La percezione dell’arte nei pazienti di Parkinson

Zedar Painting by Monika Markova | Saatchi Art

L’apprezzamento dell’arte è considerato essenziale per l’esperienza umana. Mentre il gusto nell’arte varia a seconda dell’individuo, la neuroscienza cognitiva può fornire indizi su come la visione dell’arte influisce sui nostri sistemi neurali e valutare come questi sistemi informano la nostra valutazione dell’arte. Ad esempio,  uno studio  mostra che la visione dell’arte attiva le aree motorie, sia nelle rappresentazioni chiare del movimento, come Adamo ed Eva in “La cacciata dal paradiso” di Michelangelo, sia nel movimento implicito attraverso pennellate, come nei dipinti gestuali di Franz Kline.
Il funzionamento neurale alterato, come quello sperimentato nei pazienti con malattia di Parkinson, cambia il modo in cui l’arte viene percepita e valorizzata, secondo uno studio pubblicato di recente su The  Journal of Cognitive Neuroscience  dai ricercatori del Penn Center for Neuroaesthetics della Perelman School of University Pennsylvania Medicinale. Hanno scoperto che le persone con disfunzione motoria neurologica hanno dimostrato una diminuzione delle esperienze di movimento nell’arte astratta e migliori preferenze per l’arte ad alto movimento, rispetto a un gruppo di controllo sano. Le persone possono sperimentare il movimento nell’arte astratta, anche senza movimenti impliciti, come le pennellate. Queste rappresentazioni del movimento influenzano sistematicamente le valutazioni estetiche delle persone, sia che si tratti di individui sani o persone con malattia di Parkinson.
Lo studio ha esaminato le esperienze estetiche di 43 persone con malattia di Parkinson e 40 controlli nella stessa fascia di età. I soggetti hanno espresso giudizi di movimento ed estetici su 10 dipinti di Jackson Pollock e 10 di Piet Mondrian. Utilizzando scale Likert a sette punti, i partecipanti hanno valutato i dipinti in nove categorie: Mi piace, Bellezza, Interesse, Familiarità, Movimento, Complessità, Equilibrio, Colore-Tonalità e Saturazione del colore. Le dimensioni del colore servivano come valutazioni di controllo relativamente oggettive.
Le persone con malattia di Parkinson hanno dimostrato preferenze stabili e coerenti internamente per l’arte astratta, ma la loro percezione del movimento nei dipinti era diminuita rispetto ai controlli. Questa scoperta fornisce la prova che il sistema motorio del cervello è coinvolto nella traduzione di informazioni non rappresentative da segnali visivi statici nell’immagine in rappresentazioni di movimento.
Ad esempio, i dipinti di Mondrian che ricevevano le valutazioni di movimento più elevate in questo studio contenevano più elementi visivi, linee sovrapposte, ripetizioni e molte piccole aree di colori contrastanti. Gli ultimi dipinti Boogie-Woogie di Mondrian, ispirati alla scena jazz di New York, sono visti come dinamici e ritmici, nonostante l’assenza di pennellate gestuali. La sensazione di movimento prodotta da opere come queste probabilmente deriva dal modo in cui questi elementi visivi vengono interpretati, portando a rappresentazioni astratte del movimento piuttosto che a simulazioni di specifiche azioni corporee. Allo stesso modo, i dipinti di Pollock possono essere percepiti come dinamici perché il numero crescente di colori sovrapposti e il modo di applicare la pittura portano a più ripetizioni, curvature e contrasti, che si ritiene evochino sensazioni di movimento.
Questi risultati sono particolarmente significativi perché, in precedenza, si ipotizzava che la visione dell’arte astratta stimolasse il sistema motorio perché le persone potevano immaginare i gesti che l’artista compiva quando dipingeva. Ma questa ricerca mostra che anche senza queste rappresentazioni del movimento, il sistema motorio può interpretare indizi visivi statici come movimento e, a sua volta, influire sull’apprezzamento estetico dello spettatore”. Gli effetti di movimento non possono essere attribuiti esclusivamente a una maggiore complessità nei dipinti in movimento superiori. I ricercatori non hanno riscontrato differenze significative nelle valutazioni di complessità o nella relazione tra complessità e simpatia per l’arte data da pazienti e controlli. I ricercatori notano che i pazienti hanno partecipato mentre assumevano i loro soliti farmaci. Un fattore non ancora considerato è l’effetto che i farmaci dopaminergici potrebbero avere sulle esperienze estetiche. La dopamina svolge un ruolo significativo nel normale funzionamento del sistema di ricompensa del cervello, che è di conseguenza disturbato nella malattia di Parkinson. L’intuizione fondamentale dello studio è che la capacità del cervello di costruire rappresentazioni astratte del movimento influenza le esperienze estetiche dell’arte delle persone.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Movement in Aesthetic Experiences: What We Can Learn from Parkinson’s Disease” by Stacey Humphries, Jacqueline Rick, Daniel Weintraub, Anjan Chatterjee. Journal of Comparative Neurology

Immagine: Zedar (Monika Markova)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.