Il cervello sensibile a riposo

SENSITIVE Painting by Carin Miller |

Sai che le persone hanno riferito che dopo mesi di pandemia, aggravata da problemi economici e disordini sociali, la fatica e lo scorrimento compulsivo dei social media colpiscono un’armonia familiare? Questi sentimenti fragili ci offrono uno sguardo su come può essere la vita normale per gli individui con sensibilità all’elaborazione sensoriale (SPS), un tratto biologico posseduto da circa un terzo della popolazione.
In un mondo fatto di costante sovraccarico di informazioni e stress, la SPS è una caratteristica che può provocare una varietà di comportamenti, dagli scoppi emotivi al ritiro, sopraffazione e procrastinazione. Dal punto di vista comportamentale, osserviamo che siamo più attenti e cauti quando ci si avvicina a cose nuove. Potresti vedere questo comportamento ovunque, dai moscerini della frutta agli umani. In una nuova situazione, le persone con questo tratto hanno maggiori probabilità di restare indietro e vedere cosa succede.
Un altro modo ampio di pensarci, che i biologi hanno utilizzato per comprendere le differenze individuali delle persone nelle risposte a cose diverse, è che la persona con un’elevata sensibilità sarà più reattiva, sia nel bene che nel male. Quindi, mentre le persone con un’elevata sensibilità potrebbero essere più scosse da situazioni scomode, potrebbero anche sperimentare livelli più elevati di creatività, legami più profondi con gli altri e un accresciuto apprezzamento della bellezza. Il meccanismo alla base di queste profondità e altezze, e di una maggiore cautela, risiede nel modo in cui il cervello delle persone altamente sensibili elaborano le informazioni: lo fanno in modo più profondo.
E in un articolo pubblicato sulla rivista Neuropsychobiology, i ricercatori continuano a capire dove si sta verificando questa elaborazione più profonda nel cervello. Uno dei nuovi progressi di questa ricerca è stato che nella maggior parte dei precedenti studi di imaging cerebrale sulla sensibilità, abbiamo avuto la tendenza a guardare le risposte agli stimoli. Questo è stato uno studio in cui hanno appena esaminato cosa fa il cervello a riposo e come l’essere sensibili lo influenza. Portando i loro soggetti volontari a uno scanner di risonanza magnetica funzionale ospitato nel seminterrato del Psychology Building dell’UCSB, i ricercatori hanno condotto un “compito di empatia” in cui ai partecipanti venivano mostrate le descrizioni di eventi felici, tristi o neutri, seguiti dai corrispondenti volti emotivi dei loro partner e di estranei. Ai volontari è stato chiesto di contare alla rovescia di sette da un gran numero “per lavare via gli effetti di provare qualsiasi tipo di emozione”, tra le foto del viso. Poi è stato chiesto loro di fornire alcune risposte per capire come si sono sentiti quando è stata mostrata l’immagine di ogni volto. Successivamente, i partecipanti sono stati istruiti a rilassarsi, mentre i loro cervelli venivano scansionati.
Quello che hanno trovato era un modello che suggeriva che durante questo riposo, dopo aver fatto qualcosa che era emotivamente evocativo, il loro cervello mostrava un’attività che suggeriva una profondità di elaborazione, e questa profondità di elaborazione è una caratteristica cardinale dell’alta sensibilità. Tra i segnali più robusti nei partecipanti che hanno ottenuto livelli più alti di SPS c’era una maggiore connettività tra il precuneo e l’ippocampo, un circuito implicato nel consolidamento della memoria episodica e nel recupero spontaneo della memoria. Il consolidamento della memoria è importante al fine di preparare un individuo per future situazioni simili e come rispondere ad esse. Nel frattempo, sono state trovate connessioni più deboli tra il grigio periacqueduttale e l’amigdala, una regione importante per la modulazione del dolore e dell’ansia, nonché tra l’insula e l’ippocampo, un circuito che si ritiene sia importante per l’elaborazione delle emozioni e la regolazione dello stress.
Queste connessioni negative potrebbero essere la ragione per cui le persone sensibili segnalano un’eccessiva stimolazione e un’ansia maggiore. La “robusta connettività negativa” dell’ippocampo e dell’insula in particolare suggerisce un consolidamento deliberativo della memoria di ordine superiore, piuttosto che le risposte automatiche abituali tipicamente innescate da eventi stressanti. I risultati di questo documento rappresentano un progresso significativo nella crescente comprensione della sensibilità dell’elaborazione sensoriale, un tratto che è presente tra circa 1,4 miliardi della popolazione globale. I risultati possono anche avere una certa rilevanza clinica per coloro che soffrono di disturbi dell’umore, come l’ansia. Un modo per aiutare con quella tensione e difficoltà a concentrarsi, indipendentemente dal fatto che ti consideri molto sensibile o meno? Prenditi una pausa. Per tutti noi, ma soprattutto per i più sensibili, concedersi qualche minuto di pausa e non necessariamente fare altro che rilassarsi può essere utile. Lo hanno visto a livello comportamentale e a livello del cervello.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Sensory Processing Sensitivity Predicts Individual Differences in Resting-State Functional Connectivity Associated with Depth of Processing” by Bianca Acevedo et al. Neuropsychobiology

Immagine: SENSITIVE (Carin Miller)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.