I livelli di ossigeno nel sangue e la perdita di memoria come sintomo precoce dell’Alzheimer

the old man Painting by Antonov Roman

Per la prima volta al mondo, gli scienziati dell’Università del Sussex hanno registrato i livelli di ossigeno nel sangue nell’ippocampo e hanno fornito prove sperimentali del perché l’area, comunemente indicata come “centro della memoria del cervello”, è vulnerabile ai danni e alla degenerazione, un precursore della malattia di Alzheimer.
Per capire perché questa regione è così sensibile, i ricercatori dell’Università del Sussex hanno studiato l’attività cerebrale e il flusso sanguigno nell’ippocampo dei topi. I ricercatori hanno quindi utilizzato simulazioni per prevedere che la quantità di ossigeno fornita ai neuroni dell’ippocampo più lontani dai vasi sanguigni è appena sufficiente per consentire alle cellule di continuare a funzionare normalmente.
Questi risultati sono un passo importante nella ricerca di misure preventive e trattamenti per l’Alzheimer, perché suggeriscono che l’aumento del flusso sanguigno nell’ippocampo potrebbe essere davvero efficace nel prevenire il danno. Se è giusto che l’aumento del flusso sanguigno nell’ippocampo sia importante per proteggere il cervello da malattie come l’Alzheimer, allora darà ulteriore peso all’importanza dell’esercizio regolare e di una dieta a basso contenuto di colesterolo per la salute del cervello a lungo termine. Normalmente va tutto bene, ma quando succede qualcos’altro per ridurre il flusso sanguigno cerebrale, i livelli di ossigeno nell’ippocampo si riducono a livelli che impediscono ai neuroni di funzionare.
Si pensa che questo sia probabilmente il motivo per cui la malattia di Alzheimer causa prima problemi di memoria, perché la diminuzione precoce del flusso sanguigno impedisce all’ippocampo di funzionare correttamente. Gli stessi fattori che ti mettono a rischio di avere un infarto ti aumentano la probabilità di sviluppare la demenza. Questo perché il nostro cervello ha bisogno di un flusso sanguigno sufficiente per fornire energia, sotto forma di ossigeno e glucosio, in modo che le cellule cerebrali possano funzionare correttamente e perché il flusso sanguigno può eliminare i prodotti di scarto come le proteine ​​beta amiloidi che si accumulano nell’Alzheimer.
I ricercatori hanno scoperto che il flusso sanguigno e i livelli di ossigeno nell’ippocampo erano inferiori a quelli nella corteccia visiva. Inoltre, quando i neuroni sono attivi, c’è un grande aumento del flusso sanguigno e dei livelli di ossigeno nella corteccia visiva. Questo fornisce energia ai neuroni “affamati”. Ma nell’ippocampo, queste risposte erano molto più piccole. Gli scienziati hanno anche scoperto che i vasi sanguigni nell’ippocampo contenevano meno trascritti di mRNA (codici per la produzione di proteine) per le proteine ​​che modellano la dilatazione dei vasi sanguigni. Inoltre, le cellule che dilatano i piccoli vasi sanguigni, chiamate periciti, avevano una forma diversa nell’ippocampo rispetto alla corteccia visiva. Si pensa che i vasi sanguigni nell’ippocampo siano meno in grado di dilatarsi rispetto alla corteccia visiva. Ora i ricercatori vogliono scoprire se il flusso sanguigno più basso e i livelli di ossigeno nell’ippocampo sono ciò che fa sì che la beta amiloide inizi ad accumularsi nell’Alzheimer. Capire cosa causa un danno precoce sarà davvero importante per aiutare a imparare come trattare o prevenire le malattie.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Neurovascular coupling and oxygenation are decreased in hippocampus compared to neocortex because of microvascular differences” by Catherine Hall et al. Nature Communications

Immagine: the old man (Antonov Roman)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.