Il COVID-19 altera il volume della materia grigia nel cervello

Questo mostra covid

Secondo un nuovo studio condotto dai ricercatori della Georgia State University e del Georgia Institute of Technology, i pazienti con Covid-19 che ricevono ossigenoterapia o hanno la febbre mostrano un volume di materia grigia ridotto nella rete frontale-temporale del cervello. Lo studio ha rilevato che un volume di materia grigia inferiore in questa regione del cervello era associato a un livello più elevato di disabilità tra i pazienti con Covid-19, anche sei mesi dopo la dimissione dall’ospedale.
La materia grigia è vitale per l’elaborazione delle informazioni nel cervello e le anomalie della materia grigia possono influenzare il funzionamento e la comunicazione dei neuroni. Lo studio, pubblicato nel numero di maggio 2021 di  Neurobiology of Stress,  indica che la materia grigia nella rete frontale potrebbe rappresentare una regione centrale per il coinvolgimento del cervello in Covid-19, anche al di là dei danni legati alle manifestazioni cliniche della malattia, come l’ictus.
I ricercatori, che sono affiliati al Center for Translational Research in Neuroimaging and Data Science (TReNDS), hanno analizzato scansioni di tomografia computerizzata in 120 pazienti neurologici, di cui 58 con Covid-19 acuto e 62 senza Covid-19, abbinati per età, sesso e malattia. Hanno utilizzato l’analisi della morfometria basata sulla sorgente, che aumenta il potere statistico per gli studi con una dimensione del campione moderata. La scienza ha dimostrato che la struttura del cervello influisce sulla sua funzione, e l’imaging cerebrale anormale è emerso come una delle principali caratteristiche del Covid-19.
Studi precedenti hanno esaminato il modo in cui il cervello è influenzato dal Covid-19 utilizzando un approccio univariato, ma questo è il primo a utilizzare un approccio multivariato basato sui dati per collegare questi cambiamenti a caratteristiche specifiche del Covid-19 (ad esempio febbre e mancanza di ossigeno) e il risultato (livello di disabilità). L’analisi ha mostrato che i pazienti con livelli più elevati di disabilità avevano un volume di materia grigia inferiore nella circonvoluzione frontale superiore, mediale e media alla dimissione e sei mesi dopo, anche durante il controllo delle malattie cerebrovascolari. Anche il volume della materia grigia in questa regione è stato significativamente ridotto nei pazienti che ricevevano ossigeno terapia rispetto ai pazienti che non ricevevano ossigeno terapia. I pazienti con febbre hanno avuto una significativa riduzione del volume della materia grigia nel giro temporale inferiore e medio e nel giro fusiforme rispetto ai pazienti senza febbre. 
I risultati suggeriscono che Covid-19 può influenzare la rete frontale-temporale attraverso la febbre o la mancanza di ossigeno. La riduzione della materia grigia nella circonvoluzione frontale superiore, mediale e media era presente anche nei pazienti con agitazione rispetto ai pazienti senza agitazione. Ciò implica che i cambiamenti della materia grigia nella regione frontale del cervello possono essere alla base dei disturbi dell’umore comunemente esibiti dai pazienti con Covid-19. Le complicanze neurologiche sono sempre più documentate per i pazienti con Covid-19. È stato anche dimostrato che una riduzione della materia grigia è presente in altri disturbi dell’umore come la schizofrenia ed è probabilmente correlata al modo in cui la materia grigia influenza la funzione dei neuroni. I risultati dello studio dimostrano che le modifiche alla rete frontale-temporale potrebbero essere utilizzate come biomarcatori per determinare la probabile prognosi di Covid-19 o valutare le opzioni di trattamento per la malattia. Successivamente, i ricercatori sperano di replicare lo studio su un campione di dimensioni maggiori che includa molti tipi di scansioni cerebrali e diverse popolazioni di pazienti con Covid-19.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Alterations of frontal-temporal gray matter volume associate with clinical measures of older adults with COVID-19” by K. Duan, et. al. Neurobiology of Stress

Immagine: L’immagine è di pubblico dominio

Un commento Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.