmente degno di nota perché dal 70% al 90% dei trauma cranici è lieve e suggerisce che il trauma cranico dovrebbe essere considerato una condizione cronica anche se è lieve e i pazienti guariscono bene.
I ricercatori hanno anche scoperto che l’uso di anticoagulanti, come VKA e statine, potrebbe aiutare a ridurre il rischio di ictus post-TBI, mentre l’uso di alcune classi di antidepressivi è associato a un aumento del rischio di ictus post-TBI. L’ictus è la seconda causa di morte e la terza causa di disabilità nel mondo, tuttavia, un trattamento urgente può prevenire la morte correlata all’ictus e la disabilità a lungo termine. Questa revisione ha trovato alcune prove che suggeriscono un’associazione tra il rischio di ictus ridotto post-trauma cranico e i farmaci per la prevenzione dell’ictus VKA e statine ma, come hanno scoperto studi precedenti, i farmaci per la prevenzione dell’ictus vengono spesso sospesi quando un individuo sperimenta un trauma cranico. Sono necessarie ulteriori ricerche per indagare sull’efficacia dei farmaci per la prevenzione dell’ictus post-trauma cranico per aiutare a informare i medici sulla prescrizione e facilitare il processo decisionale condiviso.
Come questa revisione ha dimostrato, i pazienti con trauma cranico dovrebbero essere informati del potenziale di aumento del rischio di ictus e con il rischio di ictus al suo massimo nei primi quattro mesi dopo l’infortunio, questo è un periodo di tempo critico per istruire i pazienti e i loro assistenti sul rischio e sui sintomi di ictus. Questo periodo iniziale di quattro mesi dovrebbe essere utilizzato anche dai medici per somministrare farmaci per la prevenzione dell’ictus e consigli sullo stile di vita per mitigare l’eccesso di rischio di ictus associato a trauma cranico.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Stroke risk following traumatic brain injury: Systematic review and meta-analysis” by Grace Turner et al. International Journal of Stroke

Immagine: Beautiful mind (Miri Baruch)

5 commenti Aggiungi il tuo

  1. La prevenzione è un comportamento utile (nel caso specifico avvisare dei rischi l’infortunato) ma potrebbe causare molta ansia nell’attesa della possibile eventualità. Credo sia un comportamento da valutare con molta attenzione ma anche delicatezza ed empatia, perché non tutti i pazienti reagiscono allo stesso modo. Mah!

    "Mi piace"

    1. Giusta osservazione. Soprattutto vanno sensibilizzati i medici che spesso possono ignorare le conseguenze dei traumi cerebrali ritenuti lievi e superati.

      Piace a 1 persona

      1. Anche. Condivido

        "Mi piace"

  2. vincenza63 ha detto:

    Purtroppo hai ragione.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.