#Foodporn: le persone sono più attratte dai contenuti dei social media che mostrano cibi grassi

Hamburger Painting by Natasha Junmanee

La vita fuori dai nostri salotti è stata scarsamente possibile dall’inizio della pandemia di COVID-19, quindi non sorprende che le persone si siano sempre più rivolte alla produzione e al consumo di post sui social media incentrati sul cibo. Con un accesso limitato ai nostri ristoranti, caffè o fast food preferiti, i social media sono diventati un modo sicuro per le persone di ottenere la loro dose culinaria. Ma cosa c’è nei video di cibo che coinvolge gli utenti e genera più like, commenti e condivisioni? Una recente indagine, pubblicata sul  Journal of Consumer Psychology , si è concentrata sulla composizione nutrizionale dei piatti rappresentati sui social media. Hanno esaminato le ricette e gli ingredienti per centinaia di video di Facebook dal profilo Tasty di Buzzfeed e abbiamo scoperto che la densità calorica può influenzare positivamente il coinvolgimento sui social media. È interessante notare che non tutti i nutrienti sono uguali quando si tratta di coinvolgimento. Piuttosto, quelli che le persone possono facilmente vedere, come i grassi saturi, possono essere più responsabili.

Mangiare con gli occhi

La pandemia di COVID-19 ha modificato radicalmente il nostro rapporto con il cibo:  cosa stiamo mangiando ,  dove stiamo mangiando ,  perché stiamo mangiando come siamo  e anche  quando stiamo mangiando. Non sorprende che le persone trascorrano anche  più tempo sui social media  dall’inizio della pandemia. Nel loro insieme, l’uso pervasivo dei social media ha anche cambiato il modo in cui le persone sono esposte al cibo. Con oltre 400 milioni di post  taggati #food  e 250 milioni  taggati #foodporn  su Instagram al momento della pubblicazione di questo articolo, gli utenti dei social media sono inondati di visualizzazioni visive di cibo. Forse la cosa più notevole è che  Buzzfeed’s Tasty  è diventata la più grande rete culinaria digitale al mondo, accumulando più di 100 milioni di follower su Facebook e  oltre un miliardo di visualizzazioni mensili. Data l’ubiquità dei media alimentari online, la comprensione delle caratteristiche specifiche che modellano il coinvolgimento è di fondamentale importanza per diversi gruppi: produttori di contenuti che cercano di adattare i media alle preferenze degli spettatori; inserzionisti che cercano di aumentare l’impatto del marketing; e sostenitori della salute interessati ad aiutare i consumatori a fare scelte alimentari migliori.

Nutrizione e coinvolgimento sui social media

Gli esseri umani sono programmati per cercare cibi con caratteristiche che  il cervello riconosce istintivamente come preziose . Vedere cibi ad alto contenuto calorico come quelli ad alto contenuto di grassi (come hamburger, pizza e biscotti) in genere precede il consumo piacevole, quindi è naturale che gli esseri umani si  occupino visivamente del cibo. Trovare e mangiare cibi ad alto contenuto calorico in genere fa sentire bene le persone, rilasciando dopamina e  stimolando i centri del piacere del cervello . Ciò suggerisce che il contenuto nutrizionale può essere ampiamente valutato dall’aspetto di un piatto e che la semplice esposizione a pasti ad alto contenuto calorico può far sentire bene le persone. Quando si tratta di influenzare i comportamenti online, il legame tra sentirsi bene e coinvolgimento digitale è ben documentato. È più probabile che i contenuti positivi diventino  virali  e i contenuti dei social media che fanno sentire bene i consumatori  aumentano la probabilità di essere apprezzati, commentati e condivisi . Nel loro insieme, l’esposizione visiva ai media alimentari che sembra denso di calorie – al contrario di calorie leggere – dovrebbe guidare il coinvolgimento dei social media.

Più grasso = più coinvolgimento?

Questa ricerca ha esaminato le ricette e gli ingredienti per centinaia di video di Facebook da Buzzfeed’s Tasty utilizzando un algoritmo di elaborazione del testo. Hanno scoperto che la densità calorica può influenzare positivamente il coinvolgimento dei social media. Diversi esperimenti di follow-up suggeriscono che l’effetto positivo, la misura in cui ci sentiamo bene dopo l’esposizione visiva a cibi ad alto contenuto calorico, aiuta a spiegare la connessione. È interessante notare che non tutti i nutrienti sono uguali quando si tratta di coinvolgimento. Piuttosto, quelli che le persone possono facilmente vedere, come i grassi saturi, possono essere più responsabili. I grassi saturi sono prevalenti nel  burro, formaggio, carne e oli e sono noti per dare ai cibi le loro   esperienze sensoriali succose, gommose e cremose. Questi risultati sono in linea con un approccio particolare alla fotografia del cibo, in cui l’aggiunta di una  lucentezza artificiale con WD-40  può far sembrare il cibo più grassoccio, umido e succoso.
Questi risultati sollevano una domanda interessante: è possibile rendere più attraenti cibi più sani, come le verdure, applicando caratteristiche visive associate a cibi più grassi, ad esempio rivestendoli di una lucentezza? L’identificazione di queste caratteristiche visive dei nutrienti può informare meglio le strategie per aumentare il coinvolgimento con contenuti multimediali alimentari più attenti alla salute. Le piattaforme di social media utilizzano  algoritmi di ordinamento  per classificare le priorità e aumentare i contenuti che ricevono più coinvolgimento. La semplice pubblicazione di contenuti online non significa che verranno visualizzati. Piuttosto, è l’impegno con i contenuti che amplifica la portata e offre contenuti a un pubblico più ampio. Se i contenuti che presentano cibi malsani o ipercalorici hanno maggiori probabilità di ricevere coinvolgimento, è anche più probabile che raggiungano più persone.
Nel complesso, questa ricerca offre alcune informazioni iniziali su come la composizione nutrizionale dei media alimentari influenzi il coinvolgimento dei social media. Poiché la preoccupazione dei consumatori per i media alimentari digitali continua a crescere, specialmente durante i blocchi della pandemia, è fondamentale comprendere i fattori che aumentano il coinvolgimento con questi contenuti, con implicazioni per la salute pubblica.
Non solo la nutrizione influenza  ciò che le persone mangiano , ma questa ricerca suggerisce che può anche modellare le dinamiche sociali in termini di ciò che le persone condividono con gli altri, influenzando e normalizzando ciò che gli altri mangiano.
La prossima volta che ti piace, commentare o condividere un video di cibo sui social media, considera cosa c’è nel cibo che trovi così attraente.

Daniele Corbo

Bibliografia: The Conversation

Immagine: Hamburger (Natasha Junmanee)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.