I film horror come spazio di guarigione reinventato

Nosferatu - vampire, horror movie - Painting by Anna Scarpetti |

Se hai visto un film slasher, probabilmente hai visto il caratteristico finale con la ragazza: una scena finale di un’adolescente bianca di periferia che ha trionfato su un mostro minaccioso e ha vissuto per raccontare la storia. Ma la sua storia non si ferma qui: in un certo senso, una vita completamente nuova, offuscata dal trauma, è appena iniziata. Un articolo pubblicato sulla rivista  Horror Studies considera la rappresentazione di Laurie Strode da parte dell’attrice Jamie Lee Curtis nel film di Halloween uscito nel 2018, 40 anni dopo che i suoi amici sono stati assassinati da Michael Myers la notte di Halloween. In quel film originale, sopravvisse ai suoi attacchi brandendo un ferro da calza, un appendiabiti e un coltello che lui lasciò cadere. L’adulta Strode vive una vita isolata in una fortezza nei boschi, sempre all’erta per l’incombente minaccia del ritorno di Myers. All’inizio della sua vita adulta, gli spettatori apprendono che la sua paranoia l’aveva resa una madre inadatta agli occhi delle autorità e sua figlia era stata portata via.
Nell’articolo, il team di ricerca esamina la rappresentazione del trauma di Strode nel sequel di Halloween del 2018 dell’originale del 1978, e come la rappresentazione della sua lotta dopo la sopravvivenza – come è stata diffamata e respinta, ma alla fine si è dimostrata giusta – potrebbe offrire ai sopravvissuti al trauma la possibilità di vedere un po’ di se stessi sul grande schermo. Il modo in cui questo film tratta specificamente i cicli di traumi e la loro connessione con le esperienze dei sopravvissuti è stato molto importante è indicativo di come si parla di trauma e sopravvissuti al trauma anche oggi, e dei modi in cui si parla delle persone negativamente: il loro trauma non viene riconosciuto o non viene data loro l’opportunità di guarire.
I ricercatori pensano di usare l’ultimo tropo femminile ora per reimmaginare gli spazi per la guarigione o il futuro per le persone con traumi. Il futuro di un sopravvissuto includerà sempre i ricordi di quel trauma ed è importante riconoscere che il trauma esiste e continua a influenzare la realtà delle persone che lo vivono. Anche loro meritano un futuro felice e sano. Le persone non devono essere definite solo dalle parti negative di questa esperienza. Quando è uscito il sequel, la stessa Curtis ha richiamato l’attenzione sull’intersezione tra finzione e realtà, dicendo a Variety che pensava che le donne che combattevano il proprio trauma sarebbero state in grado di relazionarsi con i disperati tentativi di Strode di convincere gli scettici che Michael Myers era ancora una minaccia: sembra che una confluenza di quella frustrazione e quella crescita di potere si siano unite in questo film in un modo bellissimo. 
Il contesto finale della ragazza è sempre stato che è sopravvissuta e questo è abbastanza. Oppure ha ucciso il mostro e basta. Va bene, ma non è così che funzionano le esperienze delle persone. Il trauma riguarda gli effetti dopo che l’evento è finito. L’ultimo tropo femminile è stato definito dalla studiosa Carol Clover nel libro del 1992 Men, Women, and Chain Saws: Gender in the Modern Horror Film. Il personaggio di Laurie Strode è stato fondamentale per la definizione di Clover e mentre ha sottolineato che il trauma ha aiutato a caratterizzare la ragazza nel finale, l’analisi si è fermata prima di esaminarne gli effetti. La sopravvivenza al trauma stesso è una crisi, che anche andare avanti con la vita dopo un evento traumatizzante è traumatico. Il personaggio di Laurie Strode mostra come potrebbe apparire: la sua ossessione di proteggere se stessa e gli altri è legata alla sua sopravvivenza e la sua visione della vita – una vita salvata dalle sue stesse mani – rimane cupa perché è convinta di essere soggetta a una minaccia continua.
Un’analisi come questa non ha lo scopo di sminuire il brivido di guardare film horror e slasher, ma il consiglio è di consumare prima i media per divertimento, e poi rivedere o rileggere il materiale con un occhio verso la domanda domande critiche. Va benissimo solo godersi i media, ma è sempre importante essere consapevoli di come i media inquadrano le esperienze, specialmente le esperienze di persone che sono in qualche modo emarginate. I sopravvissuti al trauma sono spesso emarginati. Il pericolo è assorbire i media e non fare mai domande al riguardo, ciò significa che non sei consapevole di come stanno strutturando i tuoi comportamenti e le tue abitudini. Il film dovrebbe continuare con l’uscita di Halloween Kills a ottobre e, nel 2022, di Halloween Ends. Basandosi sulla scena finale del sequel del 2018, della nipote di Strode che impugna un coltello insanguinato che ha usato per difendersi, il team di ricerca vede il potenziale per una rappresentazione del trauma intergenerazionale. La struttura del film implica che il ciclo continuerà ed è interessante come questi concetti si perpetueranno.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Forty years later: Laurie Strode and the survival of the Final Girl” by Morgan Podraza. Horror Studies

Immagine: Nosferatu – vampire, horror movie (Anna Scarpetti)

8 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    Io non riesco a vedere gli horror, perciò sarà alquanto improbabile mettermi alla prova sulla mia reazione ai media, quantomeno in questo caso.

    "Mi piace"

    1. Non è necessario, puoi farne a meno…ciao Rita

      Piace a 1 persona

      1. Le perle di R. ha detto:

        Buona serata, Daniele 🌜

        Piace a 1 persona

  2. elettasenso ha detto:

    Non riesco a vederli. Mia figlia ne va pazza 😁

    "Mi piace"

    1. Lo capisco, non è scontato riuscire a vederli… spesso le persone li guardano per esorcizzare le proprie paure. Ciao😊

      "Mi piace"

  3. Hangaku Gozen ha detto:

    It’s fine to just enjoy the media, but it’s always important to be aware of how the media frames experiences, especially the experiences of people who are somehow marginalized.

    I hope the English translation of that line is correct. I rely too heavily on Google Translate these days to read texts in Italian. But excellent post! I enjoy horror films, and I think your article explains why, at least in most cases. (Not all of the films end with the heroine surviving, which is always disappointing.) There’s a sigh of relief at the end, but in the back of one’s mind there’s always a sense that the evil didn’t end completely. The final Halloween sequel exemplified that well.

    "Mi piace"

    1. Yes, the translation is right. It’s true, not all of the films end with the heroine surviving and in all the cases, at the end we haven’t a positive sense inside us. But we keep seeing horror movies. Probly the article explaine why. Thanks a lot!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.