La demenza è collegata al fumo e alle malattie cardiovascolari

Smoke Painting by Wojtek Herman |

Nel più ampio studio sulle associazioni tra fumo e malattie cardiovascolari sulla funzione cognitiva, i ricercatori del Translational Genomics Research Institute (TGen), affiliato di City of Hope, hanno riscontrato che entrambi compromettono la capacità di apprendere e memorizzare; e che gli effetti del fumo sono più pronunciati tra le donne, mentre i maschi sono più indeboliti dalle malattie cardiovascolari. I risultati sono appena apparsi sulla rivista  Scientific Reports.
I precedenti tentativi di quantificare la funzione cognitiva tra i fumatori e valutare le differenze di sesso hanno prodotto risultati contrastanti. I ricercatori di TGen attribuiscono questo alla dimensione limitata dei set di dati precedenti. Analizzando i dati che rappresentano più di 70.000 individui in tutto il mondo – generati attraverso il test cognitivo online di TGen chiamato MindCrowd – l’attuale studio ha prodotto risultati che indicano tendenze definitive.
Questi risultati suggeriscono che il fumo e le malattie cardiovascolari influiscono sull’apprendimento verbale e sulla memoria per tutta l’età adulta, a partire dai 18 anni. Il fumo è associato a una diminuzione dell’apprendimento e della funzione di memoria nelle donne, mentre l’apprendimento cardiovascolare è associato a una diminuzione dell’apprendimento e della funzione di memoria negli uomini. Oltre al morbo di Alzheimer, la causa più significativa del declino cognitivo è nota come “contributi vascolari al deterioramento cognitivo e alla demenza” o VCID, che deriva da ictus e altre lesioni cerebrali vascolari che causano cambiamenti significativi alla memoria, al pensiero e al comportamento: fumo e malattie cardiovascolari esacerbare VCID. Le ragioni di questi effetti di modifica del sesso non sono del tutto comprese. 
I risultati evidenziano l’importanza di considerare il sesso biologico nello studio dei contributi vascolari al deterioramento cognitivo e alla demenza. I risultati di questo studio sono importanti poiché il fumo di sigaretta è la principale causa di malattie e decessi prevenibili, rappresentando quasi 1 decesso su 5 e le malattie cardiovascolari sono la principale causa di malattia e morte in tutto il mondo, ed è un importante predittore di declino cognitivo e VCID. Le malattie vascolari sono anche associate ad un aumento del rischio di Alzheimer, che è la sesta causa di morte.
Poiché lo studio comprendeva una vasta gamma di adulti, tra i 18 e gli 85 anni, ha consentito ai ricercatori di valutare la relazione tra fumo, malattie cardiovascolari e memoria verbale nella fascia di età più ampia utilizzata fino ad oggi. I ricercatori hanno notato che pochi studi hanno precedentemente valutato gli effetti delle malattie cardiovascolari nei giovani adulti e che la comprensione della relazione tra malattia cardiovascolare e funzione cognitiva nei giovani adulti può essere necessaria per comprendere le possibili opportunità di trattamento e intervento. Questo studio evidenzia alcune differenze impreviste ma importanti tra i sessi relative al declino cognitivo. L’impatto sull’acutezza mentale sembra progressivo nel tempo, alcuni più rapidi di altri. Le abitudini di vita legate alla dieta, all’esercizio fisico e al fumo sono certamente consequenziali e possono differire tra uomini e donne. Le persone sottoposte a cure contro il cancro possono essere influenzate cognitivamente dal cancro e dal suo trattamento. Questo studio sostiene l’importanza di mantenere la salute cardiovascolare e smettere di fumare non solo a sostegno della loro cura del cancro, ma per migliorare la funzione cerebrale.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Smoking is associated with impaired verbal learning and memory performance in women more than men” by C. R. Lewis, J. S. Talboom, M. D. De Both, A. M. Schmidt, M. A. Naymik, A. K. Håberg, T. Rundek, B. E. Levin, S. Hoscheidt, Y. Bolla, R. D. Brinton, M. Hay, C. A. Barnes, E. Glisky, L. Ryan & M. J. Huentelman. Scientific Reports

Immagine: Smoke (Wojtek Herman)

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    Anche i fumi degli scarichi delle auto potrebbero danneggiare le nostre capacità cognitive?

    "Mi piace"

      1. Le perle di R. ha detto:

        Non è una buona notizia ☹️

        "Mi piace"

      2. No… Infatti bisognerebbe avere sempre più cura dell’ambiente…

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.