Come distinguere uno psicopatico da uno “timido”

Psychopath mask Painting by salome sally |

Cosa rende un criminale uno  psicopatico?
Le loro azioni macabre e la presenza imponente attirano la nostra attenzione: non guardare oltre l’assassino Ted Bundy e il leader del culto Charles Manson. Ma nonostante anni di teorie e ricerche, il campo della salute mentale continua a discutere accanitamente quali sono le caratteristiche distintive di questa diagnosi. Potrebbe sorprendere che il sistema diagnostico psichiatrico più utilizzato negli Stati Uniti, il  DSM-5 , non includa la psicopatia come disturbo formale.
La maggior parte dei ricercatori della personalità e degli psicologi forensi concordano sul fatto che gli psicopatici sono persone senza rimorso che mancano di empatia per gli altri. Ma negli ultimi anni, gran parte di questo dibattito si è concentrato sulla rilevanza di un particolare tratto della personalità: l’audacia. Molti credono che l’audacia sia fondamentale per separare gli psicopatici dai più banali trasgressori della legge. È il tratto che crea la patina della normalità, dando a coloro che predano gli altri la maschera per fondersi con successo con il resto della società. Mancare di audacia, d’altra parte, significa essere ciò che si potrebbe chiamare un “timido-patico”.

Il fattore audacia
Circa 10 anni fa, lo psicologo Christopher Patrick e alcuni dei suoi colleghi hanno pubblicato un’ampia  rassegna della letteratura  in cui sostenevano che gli psicopatici erano persone che esprimevano livelli elevati di tre tratti fondamentali: meschinità, disinibizione e audacia. La maggior parte degli esperti nel campo della salute mentale generalmente concorda sul fatto che lo psicopatico prototipo è qualcuno che è sia cattivo che, almeno in una certa misura, disinibito, sebbene  ci sia persino qualche dibattito  su quanto sia veramente impulsivo e focoso il prototipo dello psicopatico. In un contesto psicologico, le persone meschine tendono a mancare di empatia e hanno scarso interesse per le relazioni emotive strette. Sono anche felici di utilizzare e sfruttare gli altri per il proprio guadagno personale. Le persone altamente disinibite hanno uno scarso controllo degli impulsi, sono inclini alla noia e hanno difficoltà a gestire le emozioni, in particolare quelle negative, come la frustrazione e l’ostilità. Nell’aggiungere audacia al mix, i ricercatori hanno sostenuto che i veri psicopatici non sono solo cattivi e disinibiti, sono anche individui equilibrati, senza paura, emotivamente resistenti e socialmente dominanti. Sebbene non sia stato al centro di ricerche approfondite negli ultimi decenni, il concetto di psicopatico audace non è in realtà nuovo. Il famoso psichiatra Hervey Cleckley lo descrisse nel suo libro seminale del 1941, ” The Mask of Sanity “, in cui descriveva numerosi casi di psicopatici che erano sfacciati, senza paura ed emotivamente imperturbabili. Ted Bundy è un eccellente esempio di una persona del genere. Era tutt’altro che modesto e timido. Non è mai apparso sconvolto dall’ansia o dal disagio emotivo. Ha incantato decine di vittime, ha servito con sicurezza come suo avvocato e ha persino proposto il matrimonio alla sua ragazza mentre era in tribunale. Probabilmente è solo essere disposti a correre dei rischi, ha detto Bundy, nel documentario Netflix, di ciò che ha motivato i suoi crimini. «O forse non vedo nemmeno il rischio. Solo vinto da quell’audacia e dal desiderio di realizzare una cosa particolare. “

Semi piantati nel DSM

Nell’attuale DSM, la diagnosi attuale più vicina alla psicopatia è il disturbo antisociale di personalità. Sebbene il manuale suggerisca che storicamente sia stata definita psicopatia,  gli attuali sette criteri diagnostici per il disturbo antisociale di personalità  ricadono principalmente sotto l’ombrello della disinibizione: qualità come “incoscienza”, “impulsività” e, in misura minore, meschinità, che sono evidenti solo in due criteri: “mancanza di rimorso” e “inganno”. Non si parla di audacia. In altre parole, non devi essere audace per avere un disturbo antisociale di personalità. In effetti, poiché devi soddisfare solo tre dei sette criteri per essere diagnosticato con il disturbo, significa che non devi nemmeno essere tutto ciò che c’è nell’elenco. Tuttavia, la revisione più recente del DSM, la quinta edizione, includeva una  sezione supplementare  per le diagnosi proposte che necessitano di ulteriori studi. In questa sezione supplementare, è stato offerto un nuovo specificatore per coloro che soddisfano la diagnosi di disturbo antisociale di personalità. Se hai uno stile interpersonale audace e senza paura che sembra servire da maschera per la tua personalità altrimenti meschina e disinibita, potresti anche essere diagnosticato come psicopatico.

Uno psicopatico può essere mite?

Resta da vedere se questo nuovo modello, che sembra porre l’audacia al centro della diagnosi di psicopatia, alla fine sarà adottato nelle successive iterazioni del sistema DSM. Diversi ricercatori  hanno criticato il concetto. Vedono la meschinità e la disinibizione molto più importanti dell’audacia quando decidono se qualcuno è uno psicopatico. Il loro problema principale sembra essere che le persone audaci – ma non meschine o disinibite – sembrano in realtà essere ben adattate e non particolarmente violente. In effetti, rispetto all’essere eccessivamente introverso o incline al disagio emotivo, sembra essere una risorsa nella vita di tutti i giorni. Altri  ricercatori tendono a considerare quelle critiche come non particolarmente convincenti. Probabilmente qualcuno che è semplicemente disinibito e meschino, ma non audace, non sarebbe in grado di tirare fuori lo spettacolare livello di manipolazione di cui è capace uno psicopatico. A dire il vero, essere meschini e disinibiti è una cattiva combinazione. Ma in mancanza di audacia, probabilmente non ti presenterai al telegiornale della sera per aver tramato decine di investitori su centinaia di milioni di dollari. Le possibilità di incantare con successo la vittima ignara dopo che la vittima ignara torna nel tuo appartamento per aggredirla sessualmente sembrano piuttosto scarse. Detto questo, le persone timide ma meschine – le “timido-patiche” – quasi certamente esistono, ed è probabilmente meglio stare alla larga anche da loro. Ma è improbabile che li possa confondere con i Ted Bundys e Charles Mansons del mondo.

Daniele Corbo

Bibliografia: The Conversation

Immagine: Psychopath mask (salome sally)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.