Una possibile nuova terapia per l’emicrania

Migraine Drawing by Hope Ewing |

Scoprendo un potenziale nuovo meccanismo cellulare per l’emicrania, i ricercatori potrebbero anche aver trovato un nuovo modo per trattare l’emicrania cronica. Lo studio pubblicato su  eLife aveva l’obiettivo di identificare un nuovo meccanismo di emicrania cronica e proporre un percorso cellulare per le terapie contro l’emicrania. Il team, la cui ricerca si concentra sulla neurobiologia del dolore e del mal di testa, ha spiegato che il processo dinamico di instradamento e reindirizzamento delle connessioni tra le cellule nervose, chiamato plasticità neurale, è fondamentale sia per le cause che per le cure dei disturbi del sistema nervoso centrale come la depressione, dolore cronico e dipendenza.
La struttura della cellula è mantenuta dal suo citoscheletro che è costituito dalla proteina, la tubulina. La tubulina è in uno stato di flusso costante, crescente e calante per cambiare le dimensioni e la forma della cellula. Questa proprietà dinamica della cellula consente al sistema nervoso di cambiare in risposta al suo ambiente. La tubulina viene modificata nel corpo attraverso un processo chimico chiamato acetilazione. Quando la tubulina è acetilata, incoraggia il citoscheletro flessibile e stabile; mentre la deacetilazione della tubulina – indotta dall’istone deacetilasi 6, o HDAC6, promuove l’instabilità citoscheletrica. Studi su modelli di topi mostrano che la diminuzione della complessità neuronale può essere una caratteristica o un meccanismo dell’emicrania cronica. Quando HDAC6 viene inibito, vengono ripristinate l’acetilazione della tubulina e la flessibilità del citoscheletro. Inoltre, HDAC6 ha invertito i correlati cellulari dell’emicrania e ha alleviato il dolore associato all’emicrania, secondo lo studio.
Questo lavoro suggerisce che lo stato di emicrania cronica può essere caratterizzato da una ridotta complessità neuronale e che il ripristino di questa complessità potrebbe essere un segno distintivo dei trattamenti anti-emicrania. Questo lavoro costituisce anche la base per lo sviluppo di inibitori HDAC6 come nuova strategia terapeutica per l’emicrania. Questa ricerca rivela un modo per reimpostare il cervello verso il suo stato di emicrania pre-cronica. Il blocco dell’HDAC6 consentirebbe ai neuroni di ripristinare la sua flessibilità in modo che il cervello sia più ricettivo ad altri tipi di trattamento. 
In questo modello stanno dicendo che forse chi soffre di emicrania cronica ha una ridotta flessibilità neuronale. Se riuscissero a ripristinare quella complessità forse potrebbero farli uscire da quel ciclo. Una volta fuori dal ciclo di diminuzione della complessità neuronale, il cervello potrebbe diventare più reattivo alle terapie per la gestione del dolore. Gli inibitori di HDAC6 sono attualmente in fase di sviluppo per il cancro e l’HDCA6 è stato identificato come bersaglio per altri tipi di dolore. Apre la possibilità di qualcosa che si dovrebbe guardare su una scala più ampia. 
Questi cambiamenti sono forse un segno distintivo di tutti i tipi di stati di dolore cronico? L’emicrania è un disturbo cerebrale comune che si stima colpisca il 14% della popolazione mondiale. Le stime attuali dei costi statunitensi per l’emicrania raggiungono i 40 miliardi di dollari all’anno. Un sottogruppo particolarmente debilitante di pazienti con emicrania sono quelli con emicrania cronica, definita come avere più di 15 giorni di cefalea al mese. Le terapie per l’emicrania sono spesso solo parzialmente efficaci o scarsamente tollerate, creando la necessità di terapie farmacologiche più diversificate.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Neuronal complexity is attenuated in preclinical models of migraine and restored by HDAC6 inhibition” by Zachariah Bertels, Harinder Singh, Isaac Dripps, Kendra Siegersma, Alycia F Tipton, Wiktor D Witkowski, Zoie Sheets, Pal Shah, Catherine Conway, Elizaveta Mangutov, Mei Ao, Valentina Petukhova, Bhargava Karumudi, Pavel A Petukhov, Serapio M Baca, Mark M Rasenick, Amynah A Pradhan. eLife

Immagine: Migraine (Hope Ewing)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.