È più probabile che i giovani vittime di bullismo fantastichino di commettere atti di violenza

Saatchi Art Artist Georg Óskar; Painting, “The bully seagull” #art

L’esperienza del bullismo e forme di aggressione nella tarda adolescenza e nella prima età adulta è collegata a un marcato aumento della probabilità di avere sogni ad occhi aperti o fantasie di ferire o uccidere persone, secondo un nuovo studio. Sebbene la ricerca abbia dimostrato che un numero significativo di persone fantastichi di infliggere danni, si sa poco sui processi alla base di tali “idee violente”.
Un team guidato da un professore dell’Università di Cambridge ha monitorato i pensieri e le esperienze auto-riferite di 1.465 giovani delle scuole di tutta la città svizzera di Zurigo all’età di 15, 17 e 20 anni. I ricercatori hanno raccolto dati sull’eventuale presenza di pensieri violenti negli ultimi 30 giorni e sui tipi di bullismo o aggressione vissuti negli ultimi 12 mesi. Hanno usato questionari per sondare i livelli di aggressività (umiliazione, percosse, omicidi) e obiettivi immaginati (estranei, amici) all’interno delle fantasie più oscure dei giovani. Il team ha anche chiesto informazioni sulle esperienze di 23 forme di “vittimizzazione”, come insulti, attacchi fisici e molestie sessuali da parte dei coetanei, genitorialità aggressiva – urla, schiaffi e così via – e violenza negli appuntamenti, ad esempio essere costretti a fare sesso. Sebbene la maggior parte degli adolescenti fosse stata vittimizzata in almeno un modo, subire una serie di maltrattamenti era “strettamente associato” a una maggiore probabilità di pensare di uccidere, attaccare o umiliare gli altri. I ragazzi erano più inclini al pensiero violento in generale, ma l’effetto di più vittimizzazioni sulle fantasie violente era molto simile in entrambi i sessi. Tra i ragazzi di 17 anni che non erano stati vittimizzati nell’anno precedente, la probabilità di fantasie violente nell’ultimo mese era del 56%. Con ogni ulteriore tipo di maltrattamento, la probabilità di fantasie violente aumenta fino all’8%. Coloro che elencavano cinque forme di vittimizzazione avevano una probabilità dell’85% di aver avuto fantasie violente; per chi ne ha elencati dieci era del 97%. Tra le ragazze della stessa età, nessuna esperienza di vittimizzazione ha avuto una probabilità di fantasia violenta del 23%, che è aumentata al 59% in quelle che hanno elencato cinque tipi di maltrattamenti e al 73% in quelle che hanno affermato di averne subito dieci. Un modo per pensare alle fantasie è mentre il nostro cervello prova scenari futuri.
L’aumento delle fantasie violente tra coloro che subiscono bullismo o maltrattamenti può essere un meccanismo psicologico per aiutarli a prepararli per la violenza a venire. Queste fantasie di reagire agli altri possono avere radici profonde nella storia umana, da un tempo in cui le società erano molto più violente e la punizione – o la minaccia di essa – era un’importante forma di protezione. La ricerca suggerisce la portata dell’ideazione violenta in società apparentemente pacifiche come la Svizzera, con pensieri omicidi sorprendentemente comuni. Circa il 25% di tutti i ragazzi di 17 anni e il 13% delle ragazze ha riferito di aver avuto almeno una fantasia di uccidere una persona che conoscono negli ultimi trenta giorni. Quasi uno su cinque di tutti i partecipanti allo studio a quell’età. Questi pensieri possono essere profondamente preoccupanti per coloro che li sperimentano. Il team, composto da ricercatori dell’Università di Zurigo, dell’Università di Edimburgo, dell’Università di Utrecht, dell’Università di Leiden e dell’Universidad de la Republica, ha raccolto e analizzato una grande quantità di dati. In quanto tali, sono stati in grado di filtrare e “controllare” altri possibili fattori scatenanti del pensiero violento negli adolescenti. Ad esempio, hanno scoperto che lo status socio-economico ha avuto un ruolo scarso nei tassi di fantasia violenta. Lo studio mostra anche che “eventi avversi della vita” come problemi finanziari o separazione dei genitori non hanno avuto un impatto significativo. I pensieri di uccidere gli altri sono innescati da esperienze di danneggiamento interpersonale, attacchi alla nostra identità personale, piuttosto che da stimoli nocivi più in generale. È la differenza tra le condizioni che rendono le persone arrabbiate e sconvolte e quelle che rendono le persone vendicative. Seguendo la maggior parte degli adolescenti fino all’età adulta, i ricercatori hanno potuto monitorare i modelli per diversi anni. I tassi complessivi dei pensieri più estremi sono diminuiti all’età di vent’anni: solo il 14% dei giovani uomini e il 5,5% delle donne aveva pensato di uccidere qualcuno che conosceva nell’ultimo mese. Tuttavia, gli effetti della vittimizzazione sulle fantasie violente non sono diminuiti con la crescita, suggerendo che l’intensità di questo meccanismo psicologico potrebbe non svanire. Questo studio non ha esaminato se le idee violente causate dalla vittimizzazione conducano effettivamente a comportamenti violenti. Tuttavia, una constatazione coerente in tutta la criminologia è che le vittime spesso diventano autori di reati e viceversa. Le fantasie sono sfrenate e la vendetta che ci viene in mente è spesso selvaggiamente sproporzionata rispetto all’evento del mondo reale che l’ha innescata. Studiare i meccanismi alla base delle fantasie violente, in particolare in giovane età, può aiutare con interventi mirati che possono impedire che la ruminazione ossessiva diventi orribilmente reale.
APPUNTI:
– Tra il 50 e l’80% degli studenti universitari riferisce almeno una fantasia di uccidere un’altra persona nella propria vita;
– Il 14% di un campione di comunità di adulti aveva sperimentato sogni ad occhi aperti o pensieri su come ferire fisicamente altre persone nei due mesi precedenti lo studio.
– Il team di ricerca ha anche trovato una correlazione minore tra il consumo di media violenti e pensieri violenti, ma gli effetti erano piccoli. Un fattore predittivo più significativo è stato semplicemente l’aver riferito di fantasie violente in età precoce, così come la convinzione che la violenza possa essere giustificata, il che contribuisce a ciò che i ricercatori chiamano “tratto aggressivo”.

Daniele Corbo

Bibliografia: “The association of polyvictimization with violent ideations in late adolescence and early adulthood: A longitudinal study” by Manuel Eisner et al. Aggressive Behavior

Immagine: The bully seagull (Georg Óskar)

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. fulvialuna1 ha detto:

    Che tristezza…

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.