Fattori di rischio per la psicosi

Psychosis Anyone? Painting by Maya Twersky |

Le sottili differenze nella forma del cervello che sono presenti nell’adolescenza sono associate allo sviluppo della psicosi, secondo un team internazionale guidato da neuroscienziati dell’Università di Pittsburgh School of Medicine e dell’Università di Maastricht nei Paesi Bassi.
Nei risultati appena pubblicati su  JAMA Psychiatry,  le differenze sono troppo sottili per essere rilevate in un individuo o per essere utilizzate a fini diagnostici. Ma i risultati potrebbero contribuire agli sforzi in corso per sviluppare un punteggio di rischio cumulativo per la psicosi che consentirebbe un rilevamento e un trattamento precoci, nonché terapie mirate. La scoperta è stata fatta con il più grande raggruppamento di scansioni cerebrali in bambini e giovani adulti determinato dalla valutazione psichiatrica come ad alto rischio di sviluppare psicosi. Questi risultati in un certo senso fanno riflettere. Da un lato, il set di dati include il 600% in più di giovani ad alto rischio che hanno sviluppato psicosi rispetto a qualsiasi studio esistente, permettendo di vedere risultati statisticamente significativi nella struttura del cervello. Ma la differenza tra se un giovane ad alto rischio sviluppa o meno una psicosi è così piccola che sarebbe impossibile vedere una differenza a livello individuale. È necessario più lavoro per tradurre i risultati in cure cliniche.
La psicosi è un termine generico per una costellazione di gravi disturbi mentali che fanno sì che le persone abbiano difficoltà a determinare cosa è reale e cosa non lo è. Molto spesso, gli individui hanno allucinazioni in cui vedono o sentono cose che gli altri non vedono. Possono anche avere convinzioni forti o delusioni, anche quando la maggior parte delle persone non ci crede. La schizofrenia è solo un disturbo associato alla psicosi e sintomi psicotici possono verificarsi in altri disturbi psichiatrici, come disturbo bipolare, depressione, disturbo da dismorfismo corporeo o disturbo post-traumatico da stress. 
Nelle persone che ricevono una diagnosi di psicosi, c’è una grande eterogeneità nei risultati nel tempo. La diagnosi di solito si verifica nella tarda adolescenza e nella prima età adulta, ma il più delle volte i sintomi iniziano a manifestarsi negli anni dell’adolescenza, quando i medici possono utilizzare valutazioni psicologiche per determinare il rischio di una persona di sviluppare una psicosi conclamata.
Questo gruppo ha raggruppato scansioni di risonanza magnetica strutturale (MRI) da 3.169 partecipanti volontari di un’età media di 21 anni che sono stati reclutati in 31 diverse istituzioni. Circa la metà – 1.792 dei partecipanti – era stata determinata a essere “ad alto rischio clinico di sviluppare psicosi”. Di quei partecipanti ad alto rischio, 253 hanno sviluppato psicosi entro due anni. Questo studio non sarebbe stato possibile senza gli sforzi di collaborazione degli oltre 100 ricercatori coinvolti.
Osservando tutte le scansioni insieme, il team ha scoperto che quelli ad alto rischio di psicosi avevano uno spessore corticale inferiore diffuso, una misura dello spessore della materia grigia del cervello. Nei giovani ad alto rischio che in seguito svilupparono psicosi, una corteccia più sottile era più pronunciata in diverse regioni temporali e frontali. Tutti passano attraverso un processo di diradamento corticale mentre si sviluppano in un adulto, ma il team ha scoperto che nei partecipanti più giovani tra i 12 ei 16 anni che hanno sviluppato psicosi il diradamento era già presente. Anche in questi giovani ad alto rischio che hanno sviluppato psicosi è progredito a un ritmo più lento rispetto al gruppo di controllo.
Non si sa ancora esattamente cosa significhi, ma l’adolescenza è un momento critico nella vita di un bambino: è un momento di opportunità per correre rischi ed esplorare, ma anche un periodo di vulnerabilità. Si potrebbe vedere il risultato di qualcosa che è accaduto anche prima nello sviluppo del cervello, ma inizia a influenzare il comportamento solo durante questa fase di sviluppo. Questi risultati sottolineano l’importanza della diagnosi precoce e dell’intervento nelle persone che mostrano fattori di rischio per lo sviluppo di psicosi, che includono l’udito di sussurri da voci che non ci sono e una storia familiare di psicosi. Fino ad ora, i ricercatori hanno studiato principalmente come il cervello delle persone con alto rischio clinico di psicosi differisce in un dato momento. Un importante passo successivo è comprendere meglio i cambiamenti cerebrali nel tempo, il che potrebbe fornire nuovi indizi sui meccanismi sottostanti rilevanti per la psicosi.

Daniele Corbo

Bibliografia: The research will appear in JAMA Psychiatry

Immagine: Psychosis Anyone? (Maya Twersky)

6 commenti Aggiungi il tuo

  1. Por Yla ha detto:

    É incrível que pessoas transmitem pela a arte a sua agonia em não poder falar, tornando-se assim portadores de diversas síndromes.

    "Mi piace"

    1. Você está certo, é incrível. A arte pode se tornar uma ferramenta de comunicação e uma forma catártica. Oi, querida

      Piace a 1 persona

      1. Por Yla ha detto:

        Oi, querido. Tudo bem?

        "Mi piace"

      2. Obrigada querida, você é muito gentil! Eu estou bem. E você?

        Piace a 1 persona

      3. Por Yla ha detto:

        Obrigada! Também estou, graças a Deus

        "Mi piace"

      4. Fico feliz por voce😊🌷

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.