Le persone con longevità familiare mostrano un migliore invecchiamento cognitivo

the old man Painting by Antonov Roman |

Se vieni da una famiglia in cui le persone abitualmente vivono bene fino alla vecchiaia, probabilmente avrai una migliore funzione cognitiva (la capacità di pensare, imparare e ricordare chiaramente) rispetto ai coetanei di famiglie in cui le persone muoiono più giovani.
I ricercatori affiliati al Long Life Family Study (LLFS) hanno recentemente ampliato questa scoperta in un documento pubblicato su Gerontology, suggerendo che le persone che appartengono a famiglie longeve mostrano anche un declino cognitivo più lento nel tempo. Il Long Life Family Study ha arruolato oltre 5.000 partecipanti da quasi 600 famiglie e li segue da 15 anni.
Lo studio è unico in quanto arruola individui appartenenti a famiglie con gruppi di parenti longevi. Dal 2006, la LLFS ha reclutato partecipanti appartenenti a due gruppi: i fratelli longevi (chiamati anche generazione probando) e i loro figli. Poiché condividono lo stile di vita e fattori ambientali, anche i coniugi di questi due gruppi sono stati iscritti alla LLFS come gruppo di riferimento. Per valutare le prestazioni cognitive, i ricercatori hanno somministrato una serie di valutazioni ai partecipanti allo studio intese a testare diversi domini del pensiero, come attenzione, funzione esecutiva e memoria, in due visite a circa otto anni di distanza.
Ciò ha permesso ai ricercatori di chiedersi se gli individui provenienti da famiglie con longevità hanno prestazioni cognitive di base migliori rispetto ai loro coniugi e se la loro cognizione diminuisce più lentamente di quella dei loro coniugi. Per studiare questa domanda, i ricercatori di LLFS hanno utilizzato un modello per determinare la variazione del punteggio in diversi test neuropsicologici da una visita all’altra. Questo modello consente di valutare sia l’effetto trasversale della longevità familiare alla visita di base che l’effetto longitudinale sul tempo di follow-up.
Hanno dimostrato che gli individui di famiglie longeve hanno ottenuto risultati migliori dei loro coniugi in due test: un test di codifica dei simboli, che ha i partecipanti abbinare i simboli ai loro numeri corrispondenti e fornisce informazioni sulla velocità di elaborazione psicomotoria, l’attenzione e la memoria di lavoro e un richiamo di paragrafo test, che chiede ai partecipanti di ricordare una breve storia e valuta la memoria episodica.
I ricercatori dell’LLFS hanno anche scoperto che gli individui della generazione più giovane (partecipanti nati dopo il 1935) mostravano un tasso di declino cognitivo più lento nel test di codifica dei simboli rispetto ai loro coniugi. Questo risultato di un declino più lento nella velocità di elaborazione è particolarmente notevole perché la generazione più giovane è relativamente giovane a un’età media di 60 anni e quindi è improbabile che queste differenze siano dovute a malattie neurodegenerative. Questo suggerisce che le persone con longevità familiare dimostrano resilienza all’invecchiamento cognitivo. Studiando le famiglie LLFS possiamo conoscere la genetica, i fattori ambientali e le abitudini di vita che sono essenziali per ottimizzare la salute cognitiva per tutta la durata della vita.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Slower Decline in Processing Speed Is Associated with Familial Longevity” by Stacy Andersen et al. Gerontology

Immagine: the old man (Antonov Roman)

10 commenti Aggiungi il tuo

  1. luisa zambrotta ha detto:

    Per me è davvero una bella notizia! 💜💜💜

    "Mi piace"

    1. Oh, finalmente ci sono riuscito a darti una bella notizia😊❤️❤️

      Piace a 1 persona

      1. luisa zambrotta ha detto:

        Grazie di cuore, Daniele carissimo
        Un bacione😘😘😘

        "Mi piace"

  2. A. ha detto:

    Io sarò anche immortale, a casa mia i miei parenti sono tutti ultra novantenni 🤣

    "Mi piace"

    1. Allora non morirai mai!!!😁😅

      "Mi piace"

      1. A. ha detto:

        Pensa mi faccio anche gli affari miei 🤣

        "Mi piace"

      2. Ah allora…😂

        "Mi piace"

  3. adrianacarelli ha detto:

    Bella notizia, ho molti parenti over 90

    "Mi piace"

    1. Bene, mi fa piacere per te!😊

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.